Google+

Gli arbitri? A dirigere il Festival

marzo 24, 1999 Perrone Roberto

Sport über alles.

Nei mitici anni Settanta l’unico nemico buono era quello morto. Nei ruggenti anni Novanta, quasi Duemila, l’uni arbitro buono è quello che presenta Sanremo. Ognuno ha gli avversari che si merita, c’era una volta il movimento, o i movimenti, a riempire i sabati con manifestazioni di ogni colore, ma con un denominatore comune: al lunedì saliva il budget di carrozzieri e vetrai. Adesso, a riempire il sabato italiano c’è solo il calcio. Si gioca per tutto il week-end e il lunedì trippa. In tv si discute e si fa il tiro all’arbitro: ha sbagliato tutto.

O meglio, ha sbagliato quello che non ha dato il rigore alla mia squadra (o l’ha concesso agli altri). Clamoroso, in questo senso, il caso Sensi, il presidente della Roma che ha urlato al complotto minacciando di rivolgersi ai tribunali (ed è stato prontamente convocato da Guariniello, il Di Pietro del football). Una storia degli anni Duemila, non molto elevati nel dibattito. Nessuno ama gli arbitri, questa è la verità. C’è chi propone di raddoppiarli, ma non per risolvere il problema, solo per avere due bersagli. L’arbitro piace solo quando presenta Sanremo, come ha fatto uno dei migliori in circolazione, Collina, il pelato di Viareggio, che si è esibito con successo accanto a Fabio Fazio. L’unico arbitro nazional-popolare è quello del Festival, gli altri sono dei nemici, o, nella migliore delle ipotesi, compagni che sbagliano.

È venuto il momento della rivoluzione, altro che doppio arbitro: aboliamoli del tutto e mandiamoli a Sanremo. Giochiamo senza, perché come succedeva all’oratorio, alla fine, vince sempre il migliore, con o senza un tale col fischietto. Chi non ci crede Biscardi è.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download