Google+

Gran Bretagna. Perché May ha annunciato le elezioni anticipate

aprile 18, 2017 Redazione

Il premier approfitta del vantaggio nei sondaggi dei Tories per andare al voto il prossimo 8 giugno. Corbyn e Farron si dicono favorevoli

Theresa May

Il primo ministro britannico Theresa May ha deciso di non aspettare la fine della legislatura (nel 2020) per indire le elezioni e ha annunciato che il voto verrà anticipato il prossimo 8 giugno. May si era sempre detta contraria alle elezioni anticipate, tuttavia ha cambiato idea «con riluttanza» quando si è resa conto che sulla Brexit «il paese è unito, ma Westminister no». I partiti Laburista, Liberal-democratico e Nazionale scozzese hanno infatti promesso di ostacolare le trattative sulla Brexit con l’Unione Europea. «Queste divisioni mettono in discussione la nostra capacità di riuscire a portare a termine con successo il processo di Brexit, causando incertezze e instabilità nel paese» ha detto May durante la conferenza stampa. «Sono perciò giunta alla conclusione che l’unico modo per garantire certezze e stabilità al nostro futuro è indire queste elezioni e assicurarci il supporto necessario per le decisioni che dovremo prendere». L’obiettivo del voto anticipato è quindi quello di legittimare il partito dei Tories e creare una maggioranza solida per portare a termine il processo di uscita del Regno Unito dall’Unione.

SONDAGGI. La legittimazione popolare non è però l’unico motivo di questa decisione: secondo i sondaggi, il partito conservatore è oggi in vantaggio rispetto agli avversari (ha il 43 per cento dei consensi contro il 25 per cento del partito laburista). Dunque, May potrebbe approfittare di questo momento favorevole per affrontare (e probabilmente vincere) le elezioni, piuttosto che aspettare e correre il rischio che i negoziati per la Brexit si complichino e la costringano a scendere a compromessi poco graditi all’elettorato.

HARD BREXIT. Perché la richiesta del premier venga accolta, serve il voto favorevole dei due terzi della Camera. Il partito laburista, con il suo leader Jeremy Corbyn, si è già dichiarato favorevole al voto. Anche Tim Farron del partito liberal-democratico, in un breve comunicato, ha appoggiato la decisione di May, vedendo nelle elezioni l’occasione per evitare la hard Brexit, «mantenere il Regno Unito nel mercato unico, avere un paese aperto, tollerante e compatto».

Schermata 2017-04-18 alle 17.23.37

Foto Ansa e Twitter

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download