Google+

Francesco Wu: Te Deum laudamus per la gratuità di fratel Arcangelo

gennaio 2, 2015 Francesco Wu

È stato il mio professore di matematica e fisica, nonché di religione. Mi ha insegnato a pormi molte domande su cosa significa essere cristiano e su cosa è davvero importante nella vita

francesco-wu-foto-leonora-giovanazziCome da tradizione, anche nel 2014 l’ultimo numero del settimanale Tempi è interamente dedicato ai “Te Deum”, i ringraziamenti per l’anno appena trascorso firmati da diverse personalità del panorama sociale, culturale e civile italiano e non solo. Nella rivista che resterà in edicola per due settimane a partire dal 31 dicembre, troverete, tra gli altri, i contributi di Angelo Scola, Asia Bibi, Louis Raphaël I Sako, Fausto Bertinotti, Luigi Amicone, Renato Farina, Mattia Feltri, Fred Perri, Aldo Trento, Pippo Corigliano, Annalisa Teggi, Alessandra Kustermann, Mario Tuti.

Pubblichiamo qui il “Te Deum” di Francesco Wu, originario di Wenzhou, Cina, cresciuto in Italia. Proprietario di un ristorante a Legnano, siede nel direttivo della Confindustria Alto Milanese e ha fondato l’Unione imprenditori Italia Cina. Abbiamo raccontato la sua storia nel numero 47 di Tempi.

te-deum-2014-tempi-copertina-asia-bibiRingraziare è essere consapevoli che il bene che c’è nella nostra vita non ce lo siamo meritati, quindi serve riconosce che c’è del bene e che non ce lo siamo dati da soli e questo non è per niente automatico. Ripensando alla mia vita non posso non riconoscere di essere stato voluto bene, diversamente sarebbe non essere sinceri con se stessi.

Ti ringrazio mio Signore per avermi creato, fatto venire in Italia e fatto incontrare persone autentiche che mi hanno permesso di conoscerti.

Il legame con l’Italia per me significa innanzitutto essere legati a dei volti di amici piuttosto che alla sua geografia per quanto bella, al cibo per quanto buono, alla storia per quanto significativa. È un legame affettivo. Sono amici che in tutti questi anni mi hanno fatto conoscere le montagne con panorami mozzafiato, amici con cui ho condiviso il gusto del mangiare, amici con cui ho scoperto assieme la storia italiana.

Essere approdato in Italia è stata sicuramente una fortuna per me, e qui ho sperimento la gratuità nei miei confronti. Mi ricordo che una volta chiesi alla giovanissima animatrice che ci portava in piscina quanto venisse pagata per stare con noi bambini e scoprii che prestava il servizio gratuitamente; la cosa mi sorprese e mi rimase impressa nella mente. Questo avveniva durante una delle attività del doposcuola di quartiere svolto dall’associazione “L’aquilone”, presieduta da fratel Arcangelo, un fratello delle scuole lasalliane. I volontari erano quasi tutti alunni dell’istituto Gonzaga a cui lui aveva dato la possibilità di fare qualcosa di bello. Infatti tra i tanti amici vorrei ricordare questo fratello. Professore di matematica e fisica, nonché di religione, era per me la gratuità fatta persona, una gratuità cristiana, che prima di tutto mi ha costretto a pormi molte domande su cosa significasse essere cristiano e su cosa fosse importante nella vita.

Arcangelo, che è stato mio professore per due anni, divenne anche direttore dell’istituto dove insegnava, fondò successivamente una onlus che ancora oggi sostiene a distanza migliaia di bambini di Haiti, Mozambico e Paraguay.

Attualmente, dopo una parentesi in Sicilia per ordine dei suoi superiori e nonostante i tanti acciacchi, è direttore dello studentato Villa San Giuseppe di Torino, dove vado spesso a trovarlo quando il tempo lo permette, e anche qui scopro che nonostante i conti della struttura non siano così rosei, ci sono tanti ragazzi che possono studiare grazie a lui che li ospita gratuitamente. Tra loro c’è un giovane di origine armena che è scappato dalla guerra, e una ragazzo musulmano dell’Uganda, anch’egli con una storia incredibile alle spalle.

È anche grazie a fratel Arcangelo, che è anche mio padrino di battesimo, se oggi sono cattolico. Certo è stato per me il primo vero testimone di Cristo e per fortuna non ultimo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana