Google+

Ghostbusters. Quando il remake non funziona

agosto 27, 2016 Simone Fortunato

A metà tra sequel e reboot, il film di Paul Feig rischia grosso spostando il registro dalla commedia avventuroso-fantastica anni Ottanta al demenziale al femminile

ghostbusters

Quattro strane tipe si mettono a catturare fantasmi.

Inutile far confronti con il film del 1984. Lo sanno tutti: spettatori in primis (inorriditi davanti ai primi trailer con protagoniste le quattro fuori di capoccia), produttori, sceneggiatori e regista, che però è uno bravo. Aveva diretto il bel Le amiche della sposa, commedia delirante e divertentissima con Kristen Wiig e Melissa McCarthy che tornano anche in questo film.

Un film che, come spesso è capitato negli ultimi anni con le operazioni nostalgia, è a metà tra il sequel e il reboot. Certo, si rischia grosso: si sposta il registro dalla commedia avventuroso-fantastica tipica degli anni Ottanta al demenziale al femminile. Il problema è che Le amiche della sposa con il suo politicamente scorretto e volgarotto funzionava, qui si naviga a vista per la scarsa verve delle quattro e per una sceneggiatura un po’ imbrigliata.

Funziona e parecchio soltanto il personaggio di Hemsworth nei panni di un segretario figo deficiente e ignorante come una capra.

Ghostbusters, di Paul Feig

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Ferruccio scrive:

    Paul Feig assassino.

    • Scola scrive:

      ah ah ah e’ come se mentre “la scuola cattolica” di Albinati vincesse lo Strega questi recensissero la sceneggiatura di “don matteo” …..tagliati completamente fuori da tutto.

      • Sarifuma Medò scrive:

        E’ facile indovinare che tutti i lettori non potranno non domandarsi, perché non vai a rimuovere qualche maceria?
        Chissà, potrebbe fare amicizia coi detriti che hai al posto del cervello…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana