Google+

Gli Stati Uniti premiano suor Carolin, “donna coraggiosa” che lotta per dare un futuro alla Siria

maggio 3, 2017 Redazione

Il Dipartimento di Stato Usa ha premiato una salesiana che dirige una scuola materna e un laboratorio di sartoria a Damasco. La sua testimonianza

suora-melania-trump

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti l’ha insignita col Premio Internazionale Donne Coraggiose del 2017. Lei si chiama suor Carolin Tahhan Fachakh ed è una religiosa salesiana che dirige una scuola materna e un laboratorio di sartoria a Damasco, in Siria. Dopo aver ricevuto il riconoscimento, la religiosa ha detto: «Sono consapevole che questo premio non è solo per me, ma per la Chiesa in Siria che è “una” e siamo molto uniti. Per paradosso questa guerra ci ha uniti ancora di più. Nessuno di noi ha voluto lasciare il paese dall’inizio della guerra. La Siria oggi è un paese distrutto, non solo nell’economia, ma nella cultura, nelle sue radici. Un giorno a scuola un bambino ha fatto un verso con la bocca e gli ho chiesto cos’era. Mi ha risposto che era il rumore di una bomba, che è diverso da quello di un missile. Non posso pensare che i bambini siriani, oggi, imparino a distinguere le armi e non a giocare, studiare e crescere come bambini “normali”».

I MISSILI SULL’OSPEDALE. Grazie a lei, a una ventina di consorelle e alle opere da lei dirette, si educano le donne a imparare un mestiere: «Offriamo corsi di 3 livelli e alla fine regaliamo ad ogni donna che supera gli esami una macchina da cucire. Inoltre paghiamo le rette scolastiche ai bambini, ai giovani l’università, e a volte ci capita di pagare gli affitti delle case. Abbiamo anche un progetto di musica per diminuire la violenza che cresce dentro di loro ogni giorno».
La situazione in Siria rimane complicata: «Ogni giorno vediamo missili che cadono ma noi dobbiamo guardare al futuro; la più grande sfida della guerra è la povertà e noi combattiamo entrambe ogni giorno. Nell’ospedale abbiamo tanti malati e una volta un missile è caduto proprio vicino alla struttura e abbiamo operato i pazienti anche nei corridoi. Non c’è un posto sicuro in Siria. Tutti i giorni noi camminiamo per le strade e la morte cammina parallela con noi. Ma io non posso avere paura. La Chiesa deve offrire speranza e entusiasmo».

I BAMBINI. In una intervista alla Radio Vaticana ha raccontato che «la maggior parte dei cristiani, purtroppo, ha lasciato la Siria. Ora su duecento bambini solo 24 sono cristiani, il resto sono tutti musulmani. I genitori dei nostri bambini hanno molta fiducia in noi, perché prima di tutto offriamo questo clima di pace, di famiglia, dove il bambino giocando, saltando, sogna. Inoltre sono sicuri che qui non c’è questa aria di fanatismo, no. Li accettiamo come sono, non guardiamo né diciamo “cristiano”, “musulmano”. La nostra casa è sempre aperta a tutti».
Oggi «le medicine non si trovano, i migliori dottori sono partiti. Quando c’è un guasto ad un apparecchio non troviamo tecnici che vengano ad aggiustarlo. Tutto queste sono conseguenze della guerra. Però le suore dell’ospedale sono meravigliose perché sono sempre pronte a soccorrere tutte le persone che vengono a curare le ferite; sono sempre pronte a soccorrere qualcuno».

INSEGNARE IL PERDONO. Guardando al futuro suor Carolin sa l’aspetta un lavoro altrettanto faticoso: «Costruire l’uomo da dentro, perché il mondo è già pieno di paura, di violenza, di alcune persone piene di odio. Dopo la guerra inizieremo un lavoro per insegnare loro il perdono, il dialogo, tante cose da costruire dentro, cominciando dal perdono». Un buon punto di partenza, pur tra le difficoltà, già lo intravede: «C’è tanta solidarietà. Quando succede qualcosa vicino a noi tante persone, anche musulmani, bussano alla nostra porta chiedendoci: “Ma suora, state bene? Avete bisogno di qualcosa? Avete paura? Noi possiamo stare con voi”. Così c’è la solidarietà. Prima della guerra e durante la guerra: c’è, esiste, perché la Siria è bella, è piena di convivenza. Questa è la caratteristica della Siria: la convivenza».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana