Google+

Francia, nozze gay. Ventimila sindaci al Consiglio costituzionale: «Non obbligateci a renderci responsabili di quelle unioni»

ottobre 7, 2013 Redazione

Domani inizia l’esame di costituzionalità per la legge sul matrimonio omosessuale. Ecco la petizione dei sindaci che chiedono il diritto all’obiezione di coscienza

Domani, 8 ottobre, sarà letta dal Consiglio costituzionale la petizione firmata da ventimila sindaci e vicesindaci francesi perché venga riconosciuto il loro diritto di obiezione di coscienza ai matrimoni gay. L’audizione è segreta ma il quotidiano francese Le Figaro è entrato in possesso della richiesta formale dei sottoscrittori della petizione, portata avanti dal Collettivo dei sindaci per l’infanzia. I funzionari francesi chiedono di potersi rifiutare di officiare le nozze fra omosessuali senza incorrere in pesanti sanzioni.

VENTIMILA FIRME. La petizione, firmata da ventimila sindaci e vice sindaci, non chiede l’abolizione della legge sui matrimoni gay ma soltanto che sia applicato quanto dichiarato dal presidente François Hollande al Congresso dell’Associazione dei Sindaci di Francia, 20 novembre 2012 quando disse, la legge Taubira si sarebbe applicata «assicurando però la libertà di coscienza». «L’obiezione di coscienza riguarda seri problemi etici», scrivono i sottoscrittori della petizione, «e quando una persona è costretta a compiere un atto che va contro la propria coscienza», deve avere la possibilità di astenersi.

L’OBIEZIONE DI COSCIENZA. I ventimila ricorrenti chiedono al Consiglio costituzionale di estendere ai i sindaci e ai loro sostituiti il diritto all’obiezione di coscienza, che la legge già garantisce ai membri di altre professioni. «Un medico ha sempre la possibilità di non occuparsi dei casi che la propria coscienza condanna», sostengono. Anche un avvocato. E un giudice può chiedere di essere sostituito «quando ritiene in coscienza di doversi astenere» in un certo processo. Sarebbe «assurdo», spiegano i firmatari, che i sindaci, eletti a suffragio universale, «non godano almeno delle stesse garanzie di libertà di coscienza che hanno medici, avvocati e magistrati».

IL PROBLEMA DELLE ADOZIONI. Il governo non può obbligare un sindaco a celebrare il matrimonio di una coppia gay, spiegano i sindaci che non vogliono applicare la legge Taubira: «Non vi è alcun diritto della coppia di essere sposata da un eletto piuttosto che da un altro», spiegano a chi vuole obbligare il sindaco obiettore a celebrare le nozze. Il sindaco, per ora, non può sottrarsi ad officiare di persona le nozze, secondo il governo. I sottoscrittori della petizione chiedono che il Consiglio costituzionale «prenda atto, per realismo, della complessità sociale e del rispetto dovuto alla coscienza». «Nessuno può essere criticato per non voler essere responsabile di un’unione che crea diritti in adozione i diritti all’adozione» per le coppie gay.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Jack scrive:

    Vedremo. Intanto povero quello stato, e quel popolo, che promuove la cultura della sterilità.

  2. Jack scrive:

    Vedremo. Intanto povero quello stato, e quel popolo, che promuovono la cultura della sterilità.

  3. Orazio Pecci scrive:

    «La legge è legge e va rispettata».
    Quindi Sophie Scholl violava la legge e i nazisti hanno fatto bene ad ammazzarla, Vaclav Havel e i firmatari di Charta 77 violavano la legge e i comunisti hanno fatto bene a metterli in galera (emale a non metterli al muro). Chen Guangcheng violava la legge e invece di esiliarlo in America i capitocomunisti cinesi l’avrebbero dovuto far marcire in un laogai.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana