Google+

Gli arbitri? A dirigere il Festival

marzo 24, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles.

Nei mitici anni Settanta l’unico nemico buono era quello morto. Nei ruggenti anni Novanta, quasi Duemila, l’uni arbitro buono è quello che presenta Sanremo. Ognuno ha gli avversari che si merita, c’era una volta il movimento, o i movimenti, a riempire i sabati con manifestazioni di ogni colore, ma con un denominatore comune: al lunedì saliva il budget di carrozzieri e vetrai. Adesso, a riempire il sabato italiano c’è solo il calcio. Si gioca per tutto il week-end e il lunedì trippa. In tv si discute e si fa il tiro all’arbitro: ha sbagliato tutto.

O meglio, ha sbagliato quello che non ha dato il rigore alla mia squadra (o l’ha concesso agli altri). Clamoroso, in questo senso, il caso Sensi, il presidente della Roma che ha urlato al complotto minacciando di rivolgersi ai tribunali (ed è stato prontamente convocato da Guariniello, il Di Pietro del football). Una storia degli anni Duemila, non molto elevati nel dibattito. Nessuno ama gli arbitri, questa è la verità. C’è chi propone di raddoppiarli, ma non per risolvere il problema, solo per avere due bersagli. L’arbitro piace solo quando presenta Sanremo, come ha fatto uno dei migliori in circolazione, Collina, il pelato di Viareggio, che si è esibito con successo accanto a Fabio Fazio. L’unico arbitro nazional-popolare è quello del Festival, gli altri sono dei nemici, o, nella migliore delle ipotesi, compagni che sbagliano.

È venuto il momento della rivoluzione, altro che doppio arbitro: aboliamoli del tutto e mandiamoli a Sanremo. Giochiamo senza, perché come succedeva all’oratorio, alla fine, vince sempre il migliore, con o senza un tale col fischietto. Chi non ci crede Biscardi è.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.