Google+

Giannino né con Albertini né con Maroni. Magari con Ambrosoli

gennaio 10, 2013 Redazione

«Albertini ha le idee confuse, dalla Lega di Maroni sono rimasto deluso, per Ambrosoli invece c’è apprezzamento, ma dipende se riuscirà a concretizzare alcune posizioni»

Oscar Giannino candida un bocconiano, il professor Carlo Maria Pinardi, alla presidenza della Regione Lombardia, ma intanto dichiara il proprio apprezzamento per Umberto Ambrosoli, verso cui potrebbe convergere in futuro.

«Il ciclo di Formigoni meritava di chiudersi meglio – ha detto Giannino presentando oggi Pinardi e i candidati di “Fare per fermare il declino” in Lombardia a Camera e Senato – speriamo che il governo regionale vada nelle mani di chi è competente. Albertini ha le idee confuse, dalla Lega di Maroni sono rimasto deluso, per Ambrosoli invce c’è apprezzamento, ma dipende se riuscirà a concretizzare alcune posizioni di svolta che condividiamo sulla sanità. Se lo farà noi convergeremo».

Giannino ricorda: «Parlai con Albertini, mi disse che aveva la tessera del Pdl e senza Formigoni e Berlusconi non si faceva niente. Lo salutammo. Ora fa l’anti formigoniano e diventa la mano di Monti, candidandosi anche al Senato. È diventato un partitante come loro, vuole solo fare interdizione». Allo stesso modo, continua «sono deluso dalla Lega di Maroni, che aveva aperto una riflessione critica e cambiato il linguaggio. Dopo gli stati generali in cui avevano ascoltato gli imprenditori, ora si torna alla solita solfa di un accordo con Berlusconi».
Di Ambrosoli invece «condividiamo idee come sottoporre tutta la sanità a una revisione generale da parte di un certificatore prima di metterci le mani, e non far più nominare i direttori delle aziende ospedaliere dalla politica ma sceglierli come manager d’azienda. Se farà cose di questo genere, di cui c’è gran bisogno, ovviamente convergeremo». (AGI)

Agli apprezzamenti di Oscar Giannino, Ambrosoli ha risposto: «Il metodo che condividiamo con Giannino è quello dell’analisi dei problemi fuori dalla demagogia. Ci sono anche delle differenze, ma in questo momento della storia d’Italia bisogna fare uno sforzo per trovare ciò che può unire e non dividere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Francesco Brasca scrive:

    Come medico che lavora in Lombardia condivido l’idea di “sottoporre tutta la sanità a una revisione generale da parte di un certificatore”. Sorge un po’ di preoccupazione quando i criteri di questa revisione dovessero essere fissati secondo i criteri già altrove dettati dalla sinistra, cioè va tutto bene purchè sia statale.
    Abbiamo bisogno di una revisione del sistema che verta sia sui requisiti minimi che sulla valutazione dell’outcome con possibilità di incentivo per chi va meglio e di penalizzazione per chi va male.

  2. 0527881474 scrive:

    vorrei sapere cosa ne pensa Giannino dell’uscita di Ambrosoli “Toglierò il buono/dote scuola”. Strumento che dà dignità alla libertà di scelta, che nessuno, nemmeno Ambrosoli, può toglierci. E per quanto riguarda il “Quoziente Familiare” vorrei capire, sempre da Giannino, e sempre se fosse possibile farlo in Lombardia (almeno), che intenzioni ha. Ricordate all’ottimo Giannino che la Sussidiarietà è una cosa che parte dal basso.

  3. Corrado scrive:

    E oplà giravolta con capitombolo carpiato. Anche lui sinistro, peccato cominciavo a sperare…..
    La prima cosa che farà Lattemiele sarà di far ricoprire l’Oscar di uova e pomodori, ma non gli è bastata l’altra volta?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana