Google+

Harvard apre all’incesto: è sbagliato «tenere conto dell’interesse superiore del bambino»

aprile 22, 2013 Leone Grotti

Il bioeticista di Harvard Glenn Cohen spiega che riguardo alla riproduzione non bisogna tenere conto dell’interesse dei bambini se questi non sono ancora nati.

«In tutte le decisioni relative ai bambini, di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l’interesse superiore del bambino deve essere una considerazione preminente». L’articolo 3 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, per quanto possa sembrare ragionevole, per alcuni è «pericoloso».

INTERESSE DEL NASCITURO. Secondo il bioeticista della Harvard Law School Glenn Cohen il concetto di «interesse superiore del bambino» non deve essere preso in considerazione quando si parla di fecondazione assistita. Per il professore, infatti, non bisogna tenere conto dell’«interesse superiore del bambino» quando questo non esiste ancora, altrimenti si rischiano conclusioni «vacue, problematica e pericolose». Infatti, continua il bioeticista, se si dovesse tenerne conto non si dovrebbe permettere alle donne di 60 anni di partorire con la fecondazione assistita, per via dell’età avanzata, e non si dovrebbe acconsentire all’anonimato per il donatore di sperma, per non privare il bambino del diritto a conoscere il padre.

VIA LIBERA ALL’INCESTO. Spiega meglio Glenn Cohen: «Lo Stato non può giustificare i tentativi di intervenire sul se, come, quando e con chi un individuo si riproduce sulla base del danno che sarà arrecato al bambino, perché senza quell’intervento il bambino non esisterebbe». Secondo l’accademico, in questo senso, anche l’incesto non deve essere proibito perché i tentativi di «regolare la riproduzione» sulla base dell’interesse del bambino che nascerà «sono ingiustificati». «Se il mio progetto riuscirà – conclude – le leggi esistenti in quest’area saranno ingiustificate» e quindi facilmente eliminabili.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Quercia scrive:

    Non è una cosa che soprende più di tanto. Del resto non vedo come, una volta accettata la teoria del “matrimonio” gay che prevede che ogni relazione consenziente e di “amore” debba essere paragonata al matrimonio, sia possibile negare uguali “diritti” a chiunque altro cittadino in base a vincoli di parentela o numero dei partner.

    ps: i radicali nel 2010 avevano provato a depenalizzare l’incesto.

    http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/articoli/482868/radicali-pddepenalizzare-incesto.shtml

    Nulla di nuovo sotto il sole. Quando però si fanno presenti queste ovvie derive a cui si va incontro si viene immediatamente accusati di omofobia. Questo cmq prova una volta di più l’inussistenza di alcuni discorsi, basati più sugli slogan che sui ragionamenti.

    http://www.uccronline.it/2013/04/22/omosessuali-incestuosi-e-poligamici-chiedono-il-matrimonio/

  2. sara scrive:

    dal momento ke si parla di pedofilia come di un orientamento sessuale e non com’è veramente un ABERRANTE CRIMINE CONTRO L’UMANITA’….non c’è da stupirsi più di niente !!!!

    • MIRKO scrive:

      non direi di mescolare cose diverse, nè di considerare la pedofilia come un CRIMINE aberrante.. tuttalpiù come una PATOLOGIA aberrante..

      • sysland scrive:

        La pedofilia che rimane un’ attitudine è una patologia, la pedofilia che mette in pratica le sue tendenze diventa un crimine.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana