Google+

Hollande rende omaggio ai caduti francesi durante le Guerre mondiali. Ma solo a quelli musulmani

febbraio 19, 2014 Leone Grotti

Il presidente socialista si è recato alla grande moschea di Parigi per recuperare i voti dei musulmani, che non appoggiano le sue scelte in materia di temi etici, in vista delle elezioni municipali di marzo

Tutti i capi di Stato del mondo onorano i caduti durante le Guerre mondiali, specialmente ora che si avvicina il 100esimo anniversario della Prima. Ma solo Hollande divide i caduti a seconda della religione di appartenenza e sceglie di onorare quelli musulmani e non quelli cristiani.

GRANDE MOSCHEA DI PARIGI. Così ieri il presidente della Repubblica francese si è recato nella grande moschea di Parigi per inaugurare il monumento alla memoria dei 100 mila soldati musulmani che hanno combattuto tra le fila francesi e che hanno perso la vita in guerra. «La Repubblica ha un debito verso di loro», ha detto ricordando poi che «l’islam in Francia e il suo messaggio di apertura sono perfettamente compatibili con i valori della Repubblica». Inoltre, ha aggiunto, «bisogna lottare contro le discriminazioni, le disuguaglianze e il razzismo» che sono alla base di «parole e atti anti-islamici».

MOSSA ELETTORALE. L’iniziativa, ovviamente, è lodevole ma per niente ispirata da reali sentimenti di gratitudine. Come fa notare il Le Figaro, più dell’80 per cento dell’elettorato musulmano francese ha votato per Hollande nel 2012. Oggi, però, a un mese dalle elezioni municipali è probabile che sarebbero in pochi a rifare la stessa scelta. Le decisioni prese dall’esecutivo sui temi etici, dal matrimonio gay alla fecondazione assistita all’ideologia di genere insegnata nelle scuole, per non parlare di quelle economiche, hanno alienato molti consensi islamici al partito socialista.

E I CRISTIANI? Spaventato dalla possibilità di perdere decine di migliaia di elettori, Hollande ha fatto una visita alla grande moschea. «Questo omaggio ai musulmani morti per la Francia è una vecchia rivendicazione della grande moschea – spiega un importante invitato alla cerimonia – Sono mesi che Hollande rimanda l’inaugurazione. È l’avvicinarsi dell’appuntamento elettorale che l’ha fatto muovere».
Dopo la visita molti blog francesi si sono posti la stessa domanda: «Francois Hollande si recherà forse alla cattedrale di Notre-Dame di Parigi per rendere omaggio ai soldati cattolici uccisi durante la Grande guerra» e in numero molto maggiore rispetto ai musulmani? La risposta, conoscendo anche l’avversione più volta manifestata dal presidente per il cristianesimo, è scontata: «No».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. marzio scrive:

    Pensavo che con chirac e sarkozy la Francia avesse toccato il fondo, ma con hollande la Francia è andata ancora più in basso,Prima viene allontanato e meglio sarà per tutti, francesi e restanti europei .

  2. Antonio scrive:

    ovvio, col musulmanume sempre proni, sempre servili. Anche se ci hanno invasi portando degrado, miseria, ignoranza, spesso dleinquenza e molta, molta prepotenza. Sai quelli si arrabbiano se non li rispetti. Contro li cattolici invece si possono dire peste e corna. E la politica ed i media, conniventi con l’anticristianesimo, tacciono.

  3. beppe scrive:

    il signor leone dai pensieri minuscoli non si rende conto del livello di PRONAZIONE che l’occidente ha nei confronti dell’islam e della violenza delle reazioni islamiche ogni volta che incontrano un bel NO deciso. l’islam capisce solo quando sbatte il muso contro qualcosa di più duro . leggiti EURABIA documento della pluridecennale prostituzione dell’europa ( anche cristiana e cattolica) all’islam.

  4. Toni scrive:

    Un vigliacco, se ci fosse stato un terrorismo cristiano sarebbe andato correndo ad onorare i loro caduti. Ma… meglio così (mai terrorismo cristiano) .
    Politicamente è zero… farà la fine di Zapatero.

  5. luigi lupo scrive:

    Per quale motivo Hollande non doveva andare?. I 100.000 sono morti per difendere la Francia e probabilmente mentre morivano neppura sapevano dove erano. Quello che pare strano è che ci siano voluti quasi 100 anni per ricordarsi di loro. Sono arcisicuro, conoscendo la mentalità dei frances,i che il loro presidente vada almeno una volta all’anno a rendere omaggio ai caduti francesi e non penso proprio che abbia reso omaggio in “esclusiva” ai caduti mussulmani.

  6. Orazio Pecci scrive:

    Va bene. Tra l’altro renderà omaggio anche a qualcuno degli eroi che tanto bene e pace hanno seminato nell’Italia tirrenica, dal Frusinate alla Toscana
    http://www.instoria.it/home/marocchinate.htm

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana