Google+

I francesi che partono per il jihad «si radicalizzano anche in moschea e per l’IS non valgono niente»

novembre 21, 2014 Redazione

Per l’esperto di islam e terrorismo Samuel Laurent, «nell’ultimo video i francesi si mostrano a viso scoperto. Altri sono mascherati ma loro sono là per morire»

francia-iraq-jihad-Maxime-Hauchard«I jihadisti che partono dalla Francia non rappresentano il vero problema. Sono solo la punta dell’iceberg». È da quando lo Stato islamico ha diffuso un filmato con l’esecuzione di 18 prigionieri siriani e dell’ostaggio americano Peter Kassig che Parigi è tornata a interrogarsi sul problema dei francesi che partono per combattere il jihad in Iraq e Siria. Tra i terroristi che uccidono i siriani, infatti, si vede almeno un francese, Maxime Hauchard.

«SALAFITI IN FRANCIA». Per il consulente internazionale, esperto di islam e terrorismo, Samuel Laurent, «non si tratta di una novità. Se i jihadisti partono non è solo a causa dei video dell’Isil o perché si radicalizzano da soli su internet. Il problema è molto più complesso». L’esperto, intervistato da LaDepeche.fr, afferma che «da oltre dieci anni abbiamo lasciato che si sviluppasse [in Francia] una comunità salafita radicale. (…) Questa comunità si è sviluppata, è estremamente solida e ben organizzata oggi». E non fa adepti solo su internet ma anche in moschea.

RECLUTAMENTO IN MOSCHEA. «Ho l’impressione – continua Laurent – che si vogliano scindere due cose: in moschea si impara l’islam moderato e su internet quello radicale. Ma questo è falso. Oggi anche le moschee sono responsabili e in ognuna si può trovare qualche storia. Infatti non c’è bisogno che ci sia un imam salafita perché venga frequentata da salafiti. E anche se sono odiati dai fedeli moderati, continuano a prosperare. Il reclutamento non è quindi virtuale. Viene fatto nelle nostre città, nei nostri paesi».

«VALORE INSIGNIFICANTE». Secondo il ministero degli Interni, sono ben 1.132 i francesi partiti per ingrossare le fila dello Stato islamico. Alcuni di questi hanno appena realizzato un video per spingere i musulmani francesi a condurre attentati nella République. Il paradosso di chi parte, dichiara Laurent, è che si illudono di contare qualcosa ma in realtà vengono usati come carne da macello: «Questi giovani non sono che subalterni. Quelli dell’ultimo video si mostrano a viso scoperto. Non hanno alcun valore per lo Stato islamico, al contrario del capo dei boia, altrimenti anche loro sarebbero mascherati nei video. Loro sono là per morire e il loro valore è insignificante».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Raider says:

    Sembra che non siano un problema, invece, gli islamici moderati, che accettano tutto questo, non protestano, non marciano, non dissentono, se ne fregano.
    Anzi, no, non sono nemmeno loro il problema: il problema sono quelli che si accorgono che il problema c’è: e si rendono conto che, continuando di questo passo, fra immigrazione, denatalità dei “vecchi europei” che nulla i governanti fanno per arrestare – come, invece, ha fatto Putin in Russia -, politicamente corretto, ci ritroveremo nei nostri stessi Paesi come minoranza senza identità.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download