Google+

Gli Stati Uniti premiano suor Carolin, “donna coraggiosa” che lotta per dare un futuro alla Siria

maggio 3, 2017 Redazione

Il Dipartimento di Stato Usa ha premiato una salesiana che dirige una scuola materna e un laboratorio di sartoria a Damasco. La sua testimonianza

suora-melania-trump

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti l’ha insignita col Premio Internazionale Donne Coraggiose del 2017. Lei si chiama suor Carolin Tahhan Fachakh ed è una religiosa salesiana che dirige una scuola materna e un laboratorio di sartoria a Damasco, in Siria. Dopo aver ricevuto il riconoscimento, la religiosa ha detto: «Sono consapevole che questo premio non è solo per me, ma per la Chiesa in Siria che è “una” e siamo molto uniti. Per paradosso questa guerra ci ha uniti ancora di più. Nessuno di noi ha voluto lasciare il paese dall’inizio della guerra. La Siria oggi è un paese distrutto, non solo nell’economia, ma nella cultura, nelle sue radici. Un giorno a scuola un bambino ha fatto un verso con la bocca e gli ho chiesto cos’era. Mi ha risposto che era il rumore di una bomba, che è diverso da quello di un missile. Non posso pensare che i bambini siriani, oggi, imparino a distinguere le armi e non a giocare, studiare e crescere come bambini “normali”».

I MISSILI SULL’OSPEDALE. Grazie a lei, a una ventina di consorelle e alle opere da lei dirette, si educano le donne a imparare un mestiere: «Offriamo corsi di 3 livelli e alla fine regaliamo ad ogni donna che supera gli esami una macchina da cucire. Inoltre paghiamo le rette scolastiche ai bambini, ai giovani l’università, e a volte ci capita di pagare gli affitti delle case. Abbiamo anche un progetto di musica per diminuire la violenza che cresce dentro di loro ogni giorno».
La situazione in Siria rimane complicata: «Ogni giorno vediamo missili che cadono ma noi dobbiamo guardare al futuro; la più grande sfida della guerra è la povertà e noi combattiamo entrambe ogni giorno. Nell’ospedale abbiamo tanti malati e una volta un missile è caduto proprio vicino alla struttura e abbiamo operato i pazienti anche nei corridoi. Non c’è un posto sicuro in Siria. Tutti i giorni noi camminiamo per le strade e la morte cammina parallela con noi. Ma io non posso avere paura. La Chiesa deve offrire speranza e entusiasmo».

I BAMBINI. In una intervista alla Radio Vaticana ha raccontato che «la maggior parte dei cristiani, purtroppo, ha lasciato la Siria. Ora su duecento bambini solo 24 sono cristiani, il resto sono tutti musulmani. I genitori dei nostri bambini hanno molta fiducia in noi, perché prima di tutto offriamo questo clima di pace, di famiglia, dove il bambino giocando, saltando, sogna. Inoltre sono sicuri che qui non c’è questa aria di fanatismo, no. Li accettiamo come sono, non guardiamo né diciamo “cristiano”, “musulmano”. La nostra casa è sempre aperta a tutti».
Oggi «le medicine non si trovano, i migliori dottori sono partiti. Quando c’è un guasto ad un apparecchio non troviamo tecnici che vengano ad aggiustarlo. Tutto queste sono conseguenze della guerra. Però le suore dell’ospedale sono meravigliose perché sono sempre pronte a soccorrere tutte le persone che vengono a curare le ferite; sono sempre pronte a soccorrere qualcuno».

INSEGNARE IL PERDONO. Guardando al futuro suor Carolin sa l’aspetta un lavoro altrettanto faticoso: «Costruire l’uomo da dentro, perché il mondo è già pieno di paura, di violenza, di alcune persone piene di odio. Dopo la guerra inizieremo un lavoro per insegnare loro il perdono, il dialogo, tante cose da costruire dentro, cominciando dal perdono». Un buon punto di partenza, pur tra le difficoltà, già lo intravede: «C’è tanta solidarietà. Quando succede qualcosa vicino a noi tante persone, anche musulmani, bussano alla nostra porta chiedendoci: “Ma suora, state bene? Avete bisogno di qualcosa? Avete paura? Noi possiamo stare con voi”. Così c’è la solidarietà. Prima della guerra e durante la guerra: c’è, esiste, perché la Siria è bella, è piena di convivenza. Questa è la caratteristica della Siria: la convivenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana