Google+

Francia. Mimò l’aborto di Gesù in chiesa: Femen condannata

febbraio 17, 2017 Redazione

L’avvocato della chiesa della Madeleine profanata: «La condanna è il giusto riconoscimento del fatto che dentro una chiesa non si può fare tutto ciò che si vuole»

Eloise Bouton, ex membro delle Femen, ora uscita dal gruppo “sexstremista”, è stata condannata in appello, dopo la condanna in primo grado, a un mese di carcere con la condizionale e un’ammenda di 2.000 euro per un’esibizione sessuale all’interno della chiesa parigina della Madeleine.

ABORTO DI GESÙ. Il 20 dicembre 2013, insieme ad altre Femen, Bouton era entrata a seno nudo nella chiesa e aveva mimato davanti all’altare l’aborto di Gesù bambino usando pezzi di fegato di vitello. Sulla sua schiena compariva la scritta «Natale è cancellato» (Noel est annulé), mentre sopra e sotto il seno «344esima puttana» (344e salope), un riferimento al manifesto firmato da 343 donne nel 1971 per chiedere la legalizzazione dell’aborto.

IL MUSEO. L’ex Femen voleva così denunciare la politica retrograda della Chiesa cattolica in materia di interruzione di gravidanza. L’avvocato della donna, riporta il Figaro, ha gridato allo scandalo e al «ritorno del reato di blasfemia in Francia» perché nella decisione dei giudici «ha pesato il carattere cultuale del luogo dove è stato commessa la presunta infrazione».
Il legale Tewfik Bouzenoune si lamenta perché le Femen che nel 2014 sono intervenute a seno nudo nel museo delle cere Grévin per rovinare la statua di Vladimir Putin al grido di «uccidiamo Putin il dittatore» non sono state condannate. Da qui i «due pesi e due misure».

«GIUSTA CONDANNA». L’avvocato della chiesa della Madeleine ha invece dichiarato: «La condanna è il giusto riconoscimento del fatto che dentro una chiesa non si può fare tutto ciò che si vuole». Per eliminare i due pesi e le due misure lamentate dalla sextremista, infatti, non bisogna assolverla per ciò che ha fatto nella chiesa ma condannarla anche per i danni provocati al museo.

SCANDALO DI NOTRE-DAME. Non è la prima volta che le Femen vanno a processo per la profanazione di una chiesa. Nel 2015 la Corte d’appello di Parigi ha ad esempio confermato la somma ingiustizia già sancita in primo grado, assolvendo le Femen che nel 2013 hanno fatto irruzione nella cattedrale Notre-Dame, si sono spogliate a seno nudo, urlando slogan contro il Papa e rovinando la preziosa campana “Marcel” esposta in occasione degli 850 anni di Notre-Dame colpendola ripetutamente con dei bastoni. La polizia ha trovato poi scalfiture di oltre un centimetro sulla campana che è ricoperta d’oro.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.