Google+

Gli immigrati clandestini snobbano l’Unione europea in crisi. In un anno sono dimezzati gli ingressi

aprile 19, 2013 Matteo Rigamonti

Secondo il direttore di Frontex l’Europa ha «preso davvero sul serio tutte le violazioni». Ma quanto inciderà su questa situazione la crisi economica?

L’Unione europea non è un paese per immigrati clandestini. Sarà per via della crisi economica o sarà anche perché l’Europa ha «preso davvero sul serio tutte le violazioni», come ha detto il finlandese Ilkka Laitinen, direttore di Frontex, ma certo è che gli immigrati irregolari nell’Unione europea sono dimezzati. Nel 2011 erano 141.051; quest’anno, invece, sono stati “solo” 72.437. I dati di riferimento sono quelli elaborati da Frontex, l’Agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne. Un numero comunque nettamente inferiore al passato: nel 2010, infatti, i migranti irregolari erano 104.060, nel 2009 104.599 e nel 2008 159.881. Nei primi anni Duemila, infine, tanto per avere un riferimento più lontano nel tempo, c’è chi stima persino numeri superiori a 200 mila immigrati clandestini.

UN PROBLEMA DI DOMANDA E OFFERTA. «È un problema di domanda e offerta», ha spiegato Laitinen al Wall Street Journal. Perché i dati del 2012, secondo il direttore di Frontex, non dovrebbero essere letti semplicemente come un crollo della domanda di immigrazione in Europa, ma come il riflesso delle dinamiche di cambiamento intorno al Continente. Quali? Sicuramente, come ricorda Laitinen, la stagione delle primavere arabe, ha influenzato parecchio: basti pensare che gli immigrati clandestini dall’Africa nel 2012 sono precipitati dell’82 per cento rispetto all’anno precedente; i tunisini, in particolare, che tradizionalmente raggiungono l’Europa per mare sbarcando nel Sud Italia, sono precipitati dai 28 mila del 2011 ai circa 2 mila del 2012.
Ed è anche vero che i migranti irregolari provenienti dalla Siria sono aumentati di molto a 8 mila unità, per via del conflitto. Però, al netto di tutte le speciali misure e cautele adottate dall’agenzia di Laitinen, è difficile pensare che nel calo di immigrati irregolari non ci sia una qualche componente legata alle difficili condizioni economiche in cui versa l’Unione europea in crisi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    la libera circolazione interna tra cittadini degli stati europei non può essere messa sullo stesso piano dei flussi migratori. ogni paese dovrebbe poter decidere in quale misura e da che zona far entrare stranieri nei propri confini. storia, cultura e tradizioni devono poter essere mantenute in un clima di coesione sociale. una politica che farebbe bene a tutti serebbe che l’europa prendesse coscienza delle realtà che la circondano proponendo un “piano marshall” per le coste del nordafrica. li aiuteremmo a casa loro, evitando viaggi massacranti e togliendo un’arma alle organizzazioni criminali degli scafisti, costruendo un clima collaborativo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.