Google+

Franchini (autotrasportatori Cna): «Chi è in piazza con i Forconi non è lì nell’interesse della categoria»

dicembre 12, 2013 Matteo Rigamonti

Intervista a Cinzia Franchini, presidente della Fita, minacciata per non aver condiviso la rivolta, sposata invece da Trasporto Unito. «Loro hanno aderito perché rischiano di essere espulsi dalla rappresentanza»

L’autotrasporto in Italia è in crisi. E non ha certo bisogno che piccoli gruppi si mettano di traverso, come è successo sul Brennero e in tante altre città d’Italia, chiudendo di fatto la porta in faccia a ogni possibilità di dialogo con le istituzioni. Al contrario, è quanto mai urgente che il governo possa ascoltare le richieste della categoria e intervenire al più presto per risolvere i problemi. A parlarne a tempi.it è Cinzia Franchini, presidente della Fita, l’associazione di rappresentanza degli autotrasportatori della Cna, che due giorni fa ha ricevuto minacce per non aver aderito alla protesta e per essersi opposta alle “ragioni” dei Forconi e di Trasporto Unito.

Franchini, perché non è d’accordo con chi protesta?
Perché chi protesta – che, ricordiamolo, è soltanto Trasporto Unito, mentre tutte le altre associazioni di autotrasportatori (come ha spiegato a tempi.it anche Pasquale Russo di Conftrasporto, ndr) hanno revocato il fermo inizialmente previsto per il 9 dicembre – non sta facendo l’interesse vero della categoria.

Come mai?
Sull’elenco generale dei problemi dell’autotrasporto potremmo anche trovarci d’accordo, ma se non ti vuoi sedere al tavolo della trattativa con il governo, poi non cambierai mai nulla.

Voi cos’avete cambiato, invece, decidendo di sedervi al tavolo?
Abbiamo ottenuto uno stanziamento di 330 milioni di euro e scongiurato il taglio della percentuale rimborsabile sulle accise del carburante, che, se fosse passato con la legge di stabilità, si sarebbe sicuramente rivelato insostenibile per un comparto già in grande difficoltà come è quello dei trasporti. Poi abbiamo ottenuto una norma che cambia radicalmente le funzioni dell’Albo degli autotrasportatori e maggiori e diversi controlli sul cabotaggio e il distacco transnazionale. Molti problemi rimangono, ma occorre responsabilmente affrontarli attraverso il confronto serrato con il governo.

Chi sono quelli di Trasporto Unito?
Trasporto Unito è un sindacato che raggruppa alcuni imprenditori e autisti, inoltre sono l’espressione di diversi piccoli movimenti di autotrasportatori siciliani. Sostengono a parole di non essere interessati ai soldi, ma alle regole; e sono preoccupati perché l’emendamento alla legge di stabilità che prevede modifiche sulle modalità di iscrizione all’Albo degli autotrasportatori rischia di espellerli dalla rappresentanza. Uno dei criteri, infatti, che dovrebbe essere necessario per accedere all’Albo è la rappresentanza in seno al Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel). Se questa modifica dovesse passare, loro non rientrerebbero più nel rango delle associazioni di categoria.

Di cosa ha bisogno, invece, la categoria?
Di diversi interventi che ormai non è più possibile rimandare. Ora che il Nuovo Centrodestra si è staccato dal Pdl e il Pd ha fatto le sue primarie, la politica e questo governo non hanno più alibi: la situazione è drammatica, i problemi vanno affrontati, e se non cambierà nulla, per noi non ci sarà futuro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Giancarlo says:

    La Cna e le altre associazioni si sono solo preoccupate di aggiungere burocrazia per poter guadagnare con i loro CAF, vedi i casi dell’IMU,Pensioni,Gasolio,ecc… si deve sempre passare da loro. Così oltre a pagare l’elefantiaco apparato statale dobbiamo anche pagare questo sovrastato burocratico.

    Per far ripartire il paese abbiamo bisogno di associazioni di categoria che difendano realmente gli interessi dei loro rappresentati, e che si battano per ridurre al minimo la burocrazia.

    Per completezza dell’informazione sarebbe giusto sentire anche la campana di Trasporto Unito

  2. marzio says:

    Care amiche ed amici, ognuno è liberissimo di essere contrario al movimento di protesta del 9 Dicembre,che avrà sicuramente mille difetti, contraddizioni ed incoerenze.Mi sembra però doveroso dare una scossa ,un segnale , fare un tentativo per creare un’alternativa a questo stato di cose.In caso contrario resta solo il fatto di chiudersi nel proprio orticello, calarsi le brache ed illudersi che con la “austerità espansiva”, le “riforme strutturali ” (termine molto fine per dire smantellamento dello Stato sociale ) prima o poi (secondo me mai, anzi) ci sia la luce in fondo al tunnel, la crescita e tutte le altre bugie che la troika ci vuole fare bere.Ed è inutile continuare a sperare che i vari pd, pdl,sc,lega, sel,o i vari Giannino ,ecc abbiano l’intenzione o la possibilità di realizzare dei cambiamenti migliorativi, sono forze politiche o politici di fatto funzionali alla troika, in buona fede o meno.Se il movimento dei forconi non è la risposta giusta, trovatene un’altra, ma mi sembra assurda l’inerzia o la pia illusione che mantenendo questo stato di cose ci sia in futuro un miglioramento, per noi comuni cittadini Italiani ed europei in questo caso ci sarà solo un triste ed oscuro tramonto.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download