Google+

Giuseppe Pontiggia, lo scrittore che cercò “l’altro” in suo figlio

settembre 25, 2012 Daniele Ciacci

Nell’anniversario della nascita del grande scrittore, ne parliamo con il regista Andrea Carabelli che portò in scena il suo “Nati due volte”: «Non un libro sulla disabilità ma sulla possibilità di un rapporto»

A 78 anni dalla nascita di Giuseppe Pontiggia, scrittore milanese venuto a mancare nove anni fa, tempi.it vuole ricordare la sua opera principale, Nati due volte. Ne parla Andrea Carabelli, regista che «insieme a Giorgio Sciumé, e su consiglio dello scrittore Luca Doninelli, ha lavorato a una versione drammaturgica di Nati due volte. Pochi mesi dopo la sua morte, nel 2003».

Perché Nati due volte?
È stata una riscrittura faticosa ma necessaria. Bisognava essere coerenti con il testo di partenza, e si era responsabili del “testamento” di Pontiggia. Nati due volte è l’opera a cui lo scrittore ha dedicato più tempo, i risultati lo testimoniano. A una prima lettura sembra un bel romanzo autobiografico. Scavando in profondità, invece, si vede che, sotto la trama, giace una questione fondamentale. L’autore, rendendo opera scritta la sua vita, ha la necessità di trasferire un registro esperienziale all’interno della scrittura. Su questo, Pontiggia si arrovella, come fece già Carlo Emilio Gadda, suo predecessore. E il lavorio indefesso di Pontiggia crea un testo apparentemente semplice, ma ricco di sfaccettature, asciutto ma profondamente letterario, zeppo di metafore e descrizione altamente simboliche.

E il tema più importante, la disabilità.
No. Il tema fondamentale è la ricerca di una possibilità di rapporto. All’interno della dimensione particolare di cui vive, certamente, che è il disagio del figlio. Quello che si rappresenta è il passaggio da un’estraneità ad un’alterità. Lo scarto tra le due condizioni sta nella possibilità di rapporto. Che c’è, è possibile. Di fronte al padre che cerca di spiegargli tutto della vita, il figlio vuole semplicemente poter stabilire con il padre un rapporto alla pari, essere considerato come una persona, smantellando ogni sovrastruttura.

Nati due volte è “contro” qualcosa o qualcuno?
La vicenda raccontata da Pontiggia non ha nessun tono retorico, non vuole appoggiare né sostenere alcuna posizione. Non fa altro che descrivere la sua esperienza. A un certo momento, scrive: «L’altro giorno l’ho guardato (mio figlio, ndr) e mi sono detto: cosa sarebbe stata la mia vita senza di lui? Possiamo immaginarci tante vite, ma non possiamo rinunciare alla nostra». Il rapporto col figlio diventa necessario per questo, perché costruisce ed educa la vita del padre. Perché di limiti e di incompiutezza è ontologicamente pieno l’uomo, così la distanza tra padre sano e figlio disabile si risolve.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Redazione scrive:

    Riceviamo e pubblichiamo:
    Gentile redazione,
    nell’articolo del sig. Daniele Ciacci, intitolato Giuseppe Pontiggia, lo scrittore che cercò “l’altro” in suo figlio, vengono riportate informazioni errate e parziali.
    L’informazione errata alla quale mi riferisco riguarda lo spettacolo Nati due volte.
    Nati due volte è uno spettacolo di cui io solo ho curato la drammaturgia, la regia e nel quale, insieme alla persona intervistata, ho recitato.
    La mia stessa tesi di laurea ha come titolo “Nati due volte: dal romanzo alla scena” e racconta l’intero processo creativo da me compiuto (904 pagine). Riporto la divisione dei capitoli: 1. Giuseppe Pontiggia: la scrittura; 2. Nati due volte: la gerarchia dei contenuti; 3. Nati Due Volte: la scrittura drammatica.
    Non sarebbe stato possibile né intitolare lo spettacolo come il romanzo, né riportare la dicitura tratto dal romanzo di Giuseppe Pontiggia edito dalla Mondadori S.p.a, senza che eredi e casa editrice apprezzassero e approvassero il mio lavoro (depositato presso la SIAE).
    Non discuto che la persona intervistata si occupi di regia, ma non se n’è occupato in relazione allo spettacolo Nati due volte. Pertanto non si tratta, in questo caso, di un’informazione errata ma parziale, che getta un’ambigua luce – una strana ombra – sull’attribuzione della regia e sul ruolo avuto dalla persona intervistata.
    Le informazioni di cui, con questa mail, entra in possesso sono verificabili e provate dalla lunga storia dello spettacolo, nelle locandine informative del quale è stata sempre riportata la seguente dicitura:
     
    Nati Due Volte
    tratto dal romanzo Nati due volte di Giuseppe Pontiggia edito da Mondadori S.p.a 
    riscrittura scenica
    Giorgio Sciumé 
    regia
    Giorgio Sciumé 
    con
    Andrea Carabelli e Giorgio Sciumé
     
    Sono particolarmente affezionato a questo spettacolo che porta con sé un’adesione personale ai contenuti, la scelta di un testo – il romanzo di Pontiggia – che si distingue per chiarezza e profondità linguistica, oltre, ovviamente, la concretizzazione di un’estetica teatrale, di cui difendo l’originalità.
    Basterebbe peraltro digitare sul motore di ricerca Google Nati due volte spettacolo e tutti i risultati le confermerebbero.
    Lavoro con impegno nel teatro e non vivo certo di passaggi stampa ma, proprio per questo, anche quello che può apparire come un dettaglio secondario tra tanti, è per me rilevante.
    Cordialmente
    Giorgio Sciumé

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana