Google+

Grazie alla Corea del Sud, la censura del Nord comunista vince una grande battaglia

novembre 7, 2012 Leone Grotti

L’arretratezza della Corea del Nord diventa un vantaggio per il regime. Nessuno potrà più avere notizie del mondo esterno attraverso la tv sudcoreana: Seul passa al digitale, Pyongyang resta sola con l’analogico.

Per un cittadino della Corea del Nord è molto difficile, per non dire impossibile, venire a conoscenza di quello che succede nel resto del mondo. Molti dissidenti, una volta scappati in Corea del Sud, affermano di essersi decisi a rischiare la vita per lasciare il paese solo dopo «avere saputo che cosa c’è fuori». Nel 2010, una ricerca condotta su 250 dissidenti scappati dal regime comunista, ha rivelato che un terzo di loro è venuto a conoscenza del mondo attraverso la tv sudcoreana: con il sistema analogico, infatti, in alcune province del nord vicine al confine si riesce a captare il segnale di Seul.

SEUL FA UN PIACERE ALLA CENSURA COMUNISTA. Pyongyang ha sempre cercato di mantenere i nordcoreani all’oscuro di tutto ma non è mai riuscito ad oscurare la tv sudcoreana. Il 31 dicembre prossimo però la tv sudcoreana diventerà del tutto inaccessibile, non grazie a qualche nuovo ritrovato comunista per bloccare il segnale del sud, ma perché Seul passerà definitivamente al sistema digitale.

ADDIO TV SUDCOREANA. Il processo è iniziato ad agosto e ha cominciato a riguardare la Corea del Nord il 25 ottobre, quando la provincia di Gangwon è passata al digitale. Quando il 31 dicembre l’area metropolitana di Seul passerà il guado, addio notizie dal resto del mondo per i nordcoreani. I segnali della tv digitale, infatti, sono del tutto incompatibili con l’analogico e c’è da star sicuri che ci vorrà molto molto tempo prima che la Corea del Nord passi al digitale.

IL VANTAGGIO DI ESSERE ARRETRATI. Ai nordcoreani ora non resta che cercare di captare il segnale della tv cinese. Il canale locale di Yanji diventerà il più accessibile in Corea del Nord. Invece che essere un tallone d’Achille per il regime comunista, l’arretratezza di Pyongyang finisce per essere un suo alleato e il miglior sistema di censura del mondo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download