Google+

Gangster Squad, pallottole e violenza su Los Angeles

febbraio 20, 2013 Paola D'Antuono

La Seconda guerra mondiale è ancora un evento ben presente nella mente di molti poliziotti di Los Angeles. È il 1949, la città cerca di rinascere ma droga, prostituzione e affari illeciti l’hanno trasformata in un covo di corruzione e malaffare. A guidare l’ondata di criminalità sulla città di angeli è Mickey Cohen, un ex […]

La Seconda guerra mondiale è ancora un evento ben presente nella mente di molti poliziotti di Los Angeles. È il 1949, la città cerca di rinascere ma droga, prostituzione e affari illeciti l’hanno trasformata in un covo di corruzione e malaffare. A guidare l’ondata di criminalità sulla città di angeli è Mickey Cohen, un ex pugile assetato di potere che ha eliminato i suoi avversari e corrotto la polizia così da compiere indisturbato i suoi affari. Ma il capo della polizia di Los Angeles, stanco dei soprusi di Cohen, decide di mettere in piedi una squadra speciale, guidata dal sergente John O’Mara, uomo leale, incorruttibile e dai modi poco ortodossi. O’Mara ha il compito di scegliere la squadra che con lui agirà nell’ombra per cercare di sconfiggere il gangster che ha in pugno la città.

BUONI E CATTIVI. Gangster Squad, in uscita il 21 febbraio, è un poliziesco incentrato sulla sempiterna lotta tra il bene e il male. Il cattivo Cohen, che ha le fattezze di Sean Penn, è un uomo che non ha alcuna pietà, a muoverlo è solo il “progresso”, che per lui fa rima con omicidi, prevaricazioni, morte di innocenti e corruzione. I soldi non gli bastano mai, le donne sono oggetti per il piacere usa e getta e i poliziotti sono gli uomini più facili da piegare alla sua volontà. La città di Los Angeles è diventata il suo specchio: cupa, notturna, con le luci dei locali che la illuminano di una luce superficiale, che le conferisce un aspetto quasi spettrale. Dentro la città si muovono i suoi avversari,  O’Mara (Josh Brolin), Jerry Wooters (Ryan Gosling) e la minuta banda che si oppone al crimine. La malavita si combatte con le sue stesse armi, pistole, sangue e violenza: questa sembra l’unica strada possibile da percorrere per liberare la città, che assiste inerme alle stragi che si consumano sulle sue strade.

PUPA E GANGSTER. Ruben Fleischer, dopo due film così così, ha finalmente l’occasione per confrontarsi con una mega produzione hollywoodiana. Il cast è imponente: oltre a Penn, Brolin e Gosling, ci sono Giovanni Ribisi, Robert Patrick, Nick Nolte e la bellissima Emma Stone, la pupa del gangster che cede al fascino del poliziotto Wooters. Con tutti questi talenti era difficile sbagliare, eppure la sensazione è che Gangster Squad sia un film riuscito solo a metà. L’ambientazione bellissima, la fotografia ispirata e i costumi dal fascino tipicamente anni Quaranta conferiscono alla pellicola un’aura da film classico, ma molte sono le pecche. Le relazioni umane tra i personaggi sono ridotte al minimo storico e a risentirne sono soprattutto i rapporti amorosi. La pupa Grace, divisa tra il desiderio di fare carriera con Cohen e l’amore per Jerry, ricorda la bellezza di Greta Garbo e Lauren Bacall, ma la sua aura da femme fatale si ferma all’involucro esteriore. Il suo amante Jerry è il personaggio forse più riuscito, grazie alla proverbiale faccia da angelo di Gosling che sa trasformarsi abilmente in un mascalzone. Non aiutano nemmeno alcune scelte registiche, come i ralenty ripetuti che avvicinano il film più a opere come Sin City che a cult come Gli intoccabili. Tuttavia la pellicola scorre serena per quasi due ore condita qui e là da qualche trovata originale inserita nei dialoghi, come un blockbuster dell’epoca moderna impone. Con una storia (vera) di questa caratura e con un cast da un milione di dollari ci si poteva aspettare un risultato degno di Nemico Pubblico di Michael Mann. Ma quella è un’altra storia.

Vale il prezzo del biglietto? Si, nel solo nome dell’evasione
Chi lo amerà? Gli estimatori dello schema pupa più gangster più pistole
A chi non piacerà? Agli esigenti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana