Google+

Giannino risponde a Mucchetti. La fusione Intesa-Unicredit non è un bene

novembre 6, 2012 Redazione

Oscar Giannino contesta la proposta di apparsa sul Corriere sulla fusione tra Intesa e Unicredit. Il timore di acquisizioni estere non è giustificabile. Il vero problema sono le fondazioni

Intesa-Unicredit: c’è nell’aria un’ipotesi di fusione messa sul tavolo dei media da Massimo Mucchetti del Corriere della Sera. L’operazione consisterebbe nello scorporo all’interno del gruppo Unicredit delle attvità italiane dalle estere, quest’ultime oggetto di acquisizion da parte di Intesa SanPaolo.
Al giornalista del Corriere l’idea piace e motiva la sue posizione in alcuni punti. Nel primo Mucchetti fa leva sul fare cassa: «Si eviterebbero tagli occupazionali oltre a quelli comunque indotti dalle nuove tecnologie, soprattutto se chi compra non possiede una rete in Italia».
Altro punto ritenuto essenziale è il mantenimento della proprietà di Unicredit in mani italiane , contro il possibile avanzare di Deutsche Bank o di compratori arabi e russi.
Tre: il ruolo centrale di Mediobanca. Secondo Mucchetti «questa filiera, che ha in Mediobanca lo snodo principale, esiste già oggi e fa capo a Unicredit. Con l’aggregazione, il ruolo di Unicredit verrebbe spalmato anche sulle teste di Intesa, diminuendo la concentrazione a parità di pacchetto azionario. E nel momento in cui Mediobanca allentasse la presa su Generali, già assai inferiore rispetto ai tempi di Cuccia e Maranghi, la filiera tenderebbe a decadere».

IL MERCATO NON E’ UN DOGMA. L’ultima osservazione riguarda il mercato perché un’operazione siffatta metterebbe a rischio la concorrenza nel settore, chiosa però Mucchetti: «Operazioni di tal fatta, si dice, sono frutto del dirigismo di soggetti, le fondazioni, in qualche modo legati alla politica e non del mercato. È vero, ancorché le fondazioni abbiano rifiutato ovunque possibile i Tremonti bond, mentre tante banche estere accettavano aiuti di Stato. Ora, il mercato non è un dogma. Ottimo per Luxottica, già meno per l’auto, il mercato deregolato ha miseramente fallito con le banche».

I NODI AL PETTINE. Le osservazioni di Mucchetti non trovano il consenso di Oscar Giannino, che dal suo Chicago blog, risponde punto per punto al giornalista di via Solferino. Per Giannino «Mucchetti non ha mai fatto mistero di essere un critico del mercato […] figuriamoci poi se si può credere alla positività delle logiche di mercato nelle banche». Per quanto riguarda le possibili acquisizioni di Unicredit da parte di capitali esteri, Giannino la pensa all’opposto: «Mi chiedo se il ragionamento non dovrebbe essere un altro. È per i colpi della crisi, anno dopo anno e massime con l’eurocrisi, che sono venuti al pettine i nodi di come negli anni precedenti abbiamo realizzato il consolidamento bancario italiano».

FONDAZIONI: GLI STRANI SOGGETTI. Il problema, dunque, non risiede nella nazionalità del capitale, ma sui soggetti titolari: «Proprio la crisi europea e delle banche doveva e dovrebbe indurre a fare un ragionamento del tutto diverso, sulle fondazioni. Invece di pensare a blindare il loro controllo su Intesa-Unicredit, intesa come somma dei suoi asset esteri più naturalmente l’appetitoso pacchetto Mediobanca, la nostra modesta idea è di usare la crisi per portare ad esaurimento il ruolo di controllo bancario delle fondazioni, questo singolare soggetto che esiste solo in Italia tra tutti i Paesi avanzati. Un mix di incentivi a liberarsi del controllo per fare ciò che dovrebbero, cioè diversificare il loro patrimonio e pensare a società e cultura, e di misure coatte per indurle a smettere il ruolo proprietario bancario, oltre un certo delta temporale. Anche perché le fondazioni hanno riprodotto singolari logiche di ex politici-controllori di banche. E se Dio vuole la sia pur modesta abolizione delle Province messa in moto da Monti rivoluziona oggi molti dei criteri di nomina delle fondazioni bancarie».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana