Google+

Forze speciali britanniche combattono in Siria a fianco dei ribelli contro l’Isis

giugno 6, 2016 Leone Grotti

È la prima volta che viene portata una prova del coinvolgimento di truppe occidentali in Siria. Sostengono il gruppo finanziato e armato dagli americani (Nsa) nel villaggio di Al-Tanf

Forze speciali dell’esercito britannico combattono in Siria a fianco dell’ultimo gruppo dei ribelli finanziato dagli americani contro lo Stato islamico (gli altri sono già stati sbaragliati). È quanto sostiene un’esclusiva del Times, che ha ricevuto conferma da alcuni comandanti militari ribelli. È la prima volta che viene portata una prova del coinvolgimento di truppe occidentali in Siria.

«CI AIUTANO». Mahmoud al-Saleh, primo tenente del gruppo ribelle New Syrian Army (Nsa, addestrato e finanziato dalla Cia), ha detto che forze speciali britanniche di stanza in Giordania sconfinano spesso in Siria per aiutarli a difendere il villaggio di Al-Tanf dalle offensive dello Stato islamico. «Ci aiutano con la logistica, ad esempio con la costruzione di difese per rendere i bunker sicuri», ha dichiarato.

GUERRA CONTRO L’ISIS. Il villaggio si trova nel sud-est della Siria, in una posizione strategica vicino al confine iracheno e giordano. I ribelli l’hanno strappato all’Isis e ora i jihadisti stanno disperatamente cercando di riconquistarlo. «Ci attaccano in continuazione», continua il tenente. «Alle 3 del mattino, alle 5, alle 4 del pomeriggio, alle 11 di sera. Se si guarda agli orari degli assalti è chiaro che non vogliono darci respiro. Usano missili, mortai e attentati suicidi».

«NON CI FIDIAMO DELL’AMERICA». Secondo il Times, un attentato suicida a maggio ha distrutto il quartier generale dei ribelli nella città e le forze britanniche hanno aiutato nella ricostruzione. Dopo l’attentato, secondo una ricostruzione del Washington Post, l’Nsa aveva criticato gli americani di «averci abbandonato. Non fanno quello che dovrebbero, non rispettano la vita dei nostri uomini. Ora non abbiamo più fiducia nell’America». Forse il coinvolgimento delle truppe speciali britanniche è stato autorizzato per ricostruire questa fiducia.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    A me personalmente la storia dei “ribelli” non mi ha mai convinto,perche anche se contrari all’ isis (di rado comunque) sono sempre legati al fondamentalismo islamico.Il fatto di non aver fiducia nei confronti dei soldati di obama è l’unica cosa che posso condividere.con loro.

  2. Ferruccio scrive:

    Non riuscirò mai a capire come sia possibile che al mondo ci siano essere umani così tonti.

    • Filippo81 scrive:

      Guardati allo specchio e vedrai un rappresentante per antonomasia della categoria di persone che hai citato.

      • Ferruccio scrive:

        Filippo ti sei ‘mbriacato? Quale sarebbe la cosa che ti fa credere questo di me?

        • Filippo81 scrive:

          Allora spiegate mejo co chi ce l’avevi Ferruccio,se ho frainteso chiedo pubblicamente scusa.

          • Ferruccio scrive:

            Non ti preoccupare Filippo, ora ho capito il tuo fraintendimento dovuto al fatto che non avevo approfondito. Prima non mi riferivo a te, ma ai tanti jihadisti che vanno a combattere fidandosi dei pesci grossi che governo il mondo come GB, USA, Arabia ect ect. Come fanno a non capire che moriranno? Gli USA sono pronti a sacrificare i propri marines, quale scrupolo avranno nel sacrificare gruppi come Al Nusra, Fre syrian Army ect ect? Per mè è assurdo che questa marmaglia per cui non provo nessuna pietà possa essere così tonta.

  3. Menelik scrive:

    Gli Inglesi hanno inviato gli SAS perché hanno il dente avvelenato contro l’isis.
    Praticamente lo odiano a morte.
    E teoricamente pure.
    Loro hanno avuto un certo numero di persone decapitate dal boia che era anche lui inglese, aveva sfruttato la sicurezza sociale con i sussidi di disoccupazione, benefici vari, università pagata a spese dei contribuenti, servizi sanitari sbafati senza mai aver pagato una pound di tasse.
    Tutti benefici che hanno negato a me, Italiano, nel 1985 e hanno concesso a quell’essere di Emwazi.
    Sapete che vi dico?
    Hanno fatto bene a inviare gli SAS, quelli non sono mica buonisti, è gente molto addestrata e dal grilletto facile.
    Spero che gli SAS riescano a farne fuori il maggior numero possibile, che diventino il terrore dei terroristi, il loro peggior incubo.
    Quella guerra va combattuta solo da chi ha il dente avvelenato, cioè ha tanti conti in sospeso.
    I Curdi in primis, poi Yazidi, Cristiani, e gli Inglesi.
    L’importante è volere fermamente l’annientamento del nemico senza compromessi di alcun tipo.
    Gli Americani hanno fatto ridere mezzo mondo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana