Google+

Germania nel panico: perché la Russia di Putin non interferisce nelle nostre elezioni?

settembre 11, 2017 Redazione

Come si dice maccartismo in tedesco? I politici teutonici si sono convinti che hacker russi proveranno a manipolare il risultato delle elezioni del 24 settembre e siccome tutto dice il contrario, i sospetti aumentano

Election campaign posters of German Chancellor Angela Merkel, right, reading: "Clever, Cool-headed, Resolute  That Our Country Remains On The Course Of Success". and her challenger Martin Schulz of the Social Democrats, left, reading: " It Is Time To Solve Europe's Problems Instead Sitting On The Sidelines. "  are displayed in  a street in Berlin, Tuesday, Sept. 5, 2017. General election for a new parliament will take place in Germany on Sunday, Sept. 24, 2017. (AP Photo/Markus Schreiber)

Tra due settimane si terranno le elezioni federali in Germania e nei circoli intellettuali, così come lungo i corridoi delle stanze del potere, in tanti si domandano: perché la Russia non ha ancora cercato di interferire? È da un anno che il fantasma dell’hacker russo viene agitato da tutti gli schieramenti politici, convinti che Vladimir Putin abbia assoldato un esercito di manipolatori cibernetici per pilotare il voto a piacimento. E siccome non è ancora successo niente, il neo-maccartismo teutonico è andato in tilt.

IL FURTO DI DATI. Nel 2015 un attacco informatico ai computer del Parlamento tedesco ha permesso a ignoti di rubare 16 gigabyte di dati, tra cui milioni di e-mail. Il dito è stato puntato subito contro presunti hacker russi e anche se nessuno è mai stato in grado di dimostrare la veridicità delle accuse, i politici tedeschi si sono convinti che prima o poi qualche scandalo sarebbe stato portato alla luce prima delle elezioni usando quell’enorme mole di dati. Il fatto che per ora non sia accaduto nulla non fa che aggiungere nuovi inquietanti interrogativi.

«PERCHÉ MOSCA STA ASPETTANDO?». «Perché Mosca sta aspettando a fare le sue mosse? Non mi fa stare tranquillo», ha dichiarato al Washington Post Maksymilian Czuperski, direttore dell’Atlantic Council’s Digital Forensic Research Lab. La scorsa settimana alcuni addetti alla cybersicurezza in Germania hanno messo in guardia il governo da una possibile intromissione russa: potrebbero intervenire nel momento in cui ogni collegio elettorale, una volta raccolti i voti, invia i risultati all’amministrazione centrale via internet. Successivi controlli da parte dell’intelligence però non hanno riscontrato nessuna minaccia ma le voci non si sono spente.

NEANCHE UNA FAKE NEWS. Il Cremlino è accusato di avere facilitato in modo decisivo la vittoria di Donald Trump ai danni di Hillary Clinton negli Stati Uniti. Per il momento non è stata ancora prodotta nessuna prova decisiva del coinvolgimento del governo russo ma a Berlino temono che le stesse tattiche verranno usate nelle elezioni tedesche per favorire il partito di estrema destra (Afd). I sondaggi, inconsapevoli del pericolo, continuano ostinatamente a dire che il partito di Angela Merkel stravincerà le elezioni, surclassando sia Afd sia i socialdemocratici di Martin Schulz. Ma neanche questo ha sopito i sospetti.
«Non abbiamo trovato alcuna prova di cyberattacchi avvenuti o imminenti da parte della Russia», ha dichiarato Volker Wagner, a capo dell’Associazione tedesca per la sicurezza nell’industria e nel commercio, che collabora con gli 007 tedeschi. Anche l’ondata di temutissime “fake news” previste da tutti i giornali non si è vista. Perché, si sono chiesti tutti?

MACCARTISMO TEUTONICO. Qualcuno ha ipotizzato che la Germania sia più brava degli Stati Uniti a difendersi, altri hanno argomentato che siccome l’economia tedesca «è un vasto mercato per le aziende russe», il Cremlino non ha intenzione di «mordere la mano che gli dà da mangiare», altri ancora hanno affermato che il vantaggio della Merkel è così grande che gli hacker russi si sono scoraggiati, gli ultimi hanno infine sostenuto che nelle mail trafugate (e vale la pena ricordare ancora una volta che nessuno ha mai dimostrato che siano stati i russi), Mosca non ha trovato nulla di interessante perché i politici tedeschi sono integerrimi. A nessuno è venuto in mente che quella dell’intromissione degli hacker russi pagati dal Cremlino potrebbe essere la più grande delle fake news. Come si dice maccartismo in tedesco?

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana