Google+

History Channel e la fine del mondo, lo spettro di Voyager è pericolosamente in agguato

dicembre 17, 2012 Paola D'Antuono

Il canale satellitare dedica questa settimana di programmazione al 21 dicembre 2012, tra profezie e leggende. Ci aspettano cinque giorni di Purgatorio prima che tornino gli alieni e le ricostruzioni storiche

Maya, puntata 2132480438. Mancano pochissimi giorni al presunto allineamento terrestre, la Nasa ci dice di stare tranquilli, il Vaticano pure e persino gli apocalittici sanno che non è questo il disastro che stanno aspettando. Eppure capita che un canale serio come History Channel, con i suoi documentari impeccabili, le biografie dei grandi della Terra, le ricostruzioni storiche, decida di dedicare ai Maya un’intera settimana.

SOLO 5 GIORNI. L’ultima settimana è il titolo dell’inquietante scelta editoriale del canale che, a partire da questo pomeriggio alle 17.00, si propone si preparare i suoi spettatori alla fine del mondo. Tra calendari Maya interpretati da scienziati che non sembrano tali, profezie di Nostradamus, strane popolazioni convinte che il genere umano stia per estinguersi e storie riguardanti i 4 cavalieri dell’Apocalisse, la programmazione del canale satellitare della piattaforma Sky farebbe rabbrividire anche i più scettici, quelli che ridono da mesi al pensiero che ci sia qualcuno che creda a un calendario ritrovato tra le rovine messicane, in cui pare (almeno da quanto dice History) che manchi proprio il riferimento a cosa davvero accadrà il 21 dicembre?

SFIGA. Resta da chiedersi perché un canale che si propone di raccontare la storia e divulgarla nel modo più semplice possibile abbia deciso di programmare una settimana pre natalizia in un modo così inquietante, tale da costringere anche i meno impressionabili a cambiare canale per evitare l’effetto sfiga. Persino la pubblicità, che bombarda ogni singolo canale Sky al ritmo di un passaggio ogni 5 minuti, è inquietante: “Questa è la fine del mondo”, canta qualcuno mentre passano le immagini di bufere, rovine Maya e terremoti. Lo spettro di Giacobbo è sempre più vicino, c’è una sola via d’uscita: tornare semplicemente a parlare di alieni.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Daniele, Napoli scrive:

    e non avete letto che in realtà ci potrebbe essere nel 2116 !!! perché pare siano stati fatti degli errori di calcolo.

  2. ragnar scrive:

    Buonasera e bentornati a Kazzenger, un programma la cui professionalità è un filo sotto le chiacchiere da bar. In questo numero: dopo i cerchi nel grano quando quelli ai 5 cereali? se la biblioteca di Alessandria era famosa perché quella di Cuneo non se la c… nessuno? tra tutte le teste dell’isola di Pasqua, a capire qual è la più di c…? i cacciatori di taglie preferiscono la M o la XL? E infine alcuni misteriosi quesiti che ho trovato sulle scritte dei bagni dell’autogrill: Renzo Bossi, il mago Otelma, Fabrizio Corona, sono tutti nati per smentire il Darwinismo? se in un locale c’è scritto “no smoking” si può entrare solo con vestiti casual? ascoltando le canzoni di Gigi d’Alessio al contrario migliorano? Ma soprattutto il mistero più misterioso di tutti, il motivo per cui Tycho Brahe non riusciva più ad andare di corpo nell’ultimo mese della sua vita, la ragione per cui Marco Pannella sta facendo lo sciopero della fame e della sete, il motivo per cui io non riesco a dormire ma quando ricevo il bonifico RAI valido anche per i primi mesi del 2013 quando il mondo ormai non esisterà più, ma almeno così io dormo sonni tranquillissimi: come è possibile che io sia ancora oggi vicedirettore di RAI2?

    Tutto questo è Kazzenger!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana