Google+

«Grexit? No, Brexit». E se fosse la Gran Bretagna a uscire dall’Unione Europea?

aprile 20, 2015 Leone Grotti

L’ex ministro laburista Denis MacShane ne è convinto. L’attuale premier David Cameron ha promesso un referendum sull’Ue in caso di rielezione

Britain The Economy Election

“Grexit”? No, “Brexit”. Si avvicina la data delle elezioni politiche in Gran Bretagna (7 maggio) e se vincessero i conservatori, potrebbe farne le spese l’Unione Europea. La promessa centrale del premier uscente Tory, David Cameron, è questa: promuovere un referendum sulla presenza della Gran Bretagna nell’Ue in caso di rielezione. Per l’ex ministro Laburista Denis MacShane, «se il referendum avesse luogo, le correnti antieuropeiste, potentissime nella società britannica, ci porterebbero in modo irrimediabile a uscire dall’Europa.

BREXIT, NON GREXIT. I Ventotto non devono dunque temere la cosiddetta “Grexit”, l’uscita di Atene dall’Ue, ma la “Brexit”. «In Gran Bretagna sono tutti contro l’Europa: il mondo politico, i media, gli affari, la cultura», continua MacShane al Le Figaro. «Il partito conservatore è diventato quasi interamente euroscettico. Se si mostra il minimo parere favorevole all’Europa, è impossibile essere candidati nel partito. È un criterio di selezione. Gli euroscettici dell’Ukip non vedono l’ora di mostrare chi sono con un referendum. La politica europea dei laburisti, invece, consiste nel non parlarne mai».

«È SOLO UN COSTO». I laburisti hanno promesso che non faranno nessun referendum se dovessero vincere. Gli ultimi sondaggi mostrano un testa a testa tra il partito di Ed Miliband e quello di Cameron, con il 35 per cento dei voti ciascuno. L’ex ministro laburista, autore del libro Brexit, How Britain Will Leave Europe, è convinto che la Gran Bretagna dirà addio all’Ue perché «gli inglesi pensano che per loro sia solo un costo, e caro anche. Credono che non possano guadagnare niente dal restare in Europa». Non c’è da stupirsi di simili pensieri, quando il sindaco della capitale, Boris Johnson, «è uno che passava il tempo a inventare storie per ridicolizzare l’Europa e nel suo ultimo libro ha scritto: “L’Unione Europea nazista è controllata dalla Gestapo”».

DOPO GLI INGLESI, I FRANCESI. Per MacShane, quindi, ci sono solo tre possibilità perché la Gran Bretagna resti nell’Ue: «Subire un’invasione per tre o quattro anni. La seconda, più seriamente, è godere di cinque anni di crescita al 3 per cento nella zona euro e allora qualcuno riscoprirà i meriti dell’Europa. La terza è che i laburisti vincano le elezioni». L’ex ministro vede l’uscita di Londra dall’Ue come una catastrofe: «Perderemmo il nostro accesso privilegiato al mercato unico, che rappresenta la metà del nostro export. Ma sarebbe anche un precedente rischioso per l’Europa. Marine Le Pen avrebbe tutti gli argomenti per riuscire a indire un referendum in Francia. Dopo la “Brexit”, seguirebbe subito la “Frexit”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. recarlos79 scrive:

    gli inglesi hanno tutti i difetti del mondo tranne uno: non sono stupidi. prima viene la gran Bretagna, poi
    il mercato europa. non ci pensano nemmeno a farsi comandare dagli euroburocrati. per loro la sovranità nazionale è cosa seria. occorrerebbe una prospettiva per rendere l’europa meno invasiva. gli stati nazionali esistono ancora, non sono una maledizione come pensano juncker, napolitano e i cattolici italiani (sempre sull’attenti alla voce del padrone straniero).

    • Sebastiano scrive:

      Se è per quello gli inglesi evidenziano in modo solare una caratteristica che a Roma chiamano “paraculismo”: sono in Europa ma non vogliono l’euro (con tutte le conseguenze del caso).
      Per loro la sovranità nazionale è seria almeno quanto il loro portafoglio.

      • Filippo81 scrive:

        Esatto Sebastiano, non hanno aderito all’euro, però grazie alla stoltezza e alla pavidità dei restanti governi europei partecipano agli utili della bce, tramite le azioni della Bank of England.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana