Google+

Giannino: vi spiego il boom dei Grillini

maggio 26, 2012 Oscar Giannino

«La Seconda Repubblica come l’abbiamo conosciuta è fi-ni-ta. Ora è definitivamente sepolta, per inequivocabile segnale degli italiani».

Il ballottaggio delle amministrative ha confermato e amplificato il primo turno. Tutto potete pensare, tranne che rimanere stupiti se leggete – non ho detto “se condividete”, ma “se leggete” – quanto da mesi scrivo su queste colonne. Dopo le migliaia di lettere e le centinaia di telefonate che ho ricevuto a Radio24, non avevo dubbi. In sintesi estrema, e lasciando a ciascuno il diritto di spaccare il capello per cogliere questo o quel dato a mio giudizio più di contorno, siamo in presenza di tre macrofenomeni che cambiano il quadro della politica italiana. Nel senso che la Seconda Repubblica come l’abbiamo conosciuta è fi-ni-ta. Era già finita politicamente dopo una troppo lunga agonia che non ha fatto bene al paese, mentre l’euro si avviava a propria volta a diventare un Vietnam. Ma ora è definitivamente sepolta, per inequivocabile segnale degli italiani.

È finita innanzitutto perché il crinale Berlusconi sì/Berlusconi no che ha dominato dal 1994 viene archiviato e diventa materia per gli storici (di qui a un futuro medio-lungo, per il momento suggerirei di astenersi). Viene archiviato non nel senso – qualcuno nel vecchio centrodestra continuerà a pensarlo, povero lui – che Berlusconi non si è esposto alle amministrative mentre, se tornasse a battere un colpo alle politiche, allora sì che le cose tornerebbero come prima. Viene archiviato perché là dove i ballotaggi siano stati ancora tra vecchia destra e vecchia sinistra, la destra è stata nella stragrande maggioranza dei casi travolta. E se qualcuno crede che la Puglia faccia eccezione, è meglio che ci ripensi. Un conto è la compattezza relativa dovuta alla presenza di leader locali con un proprio radicamento, come nel caso pugliese da Lecce a Trani, un altro è l’evaporazione del centrodestra a cominciare dal Pdl, in tutto il Nord dell’elettorato d’opinione, che ne rappresentava storicamente un bastione. Da Como a Lecco a Monza fino a Lucca e Camaiore, il Pdl evapora. La credibilità di chi ha promesso per 18 anni politiche liberali e sussidiarie, liberalizzazioni e privatizzazioni, meno spesa pubblica e meno tasse, e ha fatto esattamente l’opposto o ha fatto i fatti propri, è semplicemente finita.

È finita anche perché – secondo macrofenomeno – non funziona la valvola di compensazione che in meno della metà del paese aveva visto, ai primi evidenti segnali di crisi del Pdl, aumentare di converso i consensi della Lega. Tutti i ballottaggi con candidati leghisti sono stati persi. La crisi di credibilità anche qui non è di Belsito o del cerchio magico o della disinvoltura nell’utilizzo del denaro pubblico. È Umberto Bossi a essere finito come residuo leader politico. La Lega per risalire faticosamente parte della sua china dovrà effettuare una cesura radicale. Non so se ne avrà la forza e il leader necessari, quella forza e quel leader che il Pdl avrebbe dovuto avere da un anno a questa parte, e non ha saputo darsi.

Il terzo macrofenomeno riguarda la sinistra. L’exploit di Orlando a Palermo e la vittoria di Doria a Genova, si aggiungono ai precedenti analoghi casi di Napoli, Cagliari e Milano. Il Pd perde la guida, i suoi candidati alle primarie sono bocciati, Fassino sindaco di Torino resta l’eccezione e non la regola. È vero che la sinistra non evapora affatto, a differenza del centrodestra. Semplicemente, il suo elettorato chiede politiche antagoniste rilegittimate dal basso, un no al rigore cieco sommato al movimentismo civile e sociale che punisce la confusa linea istituzional-elitaria delle vecchie leadership Pd-Ds-Pds. In ogni caso, la sinistra ha davanti a sé non una ma più prospettive, se le saprà scegliere senza confondersi per strada. Nessuna di esse, però, è alla francese, perché un forte partito inequivocabilmente socialista che raccolga il testimone della destra che sbaglia non c’è nella storia italiana, e non s’inventa con marmellate pluridentitarie di leader dimezzati. Oggi come oggi la cosa più probabile è che ci penseranno Repubblica e il suo editore a dare la linea.

Pochi mesi per sfidare la “tassicodipendenza”
L’elevato astensionismo e l’esplosione del Movimento 5 Stelle sono il frutto di questi tre macrofenomeni. Un frutto più che annunciato. I grillini sono davvero una cosa altra rispetto ai vecchi partiti. La loro confusione programmatica sui temi economici, di mercato e d’impresa dovrà chiarirsi. Ma i loro candidati vincono con poche migliaia di euro e sono un giusto schiaffo popolare in faccia ai miliardi dilapidati dal sistema dei partiti in truffe e camarille di amici, parenti e amanti. Gli italiani ne hanno le tasche piene non della politica, ma della cattiva politica. Chi è liberale e si batte per sussidiarietà e famiglia, meno spesa pubblica ammazzacrescita e dimagrimento dello Stato tassicodipendente, ha pochi mesi per lanciare dal basso un soggetto politico che col Pdl attuale e il suo sterile continuismo nulla può avere a che fare, sempre che trovi facce nuove e insieme conosciute, forti di una propria credibilità e coerenza. Altrimenti gli italiani non potranno che confermare alle politiche quel che oggi hanno espresso: e ancor più lo faranno di fronte alle prevedibili agonie recessive, se l’Europa non cambia politica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Renato Malfer scrive:

    E allora caro Giannino buttati fai un passo avanti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana