Google+

Giallo della Camilluccia, scoperto il tesoro di Fanella

luglio 4, 2014 Chiara Rizzo

La vittima nascondeva in un sottotetto di una casa in Ciociaria 34 buste di diamanti, 284mila dollari e 118mila euro in contanti e altri gioielli e orologi, forse collegati al riciclaggio attuato con Mobkel. Gli inquirenti ipotizzano un tentativo di sequestro finito male

Sarebbe stato un tentativo di sequestro finito male, il secondo secondo quanto si apprende, la causa secondo gli inquirenti dell’omicidio di Silvio Fanella, già condannato lo scorso ottobre in primo grado in quanto “cassiere” e faccendiere di Gennaro Mobkel. La procura di Roma e la squadra mobile si sono orientati verso questo possibile movente all’omicidio della Camilluccia dopo aver ritrovato in un’abitazione dell’uomo in provincia di Frosinone vero tesoro nascosto.

IL TESORO CIOCIARO. Diamanti, a centinaia, e conservati in ben 34 buste, poi orologi preziosi e 284mila dollari e 118mila euro in denaro contante: Fanella li custodiva nascosti nel sottotetto di un appartamento in via Casilina a Pofi, insieme a vari gioielli, tra cui un Rolex con diamanti incastonati. Tale bottino e la sicura disponibilità economica di Fanella aveva spinto un gruppo di tre uomini a organizzare un tentativo di sequestro. I tre, secondo quanto ha ricostruito sinora la Squadra mobile, conoscendo le disavventure giudiziarie della loro vittima, hanno anche agito con un guizzo di fantasia, e al citofono dell’appartamento in via Gandolfi, zona Camilluccia, si sono presentati come agenti della Guardia di Finanza. Raggiunto nel suo appartamento al quinto piano, però, Fanella ha cercato di difendersi, è nata una lite con i tre, poi conclusasi nella sparatoria. Che il movente fosse più un sequestro che non una vendetta lo confermerebbe il ritrovamento nell’appartamento di una sacca, abbandonata dai tre dopo la sparatoria, e contenente fascette e cerotti, di solito oggetti usati appunto in caso di rapimenti.

LA FUGA E IL FERMO. Subito dopo, i tre uomini hanno iniziato la loro fuga: ma uno di loro era rimasto ferito nella sparatoria e si è accasciato proprio davanti al portone della casa, dove poi è stato soccorso, trasferito al policlino Gemelli e operato. Lì è stato raggiunto ieri sera da un provvedimento di fermo, con l’accusa di omicidio volontario premeditato e aggravato. Poco dopo è stata ritrovata nelle vicinanze della casa anche l’auto abbandonata su cui alcuni testimoni avevano visto fuggire i due complici del fermato, ma per il momento la caccia continua. Intanto gli inquirenti, cercando di ricostruire i vari tasselli del movente, si sono imbattutti nel tesoro della Ciociaria: il pm Paolo Ielo, che coordina le indagini per la procura antimafia di Roma, ha ipotizzato che molto probabilmente i rapitori avessero intenzione di torturare Fanella durante il sequestro, proprio per scoprire dove nascondesse tutti questi preziosi.

L’AFFAIRE MOBKEL. Il ritrovamento del tesoro di Fanella però aggiunge un nuovo tassello anche alla vicenda giudiziaria in cui l’uomo era coinvolto. Fanella infatti era stato condannato in primo grado proprio per associazione a delinquere transnazionale finalizzata al riciclaggio e di truffa, per due miliardi di euro. Come lui è già stato condannato a 15 anni Gennaro Mobkel, insieme al suo gruppo. Il processo, denominato Telecom Italia Sparkle, aveva già visto pienamente scagionati dalle accuse il fondatore di Fastweb Silvio Scaglia e l’ex ad di Telecom Italia Sparkle Stefano Mazzitelli, con altri cinque loro collaboratori. Ora gli inquirenti romani vogliono indagare per capire se il tesoro nascosto da Fanella possa essere riconducibile al gruppo guidato da Gennaro Mobkel.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana