Google+

Harry Potter e i doni della morte-parte II: addio Hogwarts

luglio 13, 2011 Elisabetta Longo

Niente più formule magiche e voli a bordo di scope, la saga del maghetto Harry Potter volge al termine. La seconda parte da oggi nelle sale è più gradevole e meno “buia” della prima. Si soffre nel vedere l’esercito di Voldemort abbattere personaggi cui il pubblico si è affezionato ma non se ne può fare a meno. Sconsigliato il 3D

I detrattori della serie saranno felici, i fan scoppieranno in lacrime, come gli attori stessi sul red carpet londinese la settimana scorsa. La saga filmica tratta dai romanzi di J. K. Rowling volge al termine, visto che oggi 13 luglio anche la seconda parte del film Harry Potter e i doni della morte arriva nelle sale. Si potranno gustare le ultime avventure della saga sia in versione classica che in versione 3D, che però non aggiunge nulla, visto che la tecnologia non viene sfruttata a pieno in nessuna scena.

Quindi, anche se la Warner gli occhialini li ha pensati bene, con le lenti rotonde in stile Harry Potter, è meglio risparmiare gli euro di differenza del biglietto e comprare popcorn in più. In questa seconda parte c’è meno morte rispetto alla prima, non molto adatta a un pubblico giovanissimo, ed è più gustoso vedersi passare davanti le scene chiave che portano alla sfida finale tra il maghetto e il signore dell’oscuro, suo alter ego, Voldemort.

Ma dove siamo arrivati con la storia? Lo spettatore sprovveduto o trascinato in sala da amici non si troverà molto bene, visto che non c’è tempo per troppi flashback esplicativi. Da una parte il trio Harry-Hermione-Ron a caccia degli ultimi Horcrux in cui sono custoditi i pezzi dell’anima del signore oscuro, da distruggere per indebolirlo. Dall’altra parte Voldemort e i suoi seguaci, che cominciano l’assedio alla scuola di Hogwarts, come nella migliore tradizione fantastica di eserciti del bene e del male schierati.

Che sofferenza vedere le care guglie e i corridoi magici sgretolarsi sotto i colpi dell’esercito nemico, alcuni personaggi cadere e temere per la sorte di quelli di più lunga conoscenza. Sofferenza necessaria a ogni atto finale, che lascia seguito però alla felicità amara di vedere gli ultimi fotogrammi. Senza voler svelare nulla, però, si può dire che si esce dalla sala sereni dopo aver visto Harry Potter e i doni della morte, perché non mancano il bene e l’amicizia come valori per andare avanti nelle difficoltà, perché questa seconda parte è molto più gradevole della prima. E poi bisogna godersi gli ultimi voli a bordo di drago e gli scintillii di bacchetta, perché se ne sentirà sicuramente la mancanza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana