Google+

«Grexit? No, Brexit». E se fosse la Gran Bretagna a uscire dall’Unione Europea?

aprile 20, 2015 Leone Grotti

L’ex ministro laburista Denis MacShane ne è convinto. L’attuale premier David Cameron ha promesso un referendum sull’Ue in caso di rielezione

Britain The Economy Election

“Grexit”? No, “Brexit”. Si avvicina la data delle elezioni politiche in Gran Bretagna (7 maggio) e se vincessero i conservatori, potrebbe farne le spese l’Unione Europea. La promessa centrale del premier uscente Tory, David Cameron, è questa: promuovere un referendum sulla presenza della Gran Bretagna nell’Ue in caso di rielezione. Per l’ex ministro Laburista Denis MacShane, «se il referendum avesse luogo, le correnti antieuropeiste, potentissime nella società britannica, ci porterebbero in modo irrimediabile a uscire dall’Europa.

BREXIT, NON GREXIT. I Ventotto non devono dunque temere la cosiddetta “Grexit”, l’uscita di Atene dall’Ue, ma la “Brexit”. «In Gran Bretagna sono tutti contro l’Europa: il mondo politico, i media, gli affari, la cultura», continua MacShane al Le Figaro. «Il partito conservatore è diventato quasi interamente euroscettico. Se si mostra il minimo parere favorevole all’Europa, è impossibile essere candidati nel partito. È un criterio di selezione. Gli euroscettici dell’Ukip non vedono l’ora di mostrare chi sono con un referendum. La politica europea dei laburisti, invece, consiste nel non parlarne mai».

«È SOLO UN COSTO». I laburisti hanno promesso che non faranno nessun referendum se dovessero vincere. Gli ultimi sondaggi mostrano un testa a testa tra il partito di Ed Miliband e quello di Cameron, con il 35 per cento dei voti ciascuno. L’ex ministro laburista, autore del libro Brexit, How Britain Will Leave Europe, è convinto che la Gran Bretagna dirà addio all’Ue perché «gli inglesi pensano che per loro sia solo un costo, e caro anche. Credono che non possano guadagnare niente dal restare in Europa». Non c’è da stupirsi di simili pensieri, quando il sindaco della capitale, Boris Johnson, «è uno che passava il tempo a inventare storie per ridicolizzare l’Europa e nel suo ultimo libro ha scritto: “L’Unione Europea nazista è controllata dalla Gestapo”».

DOPO GLI INGLESI, I FRANCESI. Per MacShane, quindi, ci sono solo tre possibilità perché la Gran Bretagna resti nell’Ue: «Subire un’invasione per tre o quattro anni. La seconda, più seriamente, è godere di cinque anni di crescita al 3 per cento nella zona euro e allora qualcuno riscoprirà i meriti dell’Europa. La terza è che i laburisti vincano le elezioni». L’ex ministro vede l’uscita di Londra dall’Ue come una catastrofe: «Perderemmo il nostro accesso privilegiato al mercato unico, che rappresenta la metà del nostro export. Ma sarebbe anche un precedente rischioso per l’Europa. Marine Le Pen avrebbe tutti gli argomenti per riuscire a indire un referendum in Francia. Dopo la “Brexit”, seguirebbe subito la “Frexit”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. recarlos79 says:

    gli inglesi hanno tutti i difetti del mondo tranne uno: non sono stupidi. prima viene la gran Bretagna, poi
    il mercato europa. non ci pensano nemmeno a farsi comandare dagli euroburocrati. per loro la sovranità nazionale è cosa seria. occorrerebbe una prospettiva per rendere l’europa meno invasiva. gli stati nazionali esistono ancora, non sono una maledizione come pensano juncker, napolitano e i cattolici italiani (sempre sull’attenti alla voce del padrone straniero).

    • Sebastiano says:

      Se è per quello gli inglesi evidenziano in modo solare una caratteristica che a Roma chiamano “paraculismo”: sono in Europa ma non vogliono l’euro (con tutte le conseguenze del caso).
      Per loro la sovranità nazionale è seria almeno quanto il loro portafoglio.

      • Filippo81 says:

        Esatto Sebastiano, non hanno aderito all’euro, però grazie alla stoltezza e alla pavidità dei restanti governi europei partecipano agli utili della bce, tramite le azioni della Bank of England.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi