Google+

FRATELLO EMBRIONE, SORELLA VERITÀ

maggio 12, 2005 Tempi

REGOLA DI INGAGGIO CONTRO LA LINGUA DEGLI SPOT: DIRE PANE AL PANE

Emma Bonino ci invita a usare un linguaggio più rispettoso delle sofferenze altrui. Ma regolamentare il linguaggio in modo da impedirgli di trovare le parole giuste per dire le cose come stanno è un’operazione linguistica che fu adoperata già una volta a Berlino, l’1 settembre 1939, quando per decreto legge di Adolf Hitler (e con l’entusiastico consenso della maggioranza dei cittadini, della categoria dei medici e della comunità degli scienziati tedeschi), il ministero della Sanità fu «autorizzato a concedere la morte per grazia ai malati considerati incurabili secondo l’umano giudizio, previa valutazione critica del loro stato di malattia».
Iniziativa così efficacemente compassionevole, osservò Hannah Arendt, che «il decreto entrò immediatamente in vigore per ciò che riguarda i malati mentali, e così tra il dicembre del 1939 e l’agosto del 1941 circa cinquantamila tedeschi furono uccisi con monossido di carbonio in istituti dove le camere per la morte erano camuffate in stanze per doccia – esattamente come lo sarebbero state più tardi ad Auschwitz. Nessuna delle regolamentazioni del linguaggio studiate in seguito per ingannare e camuffare ebbe sulle menti degli esecutori l’effetto potente di quel decreto hitleriano, dove la parola ‘assassinio’ era sostituita dalla perifrasi ‘concedere una morte pietosa’. Eichmann, quando il giudice istruttore gli chiese se l’istruzione di evitare ‘inutili brutalità’ non fosse un po’ ridicola visto che gli interessati erano comunque destinati a morte certa, non capì la domanda, tanto radicata nella sua mente era l’idea che peccato mortale non fosse uccidere, ma causare inutili sofferenze».
Ci risiamo, volete che il peccato mortale sia ‘uccidere, criocongelare, selezionare’, quando uccidere, criocongelare, selezionare sostiene la fede nel desiderio, il dogma della scienza pura e disinteressata, la religione del lenimento delle ‘inutili sofferenze’?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download