Google+

Free contro Google. In Francia si combatte una guerra di bit sulle trincee della banda larga

aprile 5, 2013 Matteo Rigamonti

Oltralpe l’Internet provider Free sfida Google per il pagamento e l’utilizzo della banda passante necessaria per vedere video sul web.

Oltralpe si combatte una guerra di bit sulle trincee della banda larga. Google e Free, il secondo fornitore di servizi Internet francese dopo il colosso di Mountain View, infatti, si contendono il pagamento delle porzioni di segnale su cui viaggiano i filmati di Youtbe, il più noto sito web al mondo per la condivisione di contenuti video, che nel 2006 è stato acquistato proprio da Google.

PREPOTENZA GOOGLE. In Francia è da un po’ di tempo che gli utenti di Free – i “freenauti” come li chiamano in patria – lamentano il fatto che utilizzare Youtube nelle ore di punta, quando il traffico dati su Internet è maggiore, è praticamente impossibile. E si chiedevano come mai. La risposta è arrivata da un’intervista concessa da Xavier Niel, il fondatore di Free, alla rivista di settore 01Net Magazine, dove dice: «Youtube e Google credono di avere un tale potere di attrazione da potersi permettere di non pagare per l’eccessivo traffico che generano. Ma questa non è la regola nel mondo di Internet… e noi non abbiamo voluto lasciar correre».
Secondo Niel, che è anche proprietario di Free Mobile (l’operatore di telefonia mobile low cost che quest’anno ha superato i 5 milioni di utenti destabilizzando gli equilibri del settore), nonché co-proprietario di Le Monde, «se non facciamo qualcosa già oggi, i nostri abbonamenti saliranno da 5 ad almeno 15 euro al mese, soltanto per pagare il surplus di banda passante utilizzata da Google». E ha aggiunto: «Meglio una flessione nel traffico dati oggi che un aumento dei prezzi domani. Io, ogni giorno, spero che si possa trovare una soluzione. Intanto, si riduce la possibilità di accedere alle persone, ma almeno si frena la scalata: lo spazio riservato agli accessi di Google ha una certa taglia e non si può ingrandire».

CAMPANILISMI. Nell’attesa che lo scontro volga verso equa composizione (la Direzione nazionale che vigila sulla libera concorrenza, i consumi e le frodi fiscali se ne sta già occupando da tempo), Niel ha proposto una pratica e semplice soluzione agli utenti di Free in cerca di video; una soluzione che, oltretutto, premia l’amor di patria: usare Dailymotion, l’alter ego francese dello statunitense Youtube.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download