Google+

Gli inglesi hanno un debole per il principino William

novembre 23, 2012 Elisabetta Longo

La monarchia inglese spesso e volentieri torchia i suoi sudditi attraverso sondaggi volti a testare il livello di gradimento degli esponenti dei Windsor. Al momento il più amato è il principe William, trentenne figlio della sempre rimpianta Lady Diana. Sarà per la somiglianza con la mamma o sarà perché la sua popolarità ha avuto un […]

La monarchia inglese spesso e volentieri torchia i suoi sudditi attraverso sondaggi volti a testare il livello di gradimento degli esponenti dei Windsor. Al momento il più amato è il principe William, trentenne figlio della sempre rimpianta Lady Diana. Sarà per la somiglianza con la mamma o sarà perché la sua popolarità ha avuto un picco dal giorno in cui ha sposato la bella Kate?

SOLO QUINTO CARLO. Segue al secondo posto la regina Elisabetta, sempre più amata in questi mesi, per via del suo Giubileo. Al terzo posto Harry, lo scavezzacollo di casa, amato e difeso dai sudditi nonostante tutte le foto imbarazzanti di cui è sempre protagonista. Al quarto posto, la neoassimilata ai Windsor, la borghese Kate Middleton. Che le inglesi la amino lo si capisce dal numero di vestiti che comprano per assomigliare a lei. Al quinto posto c’è finalmente Carlo, escluso dalle prime posizioni, da sempre il meno simpatico, il traditore di Lady D, recentemente riabilitato per la serenità con cui ha sposato Camilla, e per la sua simpatia per le popstar.

LA NEW ENTRY. I dati di gradimento degli appartenenti ai Windsor sono molto diversi da quelli del 2001, quando William godeva del 22 per cento di consensi (ora è al 62 per cento) e la regina era al 39 per cento (mentre ora si assesta al 48 per cento). La Middleton all’epoca non era nemmeno fidanzata con William. Chi l’avrebbe mai detto che avrebbe sbaragliato la concorrenza del principe Carlo?

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana