Google+

I salvatori del mondo

ottobre 18, 2015 Emanuele Boffi

«Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?». Se lo chiedeva Robert Hunter, uno dei fondatori di Greenpeace

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – How to change the world è il titolo del documentario presentato al CineAmbiente di Torino che narra la prima storica impresa dell’Ong ambientalista Greenpeace. L’opera di Jerry Rothwell mostra la prima battaglia degli attivisti che, a bordo del peschereccio Phyllis Cormack, giunsero il 15 settembre 1971 in Alaska per fermare un test nucleare Usa. Di lì in poi, sarà una lotta continua per preservare balene, foche, orsi polari. Personaggio carismatico del gruppo era il reporter del Vancouver Sun, Robert Hunter, che già negli anni Settanta aveva capito l’importanza delle immagini, tanto da riprendere gli assalti secondo precise regole scenografiche.

Oggi Greenpeace è una delle “fabbriche del bene” più celebri ma anche più contestate al mondo. Alcuni di quegli stessi fondatori, come Patrick Moore, se ne sono andati accusando la Ong di essere solo un covo di eco-marxisti, ignoranti e anti-umani (Greenpeace è pro aborto), e di condurre battaglie ideologiche contro Ogm e nucleare. Di qualcosa si doveva essere accorto lo stesso Hunter che, vedendo sfaldarsi man mano il sogno di “cambiare il mondo”, era arrivato a scrivere: «Come possiamo salvare il pianeta se non riusciamo a salvare noi stessi?».

Ogni benintenzionato salvatore dell’universo dovrebbe porsi una domanda simile per uscire dall’incanto delle sue utopie. Accanto a quella evangelica: «Quale vantaggio avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero e poi perderà se stesso? O che darà l’uomo in cambio di sé?».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.