Google+

Sei referendum per una giustizia più giusta. Mattia Feltri arruolato: non credete a quello che diranno le toghe

giugno 10, 2013 Mattia Feltri

Dalla responsabilità civile dei giudici alla separazione delle carriere. Le toghe si opporranno evocando sospetti intenti punitivi nei confronti della categoria, ma non è così

Nel 2000, alla vigilia dei referendum che fra l’altro proponevano la separazione delle carriere fra giudici e pubblici ministeri, e la correzione degli incarichi extragiudiziari per i magistrati, Silvio Berlusconi sostanzialmente disse: non prendetevi l’incomodo di andare a votare perché tanto la riforma complessiva della giustizia la faccio io. Poi non la fece e così non soltanto le riforme le promette da vent’anni e non ne porta a casa una, ma boicotta le altrui, nel caso quelle proposte dai radicali di Marco Pannella a suffragio universale. In questo sciagurato e simpatico paese, l’unico modo di cambiare qualcosa, o di provarci, è per via referendaria. Lo si vede in questi giorni in cui si discute di presidenzialismo e semipresidenzialismo, di riduzione dei parlamentari, di superamento del bicameralismo perfetto, cioè di temi istituzionali che negli ultimi trent’anni hanno impegnato tre commissioni bicamerali, trecento dibattiti e tremila articoli, il primo dei quali – a memoria di cronista – venne pubblicato sull’Avanti! nel 1979 a firma di Bettino Craxi. Le grandi riforme della nostra vita – dal divorzio all’aborto sino al sistema elettorale maggioritario su cui per qualche tempo ha poggiato la Seconda repubblica – sono arrivate giusto per via referendaria e tante altre, dall’abolizione del ministero dell’Agricoltura a quella dei contributi statali ai partiti, o l’introduzione della responsabilità civile dei magistrati in coda al caso di Enzo Tortora, sono state cancellate con successive leggi truffaldine o bizzarre interpretazioni che hanno reintrodotto le norme abrogate.

Ora i radicali ci riprovano e hanno chiesto a chi scrive di far parte del comitato promotore e chi scrive ha accettato, compiendo il primo atto politico ufficiale della sua carriera di giornalista, con convinzione. Lo ha fatto, lo ho fatto, sperando che dalle fumisterie che mi stanno drammaticamente accompagnando dalla gioventù alla mezza età, spunti qualcosa di concreto su cui ragionare. Spiego perché. I referendum sono sei e riguardano: la responsabilità civile dei magistrati (due quesiti), la separazione delle carriere, gli incarichi extragiudiziari, la revisione della custodia cautelare e l’abolizione dell’ergastolo. Ognuno dei quesiti sarà contrastato (tranne forse quello sull’ergastolo) dalla corporazione togata per sospetti intenti punitivi nei confronti della categoria. Non è così, ed è la premessa necessaria. L’introduzione della responsabilità civile, nella sua forma più ampia, prevede che i magistrati rispondano anche con risarcimento danni degli errori commessi; oggi ne risponde lo Stato ma soltanto nei casi più gravi, e con cifre risibili, rifacendosi poi sul magistrato se ce ne sono gli estremi, e ci sono stati forse un paio di volte in venticinque anni. Il magistrato svolge un lavoro così delicato e offre un così alto servizio allo Stato che chiedergli di riparare con esborso di denaro a ogni errore significherebbe renderlo disarmato; e però introdurre sistemi progressivi e severi di blocco delle carriere e di riduzione dello stipendio in riparazione alle colpe più gravi, o alle sciatterie più evidenti, cosa che oggi non succede, sarebbe una concessione a un sentimento di giustizia ampiamente insoddisfatto. Anche in memoria di Enzo Tortora.

La separazione delle carriere a me sembra il minimo indispensabile. Sarei per la separazione dei palazzi: i giudici in un palazzo e i magistrati inquirenti in un altro, possibilmente in un quartiere non confinante. Da cronista ho visto pubblici ministeri andare al bar sottobraccio al gip (giudice delle indagini preliminari) che stava valutando alcune loro inchieste. Si ricorda lo splendido caso di un gip di Milano che al collega della procura mandò un biglietto che diceva grosso modo così: caro Tonino, non posso concederti l’arresto di Tal dei Tali perché per quel reato è già finito dentro, quindi devi individuarne un altro. Tonino avete già capito chi è.

Il rapporto tra giudici e pm
In un paese appena civilizzato esistono dei giudici che dirimono controversie fra accusatori e difensori senza avere niente da spartire con gli uni o gli altri. In un mondo perfetto, invece, ottenuta la separazione delle carriere si procederebbe con un restringimento rigido della custodia cautelare. Nelle nostre prigioni sono ospitate (diciamo così) quasi 66 mila persone – malgrado la capienza sia di 47 mila – di cui oltre 24 mila in attesa di giudizio. Quindi innocenti secondo la Più Bella del Mondo, la nostra Costituzione secondo l’approvatissima definizione di Roberto Benigni. Col referendum si intende escludere il pericolo di reiterazione del reato, nel caso di reati meno gravi, fra quelli per cui si può infliggere la carcerazione preventiva (resterebbero pericolo di fuga e di inquinamento delle prove). Forse si ridurrebbe un po’ il ricorso a una misura cautelare che col tempo è evoluta (o involuta) a metodo di indagine (se parli, esci) o di impropria pena pregiudiziale, cioè prima del giudizio.

A proposito, la Più Bella del Mondo prevede che l’esecuzione delle condanne sia conforme a umanità (visto l’affollamento, lasciamo perdere) e tenda al recupero del condannato. Se si intende recuperare il condannato, e cioè recuperarlo alla vita civile, l’ergastolo non ha alcun senso di esistere, e infatti il sesto è un quesito che ha l’obiettivo di ufficializzare uno status quo: quasi nessuno ormai resta in cella fino alla fine naturale dei suoi giorni. E tutte queste belle riforme sarà complicato ottenerle se tanti magistrati continueranno ad avere incarichi fuori ruolo nel Parlamento (Piero Grasso è presidente del Senato, e due magistrati sono presidenti delle due Commissioni giustizia) o nei ministeri (a decine), dove loro stessi, dedicandosi alla contesa di fazione, mettono a repentaglio l’indipendenza di cui godono per dettato costituzionale, e dove hanno gli strumenti per intercettare, bloccare o modificare qualsiasi legge coinvolga la loro casta.

Ps. Nel comitato promotore dei referendum sulla Giustizia, molto trasversale, non ci sono parlamentari berlusconiani. Però forse, stavolta, Berlusconi consiglierà di andare a votare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. cesare says:

    Riguardo alle pene minori. Provate a pensare che un buon padre di famiglia pizzica il figlio a fumarsi uno spinello e lo punisce imponendogli di stare in un gruppo di drogati per mesi. Oppure un buon padre di famiglia che pizzica il figlio a rubare le monetine dal portafogli e lo punisce coll imporgli la frequentazione con rapinatori. lo stato dovrebbe essere un buon padre di famiglia……

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download