Google+

«I pescatori non hanno interlocutori, si torni a fare politica territoriale»

gennaio 27, 2012 Daniele Ciacci

Dopo gli scontri di ieri davanti a piazza Montecitorio, la protesta dei pescatori prosegue. tempi.it ne ha parlato con Isidoro Gottardo, parlamentare e membro della commissione sulle politiche europee: «I pescatori sono esasperati. Non si sentono rappresentati dai sindacati e pretendono che la politica li ascolti»

«Sono rimasto impressionato dalla assoluta civiltà dei pescatori che ho incontrato». A parlare è Isidoro Gottardo, deputato e membro della commissione sulle politiche europee. Eppure le foto e i video della manifestazione di piazza Montecitorio di ieri mostrano un uomo sanguinante. «Lo conosco. Sedeva al tavolo di lavoro che il Pdl aveva organizzato con una delegazione di pescatori. Un uomo civilissimo e ragionevole. Purtroppo nelle proteste in strada le teste calde non mancano mai e a rimetterci sono sempre gli innocenti».

Come le sono sembrati i delegati dei pescatori al tavolo?
Incazzatissimi. Sono venuti a Roma senza i sindacati di categoria. Non si sentono rappresentati e per questo protestano direttamente contro i palazzi della politica. Sono al limite dell’esasperazione. Quella dei pescatori non è una lobby che vuole salvaguardare i propri privilegi, ma una realtà a cui viene negata la sopravvivenza.

Quali sono le ragioni del contendere?
Il rincaro del gasolio, innanzitutto. Assieme ai costi apparentemente secondari, come per esempio l’abbonamento ai sistemi telefonici per comunicare il pescato, che può andare dai 50 ai 4000 euro. Infine, la norma che prevede la sottrazione dei punti dalla licenza di pesca. Il paragone con le patenti di guida non regge: se un camionista rimane senza patente può essere sostituito e il carico arriva a destinazione comunque. Se un pescatore perde la licenza, invece, la sua interà attività collassa.

Ma queste sono le regole imposte dall’Unione europea.
Si, ma il trattato di Lisbona permette ai parlamenti nazionali di esprimersi in merito alle proposte europee. Una possibilità a cui raramente hanno fatto ricorso i politici italiani, che da sempre ritengono le richieste dell’Ue inattaccabili. Invece la possibilità di discuterne c’è.

Lei cosa proporrebbe?
Ieri un anziano pescatore campano mi raccontava di suo padre. Quando gli dissero che non poteva più pescare con le bombe, lui e i politici si misero a un tavolo per trovare altre regole. La politica discuteva perché non aveva idea degli effetti quotidiani delle misure che applicava. Ora non è così, non si riesce neppure a individuare un interlocutore. Bisogna tornare a fare politica su base territoriale. I pescatori hanno il dovere di pretendere una rappresentanza sui territori, dove i rappresentanti eletti dal popolo rispondano delle loro azioni e con cui si possa interloquire. L’ho detto anche ieri ai pescatori: meno proteste nazionali, più capacità di farsi sentire sul territorio.
@DanieleCiacci

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. taddei francesco scrive:

    più sul territorio ok. però servirebbe anche un coordinamento tra i vari territori e pescatori italiani. per una volta da nord a sud il mare potrebbe unirci.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana