Google+

I salvatori del mondo

ottobre 18, 2015 Emanuele Boffi

«Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?». Se lo chiedeva Robert Hunter, uno dei fondatori di Greenpeace

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – How to change the world è il titolo del documentario presentato al CineAmbiente di Torino che narra la prima storica impresa dell’Ong ambientalista Greenpeace. L’opera di Jerry Rothwell mostra la prima battaglia degli attivisti che, a bordo del peschereccio Phyllis Cormack, giunsero il 15 settembre 1971 in Alaska per fermare un test nucleare Usa. Di lì in poi, sarà una lotta continua per preservare balene, foche, orsi polari. Personaggio carismatico del gruppo era il reporter del Vancouver Sun, Robert Hunter, che già negli anni Settanta aveva capito l’importanza delle immagini, tanto da riprendere gli assalti secondo precise regole scenografiche.

Oggi Greenpeace è una delle “fabbriche del bene” più celebri ma anche più contestate al mondo. Alcuni di quegli stessi fondatori, come Patrick Moore, se ne sono andati accusando la Ong di essere solo un covo di eco-marxisti, ignoranti e anti-umani (Greenpeace è pro aborto), e di condurre battaglie ideologiche contro Ogm e nucleare. Di qualcosa si doveva essere accorto lo stesso Hunter che, vedendo sfaldarsi man mano il sogno di “cambiare il mondo”, era arrivato a scrivere: «Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?».

Ogni benintenzionato salvatore dell’universo dovrebbe porsi una domanda simile per uscire dall’incanto delle sue utopie. Accanto a quella evangelica: «Quale vantaggio avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero e poi perderà se stesso? O che darà l’uomo in cambio di sé?».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi