Google+

Francia, nozze gay. Ventimila sindaci al Consiglio costituzionale: «Non obbligateci a renderci responsabili di quelle unioni»

ottobre 7, 2013 Redazione

Domani inizia l’esame di costituzionalità per la legge sul matrimonio omosessuale. Ecco la petizione dei sindaci che chiedono il diritto all’obiezione di coscienza

Domani, 8 ottobre, sarà letta dal Consiglio costituzionale la petizione firmata da ventimila sindaci e vicesindaci francesi perché venga riconosciuto il loro diritto di obiezione di coscienza ai matrimoni gay. L’audizione è segreta ma il quotidiano francese Le Figaro è entrato in possesso della richiesta formale dei sottoscrittori della petizione, portata avanti dal Collettivo dei sindaci per l’infanzia. I funzionari francesi chiedono di potersi rifiutare di officiare le nozze fra omosessuali senza incorrere in pesanti sanzioni.

VENTIMILA FIRME. La petizione, firmata da ventimila sindaci e vice sindaci, non chiede l’abolizione della legge sui matrimoni gay ma soltanto che sia applicato quanto dichiarato dal presidente François Hollande al Congresso dell’Associazione dei Sindaci di Francia, 20 novembre 2012 quando disse, la legge Taubira si sarebbe applicata «assicurando però la libertà di coscienza». «L’obiezione di coscienza riguarda seri problemi etici», scrivono i sottoscrittori della petizione, «e quando una persona è costretta a compiere un atto che va contro la propria coscienza», deve avere la possibilità di astenersi.

L’OBIEZIONE DI COSCIENZA. I ventimila ricorrenti chiedono al Consiglio costituzionale di estendere ai i sindaci e ai loro sostituiti il diritto all’obiezione di coscienza, che la legge già garantisce ai membri di altre professioni. «Un medico ha sempre la possibilità di non occuparsi dei casi che la propria coscienza condanna», sostengono. Anche un avvocato. E un giudice può chiedere di essere sostituito «quando ritiene in coscienza di doversi astenere» in un certo processo. Sarebbe «assurdo», spiegano i firmatari, che i sindaci, eletti a suffragio universale, «non godano almeno delle stesse garanzie di libertà di coscienza che hanno medici, avvocati e magistrati».

IL PROBLEMA DELLE ADOZIONI. Il governo non può obbligare un sindaco a celebrare il matrimonio di una coppia gay, spiegano i sindaci che non vogliono applicare la legge Taubira: «Non vi è alcun diritto della coppia di essere sposata da un eletto piuttosto che da un altro», spiegano a chi vuole obbligare il sindaco obiettore a celebrare le nozze. Il sindaco, per ora, non può sottrarsi ad officiare di persona le nozze, secondo il governo. I sottoscrittori della petizione chiedono che il Consiglio costituzionale «prenda atto, per realismo, della complessità sociale e del rispetto dovuto alla coscienza». «Nessuno può essere criticato per non voler essere responsabile di un’unione che crea diritti in adozione i diritti all’adozione» per le coppie gay.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Jack scrive:

    Vedremo. Intanto povero quello stato, e quel popolo, che promuove la cultura della sterilità.

  2. Jack scrive:

    Vedremo. Intanto povero quello stato, e quel popolo, che promuovono la cultura della sterilità.

  3. Orazio Pecci scrive:

    «La legge è legge e va rispettata».
    Quindi Sophie Scholl violava la legge e i nazisti hanno fatto bene ad ammazzarla, Vaclav Havel e i firmatari di Charta 77 violavano la legge e i comunisti hanno fatto bene a metterli in galera (emale a non metterli al muro). Chen Guangcheng violava la legge e invece di esiliarlo in America i capitocomunisti cinesi l’avrebbero dovuto far marcire in un laogai.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana