Google+

Greenpeace dovrebbe esultare. La sicurezza sulla piattaforma petrolifera russa ha funzionato

settembre 25, 2013 Redazione

Se fossero stati terroristi? Le autorità russe difendono l’arresto degli attivisti di Greenpeace che hanno tentato di impossessarsi di una piattaforma di Gazprom nel mar Artico

Una nave rompighiaccio stipata di apparecchiature elettroniche, abborda con scopi sconosciuti una piattaforma petrolifera russa nel mare Artico. Spie? Terroristi pronti a farsi saltare in aria? Gli uomini al lavoro sull’installazione non possono saperlo ma non si fidano del nome dell’imbarcazione, “Artic Sunrise”. Colti alla sprovvista, cercano di scongiurare l’assalto con gli idranti, e contattano via radio l’Fsb (l’ex Kgb).
Stando ai resoconti russi, è proprio quello che è accaduto sulla piattaforma di Gazprom, quando sette attivisti di Greenpeace, fra cui un italiano, venerdì scorso, hanno tentato di arrampicarsi sull’impianto. Per gli attivisti, attualmente detenuti, ora si prospetta una lunga battaglia legale, anche se, ha commentato il presidente russo, Vladimir Putin, non dovrebbero essere accusati di pirateria ma solo di violazione della legge internazionale.

PROBLEMA DI SICUREZZA. Greenpeace sostiene che si trattasse di un’azione pacifica (di cui i russi non erano a conoscenza), e afferma che i veri pericoli sono rappresentati non dalle proteste ma dalle trivellazioni petrolifere nell’Artico, che Gazprom comincerà nei primi mesi del 2014.
Per i russi la questione è diversa. La sicurezza della piattaforma è un fattore decisivo per la salvaguardia dell’ambiente e impedire una fuoriuscita di greggio che, come sostengono gli attivisti, potrebbe danneggiare oltre 3000 miglia di costa russa. Per questo hanno prontamente respinto l’assalto degli ecologisti, intervenendo con un commando eli-trasportato, impedendo di farli impadronire delle trivelle nel mar Artico.

RISCHIO INCIDENTE. «Quando una nave straniera piena di dotazioni elettroniche dagli scopi sconosciuti e un gruppo di persone, sedicenti ambientalisti, tenta di assaltare una piattaforma di trivellazione ci sono legittimi dubbi sulle loro intenzioni», ha osservato Vladimir Markin, portavoce della Commissione investigativa russa. «Difficile credere che i cosiddetti attivisti non sapessero che la piattaforma è una installazione con un alto livello di rischio, e che ogni azione non autorizzata può portare ad un incidente, che metterebbe in pericolo non solo le persone a bordo ma anche l’ecologia, che si sta zelantemente proteggendo», ha aggiunto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. mike scrive:

    federico righetto è proprio vero. è inaccettabile che ambientalisti, animalisti, femen e associazioni di omosessuali intervengano dove vogliono pretendendo anche di avere ragione a priori (le loro ragioni poi… boh!). in ogni campo. e non di rado facendo casino, o facendo pensare che sarebbe così. come hanno pensato i russi. i quali hanno fatto capire che c’è il diritto anche internazionale e che ancora c’è il concetto di stato sovrano. o per dirla in modo più terra terra la buona educazione. che altrimenti si definisce rispetto. che è il cardine della Democrazia. la quale dovrebbe portare al dialogo e non ad atti di pirateria come questo. che anzi i russi mi sa che sono stati clementi. quasi che aveva ragione totò dicendo “signori si nasce”.

  2. beppe scrive:

    chi l’avrebbe detto: che la probabile salvezza da questa europa che ci fa schifo solo a nominarla possa venire dalla vecchia ( RITORNATA ALLA FEDE ) russia. le vie della salvezza sono imprevedibili. meglio mosca di bruxelles ( e che cavoli!)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana