Google+

Francia. «Voleva decapitarmi, gridava Allahu Akbar. Perché non è terrorismo?»

luglio 21, 2017 Redazione

Yves è un agricoltore scampato di poco a un attentato in Francia. L’aggressore era sotto osservazione come potenziale terrorista, ma il caso è stato declassato come reato comune

francia-yves-terrorismo

È ormai passato un mese, ma Yves è ancora scosso. Il 18 giugno si trovava come ogni giorno nei suoi campi con un altro agricoltore nel dipartimento di Lot-et-Garonne, nel sud della Francia, quando è stato aggredito da un musulmano armato di coltello che gridava «Allahu Akbar!».

“FICHÉ S”. Ieri la Corte criminale di Agen ha cominciato ad occuparsi del caso, ma prima dell’inizio della prima udienza l’agricoltore si è lamentato, non riuscendo a capire perché il processo non sia stato preso in carico dalla procura anti-terrorismo. Il terrorista infatti era uno dei tanti “fiché S”, le persone cioè schedate dalle autorità come estremamente pericolose per la sicurezza nazionale.

«VOLEVA DECAPITARMI». Yves è riuscito a reagire all’attacco e ha rimediato solo una ferita alla spalla ma poteva andare molto peggio: «Quel pazzo voleva tagliarmi la testa. È arrivato gridando “Allahu Akbar”. Potevo morire», esprime il suo disappunto a Bfmtv. «Se non è un attentato terroristico questo, non so che cosa sia. Io non sono un politico, non sono un poliziotto. Diciamo sempre che i “fiché S” non possono essere arrestati prima di compiere un attentato. Va bene, ma io ho rischiato di essere decapitato a 500 metri da casa mia. E ora lo si considera un criminale comune. Se fosse successo a Parigi, le cose sarebbero andate diversamente».

MANCANO LE PROVE? Secondo il difensore dell’aggressore, dalle perquisizioni in casa «del mio assistito non è stato rinvenuto nessun elemento che possa far pensare a un suo legame con una cellula terroristica. È giusto dunque che sia processato solo per violenza armata, un reato di diritto comune».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.