Google+

Fuggiti dai gulag nordcoreani: «Là le mosche valgono più degli uomini»

dicembre 12, 2011 Leone Grotti

I racconti davanti alla Camera dei rappresentanti degli Usa di chi ha subito la tortura dei gulag nordcoreani, è stato rilasciato ed è fuggito dalla Corea del nord: «Vi prego, bisogna porre fine a una società del genere e ricostruirne una dove le persone possano vivere come esseri umani»

«A Bukchang la vita delle mosche ha più valore di quella degli uomini».

«A Bukchang la vita delle mosche ha più valore di quella degli uomini». Spiega così Kim Hye Sook, scappata dalla Corea del nord nel 2009 verso la Corea del sud, a un’audizione davanti alla commissione statunitense degli Affari esteri della Camera dei rappresentanti, riunitasi il 20 settembre per ascoltare le storie di chi è riuscito a sfuggire ai campi di concentramento nordcoreani, i gulag come quello di Bukchang appunto. Kim è stata internata a 13 anni insieme alla sua famiglia, perché il nonno era scappato in Corea del sud. Inviata a lavorare nelle miniere di carbone, «soffrivo perennemente la fame. Il mio unico desiderio era mangiare una ciotola di riso bianco».

Sono tanti quelli che nei campi muoiono di fame o che si beccano una pallottola perché «non ascoltano le autorità o perché non si mostrano abbastanza pentiti» per i presunti crimini che hanno commesso, continua Kim. «Ho visto i corpi degli uomini e delle donne, uccisi dalle squadracce, arrotolati nella paglia e portati via su dei carretti. E mi dicevo: “Neanche i cani muoiono in questo modo”». Kim è stata rilasciata dopo 28 anni, all’età di 41 anni. Nei campi di concentramento ha perso la madre, il padre, il fratello e la nonna. Oggi la Corea del nord, continua Kim, «è un paese dove si può disporre della vita dei prigionieri politici più facilmente che di quella degli animali». «Vi prego» ha concluso, «bisogna porre fine a una società del genere e ricostruirne una dove le persone possano vivere come esseri umani».

Kim Young Soon è stata portata a Yoduk, nel campo numero 15, nel 1970. È stata arrestata con altri sette membri della famiglia perché sapeva che una sua ex compagna di scuola, l’attrice Sung Hae Rim, era stata presa in segreto per diventare la compagna dell’allora futuro (e ora attuale) dittatore Kim Jong Il. Kim non sapeva che parlare di questo argomento fosse un crimine. Nel suo campo la sveglia era alle 3.30 del mattino e doveva lavorare fino a quando non calava il sole. Se gli obiettivi del lavoro non venivano raggiunti dal suo gruppo, tutti venivano puniti. Dei suoi parenti, ne è rimasto solo uno, gli altri, compresi due suoi figli, sono stati uccisi. «Ho vissuto piangendo lacrime di sangue. Vi prego, salvate i 23 milioni di persone che in Corea del nord vivono una vita misera, uguale a quella che ho vissuto io».

Il popolo nordcoreano è l’unico a non godere di nessun diritto iscritto nella Dichiarazione universale dei diritti umani, documento adottato dall’Onu nel 1948, quando, ironia della sorte, il primo dittatore nordcoreano Kim Il Sung saliva al potere. Il direttore della Commissione sui diritti umani in Corea del nord, che ha organizzato l’udienza, ha dichiarato a conclusione dell’incontro: «Speriamo che la testimonianza dei sopravvissuti aiuti a focalizzare l’attenzione della comunità internazionale sui soprusi in Corea del nord, perché si prendano le misure necessarie affinché la libertà di chi soffre continuamente e vive in condizioni davvero terrificanti sia garantita».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana