Google+

FOTOGALLERY/Sanità, quelli che si rimboccano il camice

febbraio 4, 2011 Benedetta Frigerio

Diario di una settimana in corsia, tra gli infermieri e gli specializzandi del Sacco di Milano e del san Gerardo di Monza. Un sorprendente ritratto di una diversità che contraddice il cliché della “generazione annichilita”

Pubblichiamo la prima parte dell’articolo “La sana gioventù” uscito sul numero 5 di Tempi, dal 3 febbraio in edicola, insieme alla fotogallery esclusiva.

«In Italia mancheranno 20 mila medici». È l’allarme lanciato in prima pagina dal Corriere della Sera il 22 gennaio scorso. Secondo la Federazione nazionale dei medici, dagli attuali 300 mila professionisti si passerà a 250 mila nel 2015 e a 200 mila nel 2030. I problemi sarebbero «turni massacranti» e «stipendi rimasti al palo».

Per tamponare l’emorragia il Corriere sostiene che il Piano sanitario, che dovrà essere approvato dal Parlamento, punti «su correttivi economici». Ma sono davvero questi i problemi che scoraggiano le nuove leve? Tempi ha passato una settimana in diversi reparti di due grandi strutture ospedaliere, il Sacco di Milano e il San Gerardo di Monza, fra giovani infermieri e medici specializzandi.

«Spasmo coronarico con natura da identificare. Ma è sotto controllo, venite», dice Ivana, infermiera di 40 anni, in pronto soccorso da dodici. La seguono Lucia, 22 anni, infermiera neolaureata, Andrea, 24 anni, infermiere da due, e Chiara, 26 anni, nell’ospedale milanese da tre. I ragazzi guardano Ivana, che spiega: «È la seconda volta per questo paziente: ha una storia lunga che io conosco». Nella stanza a fianco un panettiere sta su una barella: «Non è da urgenza, ma a volte, se la diagnosi non è certa, per cautela mandano qui anche chi non è acuto», spiega Chiara.

Per questo i giovani sono affiancati a infermieri con esperienza, a cui «basta un’occhiata al volto per capire subito il livello dell’urgenza», dice Andrea. I turni sono di otto ore, che si aggiungono alle dieci passate in reparto la notte cinque volte al mese. Ivana ammette che «la responsabilità è grave: devi fare diagnosi in fretta. Perciò, oltre che fisicamente, è dura anche psicologicamente, ma anche se non ci riempiono d’oro non cambierei il mio lavoro con altri: cosa c’è di più appagante della soddisfazione di alleviare, anche solo un minimo, la sofferenza di un altro?».

Leggi tutto l’articolo in formato digitale sul numero 5 di Tempi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi