Google+

Global Warming. L’Ipcc apre al fracking e al nucleare (anzi no). Poi la buona notizia: solo 17 anni per salvare il mondo

aprile 15, 2014 Leone Grotti

Nel 1989 Repubblica scriveva che ci restavano 10 anni per salvare la Terra. Ieri l’Onu ha detto che ce ne restano 17: è un buon passo avanti

Dietrofront, anzi no. Si scanneranno gli ambientalisti quando leggeranno la terza parte del rapporto Onu sul cambiamento climatico realizzato dall’Ipcc (Commissione internazionale sul cambiamento climatico) e presentato ieri a Berlino. Nella prima, pubblicata a settembre, si affermava che «l’uomo è la causa principale del surriscaldamento terrestre»; nella seconda, diffusa due settimane fa, si prediceva l’Apocalisse imminente; nella terza si fissano i nuovi obiettivi climatici per il 2030 e 2050 con una timida apertura al fracking e al nucleare.

OBIETTIVO IMPROBO. Timida, perché lo sfruttamento dello shale gas e dell’energia nucleare sono bersagli contro cui gli ambientalisti di tutto il mondo si scagliano rabbiosamente, anche se aiuterebbero nella battaglia contro il cambiamento climatico. Secondo l’Ipcc, per evitare il disastro descritto nella seconda parte del rapporto, è necessario tagliare le emissioni di gas serra del 70 per cento entro il 2050 e sostituirle con l’energia solare ed eolica.
Per raggiungere questo improbo obiettivo, secondo i 235 scienziati che hanno firmato il rapporto, nei prossimi 17 anni, entro il 2030, bisognerà investire 20 miliardi di sterline in meno all’anno nei combustibili fossili e 90 miliardi in più nelle alternative “green”.

SHALE GAS E FRACKING . L’investimento richiesto dalla Commissione Onu è pari al 4 per cento del Pil mondiale da qui al 2030, visto che per diffondere le energie rinnovabili ci vogliono corposi sussidi da parte dei governi, che farebbero aumentare ancora di più le salate bollette energetiche che già paghiamo.
Per non replicare il fallimento del protocollo di Kyoto, che prevedeva l’abbattimento delle emissioni di gas serra del 20 per cento tra il 1990 e il 2020 al modico prezzo di 180 miliardi di dollari all’anno, l’Ipcc ha suggerito lo sfruttamento dello shale gas come «tecnologia ponte» aspettando la diffusione globale delle energie alternative. Il gas naturale, infatti, inquina la metà rispetto ai combustibili fossili.

ENERGIA NUCLEARE NI. L’apertura alla contestatissima tecnologia del fracking è un colpo duro da digerire per gli ambientalisti di tutto il mondo, che vedono nell’Ipcc un profeta che grida inascoltato nel deserto. Forse è per non dargli il colpo di grazia che gli esperti dell’Onu hanno anche fatto larghe concessioni allo sviluppo dell’energia nucleare, una delle fonti più pulite al mondo, per poi rimangiarsi tutto in poche righe. «L’energia nucleare potrebbe contribuire in modo crescente all’approvvigionamento di energia» non inquinante ma ci sono «una varietà di barriere e rischi», tra cui «l’opinione pubblica sfavorevole».
Il nucleare sarebbe quindi un toccasana per sconfiggere il global warming ma appoggiandolo l’Ipcc non godrebbe più di buona stampa e ha preferito rimanere ambiguo sul tema.

rep-global-warmingGLI ANNI AUMENTANO. Riassumendo, l’Ipcc sembra dare pessime notizie ma come scrive Piero Vietti sul ilFoglio.it non è così: «Leggo – sollevato – nuove notizie dal fronte catastrofista. Secondo quanto riporta Repubblica, ci restano solo 17 anni per invertire la tendenza del riscaldamento globale, passati i quali non si potrà più salvare il pianeta. Finalmente una buona notizia: sempre secondo Repubblica, nel 1989 ce ne restavano appena 10, di anni». Senza contare che solo ad aprile 2013 in prima pagina Repubblica pubblicava questo articolo: «Il mistero della Terra che non si surriscalda più».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

LIVE Uscire dal seminato, e dagli stereotipi. Ci sono auto ricercate perché “le hanno tutti” e altre che invece offrono un punto di vista differente sul concetto di auto premium. Se siete tra chi cerca qualcosa di diverso, allora potete inserire senza ombra di dubbio Volvo nel carniere dei concessionari da visitare. La casa svedese […]

L'articolo Prova Volvo V60 Cross Country proviene da RED Live.

È arrivato all’EICMA del 2015, come un fulmine a ciel sereno. Allora si chiamava City Adventure ed ebbe tutti gli occhi addosso. Guardandolo si intuiva che non sarebbe stato un concept fine a se stesso. Troppo definiti i dettagli, troppo precise le saldature, troppo belli i cerchi a raggi (con il posteriore da 15 pollici) […]

L'articolo Prova Honda X-ADV proviene da RED Live.

L’erede diretto del V si aggiorna. Tra le novità, una maggiore leggibilità e l’incremento della memoria, che da 8 passa a 16 GB. Disponibile da marzo

L'articolo BMW Motorrad Navigator VI proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione con Toyota e sviluppata sulla base della piattaforma modulare EMP2 del Gruppo francese PSA, la monovolume Citroën SpaceTourer è in grado di ospitare sino a 9 persone complice la disponibilità di tre taglie – come le magliette – del corpo vettura. Tanta duttilità viene ora rafforzata dal debutto, in occasione del Salone […]

L'articolo Citroën SpaceTourer 4×4 Ë: spazio al fuoristrada proviene da RED Live.

Cilindrata inusuale, propulsore fuori dagli schemi: 5 cilindri in linea, 20V, 2.480 cc, distribuzione a doppio albero a camme in testa con variatori di fase a regolazione idraulica, iniezione diretta della benzina e sovralimentazione mediante turbocompressore a gas di scarico in grado di raggiungere una pressione massima di 1,2 bar. La nuova Audi RS3 Sportback è […]

L'articolo Audi RS3 Sportback scopre le zanne proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana