Google+

Forze speciali britanniche combattono in Siria a fianco dei ribelli contro l’Isis

giugno 6, 2016 Leone Grotti

È la prima volta che viene portata una prova del coinvolgimento di truppe occidentali in Siria. Sostengono il gruppo finanziato e armato dagli americani (Nsa) nel villaggio di Al-Tanf

Forze speciali dell’esercito britannico combattono in Siria a fianco dell’ultimo gruppo dei ribelli finanziato dagli americani contro lo Stato islamico (gli altri sono già stati sbaragliati). È quanto sostiene un’esclusiva del Times, che ha ricevuto conferma da alcuni comandanti militari ribelli. È la prima volta che viene portata una prova del coinvolgimento di truppe occidentali in Siria.

«CI AIUTANO». Mahmoud al-Saleh, primo tenente del gruppo ribelle New Syrian Army (Nsa, addestrato e finanziato dalla Cia), ha detto che forze speciali britanniche di stanza in Giordania sconfinano spesso in Siria per aiutarli a difendere il villaggio di Al-Tanf dalle offensive dello Stato islamico. «Ci aiutano con la logistica, ad esempio con la costruzione di difese per rendere i bunker sicuri», ha dichiarato.

GUERRA CONTRO L’ISIS. Il villaggio si trova nel sud-est della Siria, in una posizione strategica vicino al confine iracheno e giordano. I ribelli l’hanno strappato all’Isis e ora i jihadisti stanno disperatamente cercando di riconquistarlo. «Ci attaccano in continuazione», continua il tenente. «Alle 3 del mattino, alle 5, alle 4 del pomeriggio, alle 11 di sera. Se si guarda agli orari degli assalti è chiaro che non vogliono darci respiro. Usano missili, mortai e attentati suicidi».

«NON CI FIDIAMO DELL’AMERICA». Secondo il Times, un attentato suicida a maggio ha distrutto il quartier generale dei ribelli nella città e le forze britanniche hanno aiutato nella ricostruzione. Dopo l’attentato, secondo una ricostruzione del Washington Post, l’Nsa aveva criticato gli americani di «averci abbandonato. Non fanno quello che dovrebbero, non rispettano la vita dei nostri uomini. Ora non abbiamo più fiducia nell’America». Forse il coinvolgimento delle truppe speciali britanniche è stato autorizzato per ricostruire questa fiducia.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Filippo81 says:

    A me personalmente la storia dei “ribelli” non mi ha mai convinto,perche anche se contrari all’ isis (di rado comunque) sono sempre legati al fondamentalismo islamico.Il fatto di non aver fiducia nei confronti dei soldati di obama è l’unica cosa che posso condividere.con loro.

  2. Ferruccio says:

    Non riuscirò mai a capire come sia possibile che al mondo ci siano essere umani così tonti.

    • Filippo81 says:

      Guardati allo specchio e vedrai un rappresentante per antonomasia della categoria di persone che hai citato.

      • Ferruccio says:

        Filippo ti sei ‘mbriacato? Quale sarebbe la cosa che ti fa credere questo di me?

        • Filippo81 says:

          Allora spiegate mejo co chi ce l’avevi Ferruccio,se ho frainteso chiedo pubblicamente scusa.

          • Ferruccio says:

            Non ti preoccupare Filippo, ora ho capito il tuo fraintendimento dovuto al fatto che non avevo approfondito. Prima non mi riferivo a te, ma ai tanti jihadisti che vanno a combattere fidandosi dei pesci grossi che governo il mondo come GB, USA, Arabia ect ect. Come fanno a non capire che moriranno? Gli USA sono pronti a sacrificare i propri marines, quale scrupolo avranno nel sacrificare gruppi come Al Nusra, Fre syrian Army ect ect? Per mè è assurdo che questa marmaglia per cui non provo nessuna pietà possa essere così tonta.

  3. Menelik says:

    Gli Inglesi hanno inviato gli SAS perché hanno il dente avvelenato contro l’isis.
    Praticamente lo odiano a morte.
    E teoricamente pure.
    Loro hanno avuto un certo numero di persone decapitate dal boia che era anche lui inglese, aveva sfruttato la sicurezza sociale con i sussidi di disoccupazione, benefici vari, università pagata a spese dei contribuenti, servizi sanitari sbafati senza mai aver pagato una pound di tasse.
    Tutti benefici che hanno negato a me, Italiano, nel 1985 e hanno concesso a quell’essere di Emwazi.
    Sapete che vi dico?
    Hanno fatto bene a inviare gli SAS, quelli non sono mica buonisti, è gente molto addestrata e dal grilletto facile.
    Spero che gli SAS riescano a farne fuori il maggior numero possibile, che diventino il terrore dei terroristi, il loro peggior incubo.
    Quella guerra va combattuta solo da chi ha il dente avvelenato, cioè ha tanti conti in sospeso.
    I Curdi in primis, poi Yazidi, Cristiani, e gli Inglesi.
    L’importante è volere fermamente l’annientamento del nemico senza compromessi di alcun tipo.
    Gli Americani hanno fatto ridere mezzo mondo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi