Google+

I salvatori del mondo

ottobre 18, 2015 Emanuele Boffi

«Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?». Se lo chiedeva Robert Hunter, uno dei fondatori di Greenpeace

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – How to change the world è il titolo del documentario presentato al CineAmbiente di Torino che narra la prima storica impresa dell’Ong ambientalista Greenpeace. L’opera di Jerry Rothwell mostra la prima battaglia degli attivisti che, a bordo del peschereccio Phyllis Cormack, giunsero il 15 settembre 1971 in Alaska per fermare un test nucleare Usa. Di lì in poi, sarà una lotta continua per preservare balene, foche, orsi polari. Personaggio carismatico del gruppo era il reporter del Vancouver Sun, Robert Hunter, che già negli anni Settanta aveva capito l’importanza delle immagini, tanto da riprendere gli assalti secondo precise regole scenografiche.

Oggi Greenpeace è una delle “fabbriche del bene” più celebri ma anche più contestate al mondo. Alcuni di quegli stessi fondatori, come Patrick Moore, se ne sono andati accusando la Ong di essere solo un covo di eco-marxisti, ignoranti e anti-umani (Greenpeace è pro aborto), e di condurre battaglie ideologiche contro Ogm e nucleare. Di qualcosa si doveva essere accorto lo stesso Hunter che, vedendo sfaldarsi man mano il sogno di “cambiare il mondo”, era arrivato a scrivere: «Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?».

Ogni benintenzionato salvatore dell’universo dovrebbe porsi una domanda simile per uscire dall’incanto delle sue utopie. Accanto a quella evangelica: «Quale vantaggio avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero e poi perderà se stesso? O che darà l’uomo in cambio di sé?».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana