Google+

Con il pretesto del diritto alla salute sessuale, proponete solo la “cultura della morte”

agosto 20, 2015 Redazione

Duro documento della Conferenza episcopale ghanese contro «i ricchi filantropi, Paesi donatori e organizzazioni internazionali» che vogliono «imporre il controllo demografico all’Africa»

Articolo tratto dall’Osservatore romano –  Si è concluso con una marcia per la vita nelle strade di Accra, alla quale hanno partecipato un migliaio tra fedeli, religiosi, sacerdoti e vescovi, il convegno «Promuovere i valori della vita e della famiglia di fronte all’attuale cultura della morte» organizzato dalla Conferenza episcopale ghanese. La Chiesa ― si legge nel comunicato conclusivo ― continuerà a resistere agli «insistenti e deleteri tentativi da parte di ricchi filantropi, Paesi donatori e organizzazioni internazionali di imporre il controllo demografico all’Africa con il pretesto del diritto alla salute sessuale e riproduttiva». Vita e famiglia: questa la risposta a chi propone una “cultura della morte”.

Sono stati due giorni di riflessioni e dibattiti ai quali è intervenuto anche il cardinale Peter Kodwo Appiah Turkson, presidente del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace, per ribadire la santità della vita dal concepimento alla morte naturale e i valori della famiglia e del matrimonio quale unione indissolubile tra un uomo e una donna, aperta alla vita. Valori oggi minacciati anche in Africa (come recita il titolo del convegno) dalla “cultura della morte”, a causa del propagarsi dell’aborto, dei metodi contraccettivi e dell’influenza dei nuovi modelli di matrimonio e famiglia in voga in altre nazioni che ― sottolinea la nota dei vescovi ― sono «in contrasto con il disegno di Dio e minano l’integrità della persona umana e dell’istituto familiare».

Sul pericolo dell’influenza negativa dei Paesi occidentali si è soffermato il discorso del presidente della Commissione episcopale per la salute, monsignor Joseph Kwaku Afrifah-Agyekum, vescovo di Koforidua, che ha sottolineato l’urgenza di reagire a queste tendenze: «I ghanesi e gli africani devono resistere alla tentazione di imitare altre nazioni, traendo lezione dalle conseguenze della deriva morale dell’Occidente. In Ghana e in Africa ― ha osservato ― abbiamo la missione di promuovere la vita nel mondo: non possiamo sottrarci o rigettare la Parola di Dio».

Altri interventi hanno approfondito diversi argomenti: dalla pianificazione familiare naturale alla sessualità responsabile, dall’imposizione della “rivoluzione sessuale” in Africa alle strategie per promuovere la cultura della vita nel continente.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

12 Commenti

  1. To_NI says:

    Credo che questo è un argomento che sollecita molto gli appetiti della cara xyzwk . Trattasi di hobby che rientra nelle sue corde e nel quale ha talento innegabile: conosce le tecniche meccaniche, ha i suoi eroi in bella mostra sulle pareti di casa (addirittura, mi ha confidato, un mega poster di una sua eroina con tanto di pompa di bicicletta) ha visitato gli stabilimenti Planned Parenthood ed è stato come andare a Disneyworld.

    Dai cara Xyzwk, vieni a raccontare che quella marcia, fatta fedeli, religiosi, sacerdoti e vescovi, con il relativo convegno, è un attentato alla democrazia, una imposizione di una “morale unica” di un fantomatico credere nella “diritto naturale” o i “principi calati dall’Alto”. Che la civiltà, quella vera, è invece la tua, che democraticamente stabilisce i “requisiti indispensabili” di cosa è un essere umano (ma senza andare per il sottile, in alternativa, ti va bene che a stabilirlo può essere una bella sentenza fatta da luminosi giudici ). Che a differenza del nazismo è “civile” in quanto nel sistema totalitario sono pochi che fissano i requisiti, in democrazia sono molti. Meglio di cosi cosa c’è?

    PS: Scusami se ho consumato con questo intervento tutta la tua vita interiore. Sono così incivile.

  2. AndreaB says:

    Beh, sì è proprio così… Qualcuno crede che invece di aiutare le persone meno abbienti sia meglio farle estinguere… Ma grazie al cielo, non credo che ci cascheranno, come noi qui in occidente.

  3. MARIA says:

    Io credo che i valori più importanti nella vita sono quelli di cui ci ha dato l’esempio la Madonna e nel mio piccolo ringrazio i miei genitori per avermi dato nome Maria, il nome più bello del mondo.

    • SUSANNA ROLLI says:

      E’ vero, nome stupendo! Mia figlia è Maria Caterina, in onor a Maria e S. Caterina da Siena!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download