Google+

Hollande crolla ancora nei sondaggi. Capogruppo socialista: «Sì alla libertà di coscienza ai sindaci»

novembre 14, 2013 Leone Grotti

La disoccupazione che cresce e un’immagine rovinata alla base delle opinioni sfavorevoli dei francesi: solo il 15 per cento lo approva

Il tracollo di Francois Hollande è ormai inarrestabile e quasi non fa più notizia. Ma secondo l’ultimo sondaggio realizzato per Huffington Post e iTele da YouGov, solo il 15 per cento dei francesi intervistati è favorevole o assolutamente favorevole al lavoro del presidente francese.

CROLLO NEI SONDAGGI. Al contrario, il 76 per cento delle opinioni sondate è sfavorevole o assolutamente sfavorevole al suo operato. Il 9 per cento si è astenuto. Il motivo principale per cui Hollande non piace più ai francesi è l’incapacità ad arrestare la disoccupazione, che preoccupa il 36 per cento degli intervistati.

«INSULTI AL PRESIDENTE». Ma anche l’immagine del presidente si è ormai deteriorata a causa di quanto successo a diversi suoi oppositori come David van Hemelryck, già messo in guardia a vista martedì scorso per proteste eccessive durante la commemorazione dei caduti della Grande guerra lo scorso 11 novembre e di nuovo portato al commissariato ieri per «insulti al presidente» mentre guidava la sua auto con lo slogan “Hollande dimettiti».

«POSSO CAPIRE I SINDACI». Ma davanti alle proteste dell’11 novembre contro il presidente socialista, il capogruppo del partito socialista al Senato Francois Rebsamen sembra ammorbidire la linea del partito: «Noi non impediamo a nessuno di manifestare e protestare, non ne abbiamo il potere né la volontà, ma non si può fare come l’11 novembre. Le leggi vanno rispettate: quando sono votate, sono leggi della Repubblica, quindi di tutti e vanno applicate anche se non piacciono».
Questa cosa però non vale in assoluto: «In realtà, si può comprendere la difficoltà di alcuni [cioè i sindaci, ndr] con il matrimonio per tutti, per motivi di fede e coscienza. Io penso che si potrebbe arrivare fino a là, fino a garantire una clausola di coscienza».

SÌ ALLA LIBERTÀ DI COSCIENZA. Queste parole, mai pronunciate prima da un rappresentante del partito al governo come lui e dette all’interno di un’intervista con Ruth Elkrief, hanno destato la sorpresa della giornalista che ha replicato: «Ma la clausola di coscienza sul matrimonio gay è stata respinta». «Sì – risponde Rebsamen – ma alcuni l’hanno invocata e io posso capire che si faccia appello alla libertà di coscienza quando si tratta di un soggetto di questa importanza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download