Google+

Gaza, colpita una scuola dell’Onu, 17 morti

luglio 24, 2014 Chiara Rizzo

Israele avrebbe colpito un edificio dell’agenzia Unrwa che ospitava 1500 sfollati, ma l’esercito è convinto che la causa siano stati razzi lanciati da Hamas

Un uomo palestinese trasporta un bimbo ferito nella scuola Unrwa in ospedale

L’artiglieria israeliana avrebbe colpito una scuola dell’Agenzia Onu per i profughi palestinesi, l’Unrwa, a Beit Hanum: sarebbero 17 le vittime e 200 i feriti, secondo fonti locali riconfermate anche dal Wall street Journal. Nell’edificio erano riparati circa 1.500 sfollati. Tra le vittime ci sarebbero almeno 7 bambini.

LA VERSIONE DI ISRAELE: «RAZZI HAMAS POSSIBILE CAUSA». L’Agenzia Ap riporta alle 17.37 ora italiana che l’esercito israeliano starebbe rivedendo i rapporti militari sull’attacco alla scuola dell’Unrwa: secondo l’esercito israeliano razzi lanciati da Hamas sono esplosi nell’area di Beit Hanum durante scontri di terra tra i militari israeliani e i jihadisti. Sempre secondo l’esercito israeliano potrebbero essere stati proprio quei razzi le cause delle morti

L’UNRWA: «ISRAELE SAPEVA CHE ERA UN RIFUGIO». Il direttore dell’Unrwa nella Striscia, Robert Turner, ha dichiarato che sicuramente l’Israeli defence forze (Idf, l’esercito israeliano) era a conoscenza del fatto che «l’edificio era un rifugio d’emergenza designato», e che prima dell’attacco non vi è stato alcun avviso «di operazioni militari riguardanti la scuola: Unrwa e Idf stavano cercando di concordare una finestra per consentire l’evacuazione della scuola». Qualche giorno fa era stata proprio l’Unrwa a denunciare il ritrovamento di razzi militari di Hamas all’interno di una propria scuola, usata quindi per i civili, e l’Agenzia aveva condannato duramente gli jihadisti di Gaza per questo.

HAMAS: «ISRAELE LA PAGHERA’». Hamas ha immediatamente rilasciato un comunicato «Il bombardamento contro la scuola dell’Unrwa è un crimine atroce» vi si legge, e poi la minaccia: «Israele dovrà pagarne il prezzo».

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download