Google+

Così la furia centralista di Renzi seppellisce spending review e federalismo fiscale

novembre 11, 2015 Redazione

Ecco perché in pochi giorni hanno gettato la spugna due uomini chiave per le casse pubbliche. Le dimissioni di Roberto Perotti e Luca Antonini

roberto-perotti-ansa

Ieri, martedì 9 novembre, tutti i giornali hanno rilanciato con sconcerto la notizia delle dimissioni di Roberto Perotti da consigliere di Palazzo Chigi. Si tratta del quarto “mister spending review” che getta la spugna da quando Berlusconi ha ceduto il posto alla serie dei cosiddetti governi dell’austerity: prima di lui infatti si sono arresi Piero Giarda nel 2012, Enrico Bondi nel 2013, Carlo Cottarelli nel 2014.

PRIORITÀ DIVERSE. Come ha scritto Federico Fubini per il Corriere della Sera, Perotti (foto in alto) aveva ricevuto da Renzi l’incarico di trovare, insieme al vero e proprio commissario per la spending review Yoram Gutgeld, «dieci miliardi di tagli per il 2016, poi continuare negli anni successivi». Ma a suo (di Perotti) avviso, «il varo della legge di Stabilità e i segnali dati anche in seguito dal governo indicano che la riduzione della spesa pubblica non è una priorità». Nella finanziaria infatti «gli interventi previsti valgono ufficialmente appena 5,8 miliardi (o meno, secondo molti analisti privati), e per metà sembrano di efficacia discutibile perché basati sulla compressione temporanea di alcune spese ministeriali».

LE DIVERGENZE. Comprensibile che le soluzioni individuate da Perotti per la revisione della spesa non andassero a genio a Renzi, visto che il bocconiano, spiega sempre il Corriere, proponeva principalmente «la sfoltitura degli sgravi fiscali a categorie particolari», che però «avrebbe comportato un aumento della pressione fiscale e avrebbe colpito anche associazioni della società civile». Più che la necessità del rigore poté il bisogno di consensi? Fatto sta che adesso, per chi sogna ancora di vedere un giorno ridotta la spesa pubblica italiana, non resta che sperare in Gutgeld, il deputato democratico che «continuerà a lavorare sulla spesa sanitaria e sugli acquisti dell’amministrazione».

ALTRE DIMISSIONI. Se tagli saranno, dunque, sembrano confermare le ricostruzioni giornalistiche, saranno sempre tagli alla sanità. Che non è una buona notizia per nessuno, tanto meno per le Regioni virtuose come Lombardia e Veneto, che già la settimana scorsa sono uscite molto deluse dal faccia a faccia concesso da Renzi ai governatori regionali proprio per chiarire il problema dei tagli alla sanità. A peggiorare la situazione, se possibile, c’è anche un’altra notizia arrivata alla fine della settimana scorsa che però i grandi giornali hanno scelto di ignorare o di pubblicare dopo la pagina 40: il professor Luca Antonini (foto sotto, con Zaia) ha rimesso nelle mani del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan il mandato di presidente del Copaff, la commissione paritetica Stato-Regioni per l’attuazione del federalismo fiscale.

«LAVORO COMPROMESSO». Antonini, nominato al Copaff nel 2009 dal governo Berlusconi, da mesi ripete che la famosa “austerity” degli ultimi governi è fatta sulla pelle degli enti locali, preferendo l’approccio “ignorante” dei tagli lineari (che non distinguono le amministrazioni virtuose da quelle irresponsabili) all’applicazione del principio dei costi standard (che invece permetterebbe di risparmiare miliardi responsabilizzando i governi locali), mentre lo Stato centrale può continuare a spendere senza controllo. Il lavoro scientifico accumulato nelle quasi duecento riunioni del Copaff, spiega Antonini nella lettera inviata a Padoan, «risulta gravemente compromesso dagli sviluppi legislativi degli ultimi periodi».

luca-antonini-zaia-ansa

«NOI MAI COINVOLTI». È gravissimo, continua Antonini, che «ancora nel nostro ordinamento non siano stati aggiornati i Lea sulla sanità (risalenti al 2001) nonostante il finanziamento del fondo sanitario sia oggetto di pesanti ridimensionamenti». Ed è inaccettabile anche che «continuino tagli di tipo lineare anche in relazione a comparti in cui sono in gioco diritti sociali». A causa di queste scelte politiche di segno opposto al federalismo e alla razionalizzazione della spesa, secondo l’ormai ex presidente del Copaff, il sistema della finanza locale resta ancora «gravemente incompiuto». E mentre Roma in questi anni si rimangiava tutti i passi compiuti verso il decentramento, la commissione guidata da Antonini «non è stata mai sostanzialmente coinvolta in questa evoluzione dell’ordinamento».

«TAGLI NON SOSTENIBILI». Sabato, dopo le dimissioni, il professore ha detto al Corriere del Veneto che il “suo” Copaff è «un organo di altissime professionalità esautorato da apparati che agiscono con pressapochismo e sciatteria». E che il governo di Roma «si trincera dietro la logica stantia degli sprechi regionali e comunali e abusa di questa retorica per imporre tagli lineari oltre i livelli di sostenibilità, danneggiando così le realtà virtuose. Pensano che la ricentralizzazione sia la ricetta per i mali del sistema, sfasciando anche l’autonomia di chi sa farla funzionare». Renzi ha seppellito definitivamente federalismo fiscale e costi standard per rimettere tutto (letteralmente tutto) nelle mani dello Stato. E la chiamano rottamazione.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. beppe says:

    renzi sta preparando il suo VENTENNIO: aumento di tasse e spesa. resta da capire chi saranno i LIMONI da spremere. se le imprese continuano a chiudere, i cinesi e in genere gli extracomunitari imprenditori possono fare quel che vogliono, resteranno solo i coglioni italiani a farsi succhiare il sangue…

  2. recarlos79 says:

    parlate tanto di costi standard voi di tempi. allora appoggiate il disegno di legge morassut-ranucci. mano regioni, tutte uguali e con nomi ispirati al territorio. si può presentare una buona legge anche se sei dell’altro partito.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 CV in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.