Google+

Francia. Tribunale condanna la statua della Madonna nel parco: «Viola la laicità, toglietela»

febbraio 6, 2015

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

16 Commenti

  1. Orazio Pecci scrive:

    «siamo in un periodo simile a quello del tardo impero romano, quando una élite sofisticata, secolare e con uno stile di vita sessualmente libero, pensava che il suo mondo fosse eterno. Il suo vuoto spirituale era la sua condanna».

  2. Sara scrive:

    evisentemente nessuno li ha in formati(a quelli ke comandano) ke nella guerra tribale in Africa tra gli Hutu e i Tutsi,in un villaggio non saprei di ke etnia,la statua della Madonna è stata distrutta come non voluta…..quel villaggio è stato raso al suolo…..

  3. pasquale scrive:

    E’ una cosa molto brutta. Cosa succederà? Da ora in avanti

  4. Saint-Juste scrive:

    Allora, la statua era in un parco comunale ? si. Quindi va tolta in base alla legge, fine della storia. Se non era in un parco pubblico ci poteva anche stare. Smettetela di gridare alla persecuzione modernista-laicista e altra balle sti sto genere.Santi, madonne e croci ve li tenete a casa vostra punto. Oooooo e che c’zzzz

    • Q.B. scrive:

      E invece i segni della Cattolicità sono in bella vista sulla pubblica piazza e in ogni angolo delle città da secoli. Beccate questa sa’gnustì e rosica.

      • Q.B. scrive:

        … e la Cattolicità è così radicata nella storia che persino il nome del tuo supereroe evoca quello di un santo. Beccate pure questa e continua a rosicà che noi ce stiamo a scompiscià.

    • marco scrive:

      Ringrazio Saint-Juste (nom de plume azzeccato!) per la degnazione con la quale concede che: “Se non era in un parco pubblico ci poteva anche stare”: troppo buono.
      Qui a Modena, all’interno del Duomo si trova la “Madonna della piazza”. E’ all’interno del Duomo e non in Piazza Grande, dove era stata per 400 anni, perché nel 1798, in piena occupazione francese, era stata da lì rimossa dato che agli occupanti non andava a genio che i modenesi ci si fermassero davanti a pregare.
      Il lupo (francese) perde il pelo (la grandeur) ma non il vizio.

    • gladio scrive:

      Arriverà il giorno in cui, dopo le Madonne e le croci, leveranno anche i portaborracce di Satana come te, stai pur sicuro…ma non saranno i cristiani a farlo…

  5. Angelo scrive:

    bei democratici del c…. sti laicisti francesi. Se il sindaco, eletto dal popolo, cel’ha messa lì deve stare. a maggior ragione se il terreno è della parrocchia.
    Se proprio devono rompere i m… che vadano a scuola dall’isis che come tornano li infilziamo come tordi.

  6. EquesFidus scrive:

    Indemoniati: non c’è altro termine per descriverli, dato che anzitutto Satana odia e teme la Madonna e desidera che scompaia dalle menti e dai cuori degli uomini, perché ci mostra cosa può diventare una creatura e cosa vuol dire farsi servi ed amanti del Creatore.

  7. Marco scrive:

    Ma perché non ci restituiscono tutti i capolavori a tematica cristiana che ci hanno rubato e che conservano nei loro musei … laici! che pena!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Due e quattro ruote ma non solo: ecco qualche spunto per il fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

Saranno la punta di diamante della collezione Mtb e, grazie alla tecnologia XFrame, promettono di eliminare qualsiasi punto di pressione. Arriveranno in autunno, al prezzo di 369,99 euro.

Dopo il successo della berlina Model 3 arriveranno, già nel 2017, un SUV e un pick-up a batteria, oltre ai camion a zero emissioni. La ricarica solare favorirà l’autonomia. Intanto, però, la Casa americana ha fallito i primi obiettivi produttivi.

Il restyling della crossover nipponica porta in dote finiture più curate che in passato, una dotazione di serie completa, un motore 1.4 turbo benzina dall’erogazione corposa e un’abitabilità da riferimento. Il prezzo è la ciliegina sulla torta.

Dopo i costruttori tedeschi e americani, ora anche Nissan dedica un sistema di guida semiautonoma a una vettura di serie. Entro quattro anni debutterà la prima auto nipponica senza conducente.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana