Google+

Happy birthday Sax. Lo strumento maledetto del jazz compie 166 anni

giugno 28, 2012 Daniele Ciacci

Storia “maudit” del sassofono, da quando Adolphe Sax lo creò – e morì in miseria – fino alla polmonite fulminante che tranciò la vita di Charlie Parker, creatore del bebop.

Centosessantasei anni fa un artigiano belga, esule in quel di Parigi, brevettò uno strumento molto particolare. Un’ottone con pistoni in metallo, conoidale, ma con l’imboccatura del clarinetto e dell’oboe. Fino a quel momento, i corni e le trombe non avevano un bocchino, ma un foro. Bisognava vibrare le labbra per creare le onde sonore, non bastava soffiare. La rivoluzione di Adolphe Sax permise invece l’evoluzione musicale che tutto il Novecento conosce. Nacque il sassofono. E, fin da subito, fu un successo.

In particolare, i primi ad usare l’innovativo strumento furono le bande militari. Il sassofono permetteva una forza propulsiva eccezionale, unita a una discreta estensione sonora – sopranino, soprano, tenore, baritono, basso, contrabbasso. Inoltre, l’acquisto dello strumento da parte di un plotone garantiva introiti elevati e cifre da capogiro. Adolphe Sax, figlio di liutai e dotato d’esperto orecchio musicale, aveva fiuto per gli affari. Tanto che si fece molti nemici, che in ogni modo cercarono di mettergli i bastoni fra le ruote. Bruciarono la sua bottega, distrussero i suoi strumenti, lo ostracizzarono dalle associazioni. Tanto che tutti si dimenticarono di Sax, che morì in miseria. Negli ultimi anni, vittima d’un tumore al labbro superiore, fumava delle particolari erbe indiane per alleviare il dolore e che lo resero dipendente.

Ma il sassofono continuò a suonare. Prima, alla Scuola di Parigi, poi al Conservatorio di Bologna perché lo volle Gioacchino Rossini, che lo impiegò nelle sue opere. Poiché, tuttavia rimase per cinquant’anni uno strumento di secondo piano, a utilizzarlo maggiormente furono i musicisti di colore, ai quali erano preclusi gli strumenti solisti. Quando si scoprirono le sue grandi potenzialità e la sua capacità di reggere da solo la scena, a quel punto furono proprio i “neri” a imporsi come i migliori sassofonisti. L’unione di blues e orchestre di ottoni favorì la nascita di due grandi musicisti come John Coltrane e Charlie Parker.

Fu proprio in quegli anni che la storia del sassofono s’incrociò di nuovo con quella della droga. Ai tempi della “beat generation” si pensava che l’eroina garantisse l’intuizione artistica, un timbro pieno, una valvola di sfogo mentale. E di questo Charlie Parker ne morì. Fu più fortunato Coltrane, che incontrò la fede protestante e si dedicò a pratiche di meditazione orientale. Charlie “Bird” Parker Jr., invece, finì i suoi giorni davanti alla televisione di Pannonica de Koenigswarter, strafatto di droga. Il coroner che esaminò il suo cadavere scrisse sul referto che Charlie Parker aveva cinquant’anni. Ma era appena trentenne. L’eroina l’aveva invecchiato di quasi vent’anni. Ma, di questo, non si può incolpare un sassofono.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana