Google+

Germania, la Merkel trionfa e va verso la grande coalizione. Ma con chi?

settembre 22, 2013 Redazione

Successo della cancelliera uscente con la sua Cdu. La disfatta dei liberali, che sarebbero fuori dal Parlamento e la sconfitta del partito anti euro (AfD)

Doveva vincere, ha stravinto. Angela Merkel esce trionfatrice delle elezioni politiche tedesche, e la notte servirà solo a capire le dimensioni di una vittoria storica e oltre le aspettative, che porta Frau Merkel  tra i politici più vincenti di sempre, raggiungendo il mito di Margaret Thatcher. I dati ancora incerti che separano gli exit-poll dai risultati definitivi sono infatti decisivi per capire se la Cancelliera – eletta per la terza volta consecutiva – avrà i numeri per un clamoroso monocolore Cdu o se dovrà, cosa che resta più probabile, mettere mano alla formazione del suo terzo governo di coalizione.

LE CIFRE. Il partito della Merkel supera il 42 per cento, risultato al di là dei sondaggi più favorevoli, che rappresenta il record dall’Unificazione e potrebbe permetterle di raggiungere la maggioranza assoluta con la Csu, il partito bavarese suo storico alleato. Per la sinistra è una disfatta epocale. Male la Spd, di sicuro sotto il 26 per cento. Con il risultato della Linke, che si attesta all’8 per cento, sfuma la possibilità di un governo rosso-rosso-verde che i più ottimisti nel campo progressista avevano ipotizzato. A completare la corsa all’ultimo voto che definirà qualità e portata del trionfo della Merkel mancano i Verdi (per ora all’8 per cento) e soprattutto Alternative für Deutschland, il partito contrario all’euro (ma non al mercato unico europeo) che conferma il trend di crescita delle ultime settimane e che le prime proiezioni danno al 4,9 per cento, cioè a un passo dal cinque per cento che gli permetterebbe lo storico ingresso in Aula.

LE POSSIBILI ALLEANZE. Due quindi le domande aperte. La prima: con chi governerà la Merkel? Resta l’ipotesi di un governo monocolore Cdu, che avrebbe però – se fosse confermata la maggioranza di 304 seggi su 606 che assegnano gli exit poll – numeri risicatissimi. Più probabile un’alleanza: o la Cancelliera tornerà al 2005, quando governò coi socialisti, oppure potrebbe mettersi con i Verdi, più deboli e dunque con meno forza contrattuale. Di certo, avvicinarsi alla Merkel non fa bene: la disfatta più clamorosa resta quella dei liberali (Fdp), suoi alleati uscenti che per la prima volta dal 1949, salvo sorprese nella notte, resteranno fuori dal Bundestag (sono dati al 4,5 per cento, quasi mezzo punto sotto AfD).

COSA CAMBIA PER L’ITALIA. La seconda domanda è: cosa cambia per l’Italia? Ovviamente bisogna aspettare la scelta della Merkel sull’alleato. Ma è difficile non vedere nel risultato di oggi un trionfo della linea economico-politica della cancelliera. Potrà la continuità di altri quattro anni di dominio assicurare una visione più morbida sui problemi che stringono i paesi dell’Europa del Sud (fiscal compact, Eurobond, “paletti” su debito e deficit)? La risposta potrebbe non venire solo da governo e Parlamento: i giudici della Corte di Karlsruhe infatti dovranno pronunciarsi nel giro di poche settimane sul ricorso contro la Banca centrale europea di Mario Draghi. Se la Corte dovesse bloccare – o condizionare fortemente – il programma voluto da Draghi per calmare la febbre da spread, il clima economico-finanziario virerebbe di colpo al brutto, a cominciare dal Mediterraneo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana