Google+

Giacomo: «Per decidere chi è genitore 1 e genitore 2 si farà come per la presidenza europea: 6 mesi a testa»

gennaio 21, 2014 Francesco Amicone

“L’imprevisto della vita. Dentro le cose, verso il Mistero”. Cronaca dell’incontro a Barzanò con il comico, monsignor Camisasca e Maurizio Lupi

poretti-lupi-camisascaBarzanò (lecco). «Per evitare equivoci, gli esseri umani hanno cercato di chiamare le cose con il loro nome. Da qualche tempo non è più così». Lo ha detto l’attore Giacomo Poretti, all’incontro “L’imprevisto della vita. Dentro le cose, verso il Mistero”, tenutosi ieri a Barzanò (Brianza) e organizzato dalla Fondazione Costruiamo il Futuro, in collaborazione con la Fondazione Tempi. L’attore del trio “Aldo Giovanni e Giacomo”, e Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia-Guastalla, hanno dibattuto del tema davanti a un migliaio di persone nel gremito centro sportivo locale. Al loro fianco, c’era il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Maurizio Lupi, che per l’occasione si è ritagliato l’inedito ruolo di moderatore.

GENITORE 1 E 2. Secondo Poretti, il lavoro di un comico è, prima di tutto, capire le parole, conoscerle bene. E prima di parlare di un tema bisognerebbe capire che cosa le parole significhino. Ma da un po’ di tempo è più difficile farlo, ha detto attaccando scherzosamente la politica del presidente socialista francese Francois Hollande, «quello che va in motorino». «Per esempio, se prima, con la parola papà si definiva il genitore maschio e mamma la genitrice femmina, ora, giusto per svecchiare la lingua e i concetti, il papà e la mamma si è deciso di rinominarli con genitore 1 e genitore 2». «Resta da definire se il maschio indosserà la maglietta numero 1 o se invece verrà attribuita alla femmina», ha osservato il comico. «Ancora più complessa è la vicenda di quando entrambi i genitori saranno entrambi maschi o entrambi femmine. Forse si deciderà ai rigori o più democraticamente come per la presidenza della Ue, sei mesi a testa». «E i nonni come li chiameremo?», si è chiesto Poretti, «colui che vizia 1 e colui che porta sempre i regali 2?».

poretti-lupi-camisasca01L’IMPREVISTO. Dopo questa premessa, l’attore del trio comico Aldo Giovanni e Giacomo, ha parlato dell’imprevisto nella sua vita, e dell’incontro inaspettato con gli altri due «cialtroni», Aldo e Giovanni. «Vivevo in una famiglia di operai e non mi sarei mai aspettato di trovarmi a fare il comico», ha spiegato Poretti, che abitava a Legnano, in una zona che allora era una «immensa fabbrichetta». «La cultura dove sono cresciuto era questo: si doveva andare a lavorare e ciò era accettato benevolmente. Nessuno si vergognava di fare l’operaio. E anch’io avrei dovuto esserlo, quello era il mio orizzonte di vita», ha raccontato. Sarebbe stato il suo destino andare a lavorare in fabbrica, ma dopo un aver cambiato vari impieghi, compreso quello di facente funzione di infermiere, si accorse di provare un desiderio che lo portava verso tutt’altro mestiere, l’attore teatrale. E lo seguì, andando a recitare nella compagnia teatrale del suo oratorio: «Tutto nacque perché un prete mi aveva messo addosso questa doppia malattia, il calcio e il teatro», ha confessato Poretti.

poretti-lupi-camisasca03L’INCONTRO CON ALDO E GIOVANNI. «La scuola di teatro poi mi ha portato a conoscere quei due cialtroni che sono i miei soci», Aldo e Giovanni, ha proseguito Giacomo. L’imprevisto accadde in un locale di Legnano, dove il futuro terzo uomo del noto trio stava assistendo a uno spettacolo di cabaret. «A un certo punto arriva in scena un comico – Aldo non era pelato all’epoca, aveva la chierica – che parlava in bolognese». Non sembrava stesse andando bene l’esibizione: «Il pubblico si guardava,ma che cazzo vuole sto qui”, diceva». «Evitammo di mandarlo a quel paese solo per pietà», ha raccontato Poretti. «Poi, dopo quasi un minuto, apparve sulla destra, come se fosse un disturbatore, quest’altro, che sembrava un vecchietto , Giovanni».  «Si creò un imbarazzo terribile», ha ricordato Poretti, «il pubblico diceva: “Cosa vuole questo vecchietto? Quello che parla in bolognese sta già andando malissimo da solo”». «Sudavamo dall’imbarazzo», finché a un certo punto, «il vecchietto, come se avesse visto il demonio, è saltato in braccio a quello che parlava bolognese. Da lì hanno cominciato a fare una scena esilarante: il vecchietto che tentava di arrampicarsi sul bolognese, il bolognese che cercava di scacciarlo, come se fosse un gatto». «Il pubblico ha capito che stava assistendo a qualcosa di surreale e di comicissimo», ha continuato Poretti. «Alla fine di questa esibizione, il vecchietto è arrivato in cima, ha messo una gomma da masticare in mezzo alla chierica del bolognese, ci ha infilato uno stuzzicadenti con la bandierina e ha gridato “Ho scalato il machu picchu”». Fu allora, ha concluso Poretti, che pensò: «Io con questi qua ci voglio lavorare».

poretti-lupi-camisasca02CAMISASCA: IL MISTERO DEL MALE. All’incontro organizzato da Costruiamo il Futuro, è intervenuto anche il vescovo di Reggio Emilia e Guastalla, Massimo Camisasca, che ha sondato il tema del “mistero”. Quello più grande, secondo il vescovo, è la creazione dell’uomo. «Perché Dio ha avuto bisogno dell’uomo? La teologia nei secoli passati si è posta questa domanda con qualche difficoltà a rispondere, perché parlare di un Dio bisognoso mette qualche tremito», ha spiegato Camisasca. «Io me la sono posta da un altro punto di vista, quello di Gesù che si siede accanto al pozzo di Giacobbe e che dice alla samaritana “ho sete, dammi da bere”. Questo è Dio. Dio ha avuto bisogno di un nuovo interlocutore». Il vescovo ha poi citato Dante, il quale parla di Dio e del suo rapporto con gli uomini come dell’«eterno amore» che «si aperse in altri amori». «A un certo punto, Dio, nel suo concerto ha sentito il bisogno della nostra voce, della nostra musica. Ha sentito il bisogno dei nostri volti. E ha voluto che noi ci fossimo».
Camisasca si è soffermato anche sul mistero della presenza del male nel mondo. «Il male fa parte di quelle cose che non hanno risposta», ha aggiunto. «Cristo – ha detto il vescovo citando Paul Claudel – non è venuto a spiegare la croce; è venuto a distendersi sulla croce», ciò perché il male rimane un mistero per l’uomo, e nonostante tutto Dio, che «sa essere impassibile, ma non è senza compassione», non lo abbandona. Dunque, ha concluso il vescovo, come insegna la croce, «se c’è qualcosa che ci è chiesto è quello di dare il proprio contributo con la carità personale, con il sacrificio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

10 Commenti

  1. leo aletti scrive:

    Grazie a Giacomo Poretti (attore) e a Mons. Massimo Camisasca (vescovo di Reggio Emilia) sono d’accordo, avanti così.

    • domenico b. scrive:

      Grande ammirazione per le parole del vescovo Massimo Camisasca. Ma quando sento parlare di genitore 1 , 2 e altre….sciocchezze?…. mi sembra di essere in un mondo talmente surreale….tantopiù che sono poche le persone che si rendono conto della gravità di quello che sta succedendo, e di come può influire sul modo di pensare dei nostri figli…. Le parole di Camisasca sono comunque di grande consolazione, anche io dico grazie

  2. riequilibrio scrive:

    per decidere chi è il più cialtrone dei tre faranno 4 mesi per uno?

  3. elena scrive:

    Xké genitore e nn genitrice? Maschilisti !!
    E i fratelli e sorelle? Convivente consanguineo 1 …
    E gli zii? Gli ex conviventi consanguinei del genitore 1?
    Follia pura

  4. giovanni scrive:

    Dieci minuti di applausi a Phil Robertson, l’anti-barilla !!!!!!

  5. Antonio scrive:

    io non riesco ancora a credere che questa castroneria del genitore 1/2 sia vera. Sembrerebbe una squallida provocazione, piuttosto che un provvedimento reale, tanto è idiota.

  6. gipo scrive:

    Cari amici, io c’ero!
    posso garantire che SE Camisasca (affettuosamente Lupi lo ha chiamato “Don Massimo”), Giacomino ed il Ministro hanno intrattenuto gli astanti (palazzetto stra pieno nonostante lunedì sera di stampo novembrino) con la serietà di chi è capace, sempre, di mettersi in gioco non dando mai nulla di scontato.
    Commovente il richiamo di Camisasca a “non rimanete mai da soli” ed altrettanto struggente il saluto finale di Giacomo su “quel giorno in ambulanza quando non ne volevo sapere di piangere e la levatrice stava quasi per cedere ma la mia nonna – la Maria grande – suggerì a mia mamma di prendermi in braccio”.
    Avrei voluto farlo in loco, ma il rientro a casa nel magentino e la grande ressa me lo hanno impedito.
    Lo faccio ora, tramite vs; con preghiera di estendere il ringraziamento a quanti nella Fondazione si adoperano affinchè questo popolo “pesto e deriso” sappia ritrovare la strada tanto cara ai nostri padri: offritequel che avete, il resto vi sarà dato in abbondanza

  7. Fulgencio scrive:

    Peccato perchè mi stava simpatico.

  8. riequilibrio scrive:

    mamma, sono contento di essere arrivato primo

  9. gipo scrive:

    ?????????????????

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana