Google+

Garzón condannato e Spagna sull’orlo di una crisi di nervi senza «calma, dignità e classe»

febbraio 10, 2012 Rodolfo Casadei

Il giudice spagnolo dovrà scontare 11 anni d’inibizione per aver ordinato intercettazioni illegali nell’ambito dell’indagine “trama Gürtel”. Indignate le reazioni del magistrato e dei suoi sostenitori: «Oggi è un giorno triste per la giustizia e per i democratici».

Le reazioni di Baltasar Garzón e dei suoi simpatizzanti alla sentenza del Tribunal Supremo, che ha condannato il giudice spagnolo a 11 anni d’inibizione per aver ordinato intercettazioni illegali nel contesto di un’indagine per corruzione nota come “trama Gürtel”, ricordano una famosa scena del film Frankenstein Junior. Quella in cui il chirurgo inferocito prende per il collo il corpo inerte della creatura che fino a quel momento non è riuscito a resuscitare: «Calma, dignità e classe!», commenta ironico il servitore Igor, ricordando le parole pronunciate poco prima dallo stesso luminare.

Il primo a commentare la sentenza con un aplomb non esattamente da servitore dello Stato è stato lo stesso magistrato, che decisamente non mostra di rispettare la sentenza (contro la quale inteporrà appello al Tribunale Costituzionale): «Respingo frontalmente la sentenza che oggi mi è stata notificata. In quanto non si conforma al diritto, mi condanna in modo ingiusto e predeterminato. Ora e per tutta la durata di questo procedimento, i miei diritti sono stati sistematicamente violentati, le richieste della mia difesa disattese, il giudizio orale una scusa (…) per potere, con esso, dare forma a una sentenza che era già annunciata da mesi». Da notare che il Tribunal Supremo è il massimo organo del potere giudiziario spagnolo, è composto di giudici nominati dal re su proposta del Consiglio generale del potere giudiziario (l’equivalente del Csm italiano), dove i membri eletti dagli stessi magistrati sono più numerosi di quelli nominati dal parlamento (dove è necessaria la maggioranza dei tre quinti) in ragione di 12 contro 8.

Per Cayo Lara, di Izquierda Unida (Iu): «Oggi è un giorno triste per la giustizia spagnola e per i democratici. Avremo difficoltà a spiegare ai nostri figli che i buoni furono condannati e i cattivi no». La sentenza rappresenta «un’ingiustizia mostruosa» secondo Gaspar Llamazares, altro leader di Iu. Per Francisco Jorquera di Bng, partito galiziano di sinistra, «è un linciaggio, una vendetta». Per Joan Coscubiela, dei Verdi catalani: «La giustizia spagnola soffre di un vero cancro». Più contenuti i socialisti (che qualche rogna con Garzon l’hanno avuta). «Risulta incomprensibile che il primo condannato del caso Gürtel sia il giudice. È una sentenza sproporzionata, che provocherà emozione nei cittadini», ha commentato Antonio Hernando, responsabile dei rapporti istituzionali del Psoe. Invece fra i Pubblici ministeri c’è chi non si controlla molto. «A cominciare da un tribunale che è nullo, da una sentenza che manca di fondamenti rigorosi e dalla culminazione di una vendetta istituzionale, questo è un giorno in cui sentirsi umiliati. Il Supremo è un tribunale inginocchiato di fronte alla corruzione rappresentata dal caso Gürtel: oggi è un giorno di vergogna per il sistema democratico, giudiziario e per il Tribunale Supremo», ha dichiarato a Radio Ser l’ex giudice anticorruzione Carlos Jiménez Villarejo.

Ma cosa ha fatto di così scandaloso il Tribunal Supremo? Ha sentenziato che non si possono intercettare i dialoghi fra accusati in stato di carcerazione preventiva e i loro avvocati, soprattutto non essendoci indizi di reato a carico dei secondi. «La ricerca della verità non giustifica l’impiego di qualunque mezzo. La giustizia ottenuta a qualunque prezzo finisce per non essere giustizia» si legge nella sentenza. E ancora: «Il controllo sulle comunicazioni fra i detenuti e i loro avvocati si può accordare solo nei casi di terrorismo e con l’autorizzazione giudiziaria. Nella giurisprudenza di questo collegio non appare un caso simile nel quale, senza alcun indizio contro gli avvocati, si sia proceduto». Ma la frase che ha fatto più imbestialire i simpatizzanti del giudice star è quella in cui si legge: «L’accusato ha ammesso pratiche tipiche di regimi totalitari nei quali si considera valido tutto pur di ottenere l’informazione che interessa».

Il Consiglio generale degli avvocati invece ha accolto la sentenza con sollievo: «In uno Stato di diritto non è accettabile che si vìoli un diritto fondamentale come è quello alla difesa. Il Consiglio degli avvocati, in quanto garante del diritto alla difesa, è soddisfatto. Personalmente non mi rallegro della condanna di un giudice, ma in uno Stato di diritto bisogna sapere che la legge è uguale per tutti », ha commentato il presidente degli avvocati Carlos Carnicer. Sobri i commenti nel Partito popolare (al quale appartengono i politici corrotti dello scandalo Gürtel), tranne che nel caso del presidente della Comunità autonoma di Madrid Esperanza Aguirre: «Credo che sia un giorno molto felice per la democrazia», ha detto. «I fini non possono giustificare i mezzi. La sentenza rappresenta un trionfo dello Stato di diritto».

Twitter: @rodolfocasadei

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.