Google+

Francia. Tribunale condanna la statua della Madonna nel parco: «Viola la laicità, toglietela»

febbraio 6, 2015

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

16 Commenti

  1. Orazio Pecci scrive:

    «siamo in un periodo simile a quello del tardo impero romano, quando una élite sofisticata, secolare e con uno stile di vita sessualmente libero, pensava che il suo mondo fosse eterno. Il suo vuoto spirituale era la sua condanna».

  2. Sara scrive:

    evisentemente nessuno li ha in formati(a quelli ke comandano) ke nella guerra tribale in Africa tra gli Hutu e i Tutsi,in un villaggio non saprei di ke etnia,la statua della Madonna è stata distrutta come non voluta…..quel villaggio è stato raso al suolo…..

  3. pasquale scrive:

    E’ una cosa molto brutta. Cosa succederà? Da ora in avanti

  4. Saint-Juste scrive:

    Allora, la statua era in un parco comunale ? si. Quindi va tolta in base alla legge, fine della storia. Se non era in un parco pubblico ci poteva anche stare. Smettetela di gridare alla persecuzione modernista-laicista e altra balle sti sto genere.Santi, madonne e croci ve li tenete a casa vostra punto. Oooooo e che c’zzzz

    • Q.B. scrive:

      E invece i segni della Cattolicità sono in bella vista sulla pubblica piazza e in ogni angolo delle città da secoli. Beccate questa sa’gnustì e rosica.

      • Q.B. scrive:

        … e la Cattolicità è così radicata nella storia che persino il nome del tuo supereroe evoca quello di un santo. Beccate pure questa e continua a rosicà che noi ce stiamo a scompiscià.

    • marco scrive:

      Ringrazio Saint-Juste (nom de plume azzeccato!) per la degnazione con la quale concede che: “Se non era in un parco pubblico ci poteva anche stare”: troppo buono.
      Qui a Modena, all’interno del Duomo si trova la “Madonna della piazza”. E’ all’interno del Duomo e non in Piazza Grande, dove era stata per 400 anni, perché nel 1798, in piena occupazione francese, era stata da lì rimossa dato che agli occupanti non andava a genio che i modenesi ci si fermassero davanti a pregare.
      Il lupo (francese) perde il pelo (la grandeur) ma non il vizio.

    • gladio scrive:

      Arriverà il giorno in cui, dopo le Madonne e le croci, leveranno anche i portaborracce di Satana come te, stai pur sicuro…ma non saranno i cristiani a farlo…

  5. Angelo scrive:

    bei democratici del c…. sti laicisti francesi. Se il sindaco, eletto dal popolo, cel’ha messa lì deve stare. a maggior ragione se il terreno è della parrocchia.
    Se proprio devono rompere i m… che vadano a scuola dall’isis che come tornano li infilziamo come tordi.

  6. EquesFidus scrive:

    Indemoniati: non c’è altro termine per descriverli, dato che anzitutto Satana odia e teme la Madonna e desidera che scompaia dalle menti e dai cuori degli uomini, perché ci mostra cosa può diventare una creatura e cosa vuol dire farsi servi ed amanti del Creatore.

  7. Marco scrive:

    Ma perché non ci restituiscono tutti i capolavori a tematica cristiana che ci hanno rubato e che conservano nei loro musei … laici! che pena!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Yamaha Tracer 700, si candida per il ruolo di protagonista nel segmento crossover di media cilindrata. Finiture e qualità sono degne del marchio che porta. Agile e leggera offre una guida molto divertente richiedendo poco impegno e non si tira indietro se si tratta di viaggiare. Le manca solo un monoammortizzatore più completo.

Disponibile in oltre 60 città italiane e 300 europee permette di gestire tutte le operazioni relative alla sosta, pagamento compreso.

Una rassegna espositiva racconta gli straordinari artigiani che nel ‘900 fecero della bicicletta un'opera d’arte, i grandi giornalisti che contribuirono alla nascita del giornalismo sportivo, i personaggi che lanciarono le due ruote e gli eroi del pedale che ne immortalarono il mito.

Il restyling della cinque porte bavarese porta in dote un aggiornamento della connettività e dei servizi d’infotainment sulla falsariga di quanto introdotto dalla nuova Serie 3. Gamma motori da 150 a 326 cv e consumi ridotti del 14% rispetto al passato.

Il prezzo d’attacco è prossimo a 10.000 euro, ma non per questo sono una scelta povera. Ecco una guida alle utilitarie più economiche, performanti e meglio accessoriate.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana