Google+

Giancarlo Caselli va in pensione. Ha guidato la procura di Palermo negli anni del “concorso esterno”

novembre 11, 2013 Chiara Rizzo

Il procuratore capo di Torino lo ha annunciato oggi con una lettera ai sostituti. Qualche giorno fa si era dimesso dalla corrente Md dopo anni di militanza, in polemica con lo scrittore Erri De Luca

Dal 28 dicembre il procuratore capo di Torino, Giancarlo Caselli, andrà in pensione. Lo ha comunicato lui stesso con una lettera ai suoi sostituti, in cui aggiunge «Ho formalizzato oggi una notizia che non avrei mai voluto comunicarvi. Mi dispiace lasciare il lavoro in Procura, ma ancora di più lasciare tanti amici, credetemi non è frase fatta, cioè voi tutti che avete contribuito a fare del nostro ufficio un sistema funzionante».

PROCESSI CONTROVERSI. La notizia segue di pochi giorni l’abbandono ufficiale anche di Magistratura democratica, la corrente di sinistra delle toghe, di cui Caselli è stato storico militante e tra i più noti esponenti, a seguito della pubblicazione di Md (nell’Agemda 2014) di uno scritto in cui lo scrittore Erri De Luca difendeva l’operato della sinistra eversiva, attentati compresi, negli anni di Piombo. La reazione di Caselli ha suscitato per lui però una diffusa solidarietà tra altri magistrati di Md.
Caselli ha lavorato come magistrato (come giudice istruttore, poi come presidente della corte d’Assise) a Torino dagli anni di piombo fino alla fine del 1992, quando accettò l’incarico di procuratore capo di Palermo all’indomani delle stragi di Capaci e via d’Amelio dove morirono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Sotto la sua guida, il cosiddetto “pool dei caselliani” (un gruppo di pm tra cui spiccano sicuramente i nomi di Antonio Ingroia e di Roberto Scarpinato) condusse alcuni controversi processi, il più celebre dei quali è quello a Giulio Andreotti. Dal 1999 al 2001 Caselli è stato quindi direttore generale al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Nel 2001 è poi tornato all’ombra della mole come procuratore capo. S
torico lo scontro per la poltrona di Procuratore nazionale antimafia con Piero Grasso nel 2005: il Csm scelse quest’ultimo alla guida della Dna, ma in quell’occasione si è manifestata in modo plastico la contrapposizione tra due “scuole di pensiero” nella magistratura che aveva dilaniato per anni (e tuttora divide) la procura palermitana, divisa tra magistrati più “attendisti”, alla Grasso, o quelli della scuola dei “caselliani”, ritenuti nel dibattito mediatico più “interventisti” e più favorevoli alle indagini per il concorso esterno per associazione mafiosa (un dispositivo per indagare i colletti bianchi sospettati di aver aiutato la mafia anche se non sono aderenti effettivi all’associazione mafiosa).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.