Google+

Gli immigrati clandestini snobbano l’Unione europea in crisi. In un anno sono dimezzati gli ingressi

aprile 19, 2013 Matteo Rigamonti

Secondo il direttore di Frontex l’Europa ha «preso davvero sul serio tutte le violazioni». Ma quanto inciderà su questa situazione la crisi economica?

L’Unione europea non è un paese per immigrati clandestini. Sarà per via della crisi economica o sarà anche perché l’Europa ha «preso davvero sul serio tutte le violazioni», come ha detto il finlandese Ilkka Laitinen, direttore di Frontex, ma certo è che gli immigrati irregolari nell’Unione europea sono dimezzati. Nel 2011 erano 141.051; quest’anno, invece, sono stati “solo” 72.437. I dati di riferimento sono quelli elaborati da Frontex, l’Agenzia europea per la gestione delle frontiere esterne. Un numero comunque nettamente inferiore al passato: nel 2010, infatti, i migranti irregolari erano 104.060, nel 2009 104.599 e nel 2008 159.881. Nei primi anni Duemila, infine, tanto per avere un riferimento più lontano nel tempo, c’è chi stima persino numeri superiori a 200 mila immigrati clandestini.

UN PROBLEMA DI DOMANDA E OFFERTA. «È un problema di domanda e offerta», ha spiegato Laitinen al Wall Street Journal. Perché i dati del 2012, secondo il direttore di Frontex, non dovrebbero essere letti semplicemente come un crollo della domanda di immigrazione in Europa, ma come il riflesso delle dinamiche di cambiamento intorno al Continente. Quali? Sicuramente, come ricorda Laitinen, la stagione delle primavere arabe, ha influenzato parecchio: basti pensare che gli immigrati clandestini dall’Africa nel 2012 sono precipitati dell’82 per cento rispetto all’anno precedente; i tunisini, in particolare, che tradizionalmente raggiungono l’Europa per mare sbarcando nel Sud Italia, sono precipitati dai 28 mila del 2011 ai circa 2 mila del 2012.
Ed è anche vero che i migranti irregolari provenienti dalla Siria sono aumentati di molto a 8 mila unità, per via del conflitto. Però, al netto di tutte le speciali misure e cautele adottate dall’agenzia di Laitinen, è difficile pensare che nel calo di immigrati irregolari non ci sia una qualche componente legata alle difficili condizioni economiche in cui versa l’Unione europea in crisi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    la libera circolazione interna tra cittadini degli stati europei non può essere messa sullo stesso piano dei flussi migratori. ogni paese dovrebbe poter decidere in quale misura e da che zona far entrare stranieri nei propri confini. storia, cultura e tradizioni devono poter essere mantenute in un clima di coesione sociale. una politica che farebbe bene a tutti serebbe che l’europa prendesse coscienza delle realtà che la circondano proponendo un “piano marshall” per le coste del nordafrica. li aiuteremmo a casa loro, evitando viaggi massacranti e togliendo un’arma alle organizzazioni criminali degli scafisti, costruendo un clima collaborativo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana