Google+

Guerra in Mali. Risultato di un’incomprensibile strategia europea

gennaio 17, 2013 Francesco Amicone

Le forze tuareg ed estremiste che controllano il nord del paese premono verso sud. Per Gianandrea Gaiani (AnalisiDifesa), «ora l’Europa è costretta ad affrontare il suo contributo alle primavere arabe»

«Non è un’operazione per riconquistare il nord del Mali, ma per difendere il sud, la capitale Bamako». Per Gianandrea Gaiani, direttore di Analisi Difesa, questi quindici giorni dall’inizio dell’operazione Serval, da quando la Francia è intervenuta nel Sahara, hanno dimostrato quale sia reale la situazione nella regione desertica controllata da estremisti e trafficanti. «Il territorio è più grande della Francia, e con un paio di centinaia di soldati e qualche Mirage, le forze del sud non saranno in grado di difendere le linee».

I ribelli del nord non si contano. Oltre ai militanti di Ansar Din, guidati dal leader tuareg Iyad Ag Ghali (in foto a lato), ci sono jihadisti, indipendentisti, qaedisti, reduci dell’esercito di Gheddafi. Quanti militari servirebbero alla Francia per contrastarli efficacemente e riconquistare Timbuctù e le altre città del nord?
I francesi potrebbero attingere ai circa cinquemila militari schierati nella regione, dall’Oceano Atlantico fino al Gibuti. Ma nemmeno la “Colonial” e la Legione Straniera, con l’aiuto dell’aviazione, e alla guida delle forze malesi, riuscirebbero fermare l’avanzata dei ribelli.

Servono più uomini?
Parlo dei contigenti africani. Possono schierare molti uomini, e la numerosità è la componente che potrebbe tamponare l’avanzata dei ribelli, che per ora vengono bloccati a sud, e che però rispuntano da tutte le parti. La Francia ha bisogno di concentrarsi sulla manovra offensiva, ma per farlo deve lasciar presidiare il territorio riconquistato alle armate africane.

Anche l’Europa corre in soccorso dell’alleato francese.
I paesi europei manderanno istruttori militari per l’esercito malese e aerei da trasporto. Per quanto riguarda gli istruttori, bisogna ricordare che già ci furono quelli americani. Ma dopo l’addestramento, tre reparti anti-terrorismo su quattro hanno defezionato per infoltire le fila dei ribelli del nord. Anche ammesso che non si ripeta lo stesso, l’addestramento avrebbe effetti soltanto sul lungo periodo. Quello che serve ora sono soprattutto gli aerei da trasporto per le truppe.

Qual è la strategia del Mali e degli alleati europei?
Impossibile a dirsi. Il Mali ha un governo debolissimo. Totalmente inerme. E la strategia di europei e americani è assente o incomprensibile. Combattiamo con i qaedisti in Siria e contro di loro in Mali. Perché?

Questa posizione che risvolti avrà sulla guerra contro gli estremisti in Mali?
Il risultato dell’assenza di strategia ce lo abbiamo davanti agli occhi. Ora l’Europa è costretta ad affrontare il suo contributo alle primavere arabe. A Bengasi non possiamo più tenerci nemmeno un consolato, e in compenso ci troviamo a combattere terroristi e guerriglieri anche nel deserto del Sahara. Quindi direi che la prima strategia dell’Europa dovrebbe essere quella di capire quali siano i propri interessi e agire di conseguenza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. sirenette says:

    L’esercito malese?

  2. Enrico says:

    Sarkozy si è inventato la guerra in Libia. Holland ora quella nel Mali.
    Ma ‘sti cugini si annoiano a casaloro,? non hanno problemi o cercano distrazioni? E noi a ruota dei progressisti tutti peace & love.
    Poi magari non concedono l’estradizione dei terroristi alla Battisti. Vive l’Europe.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download