Google+

Formigoni: La macroregione non è un progetto secessionista

settembre 10, 2012 Redazione

Il presidente lombardo rilancia l’idea di macroregione «sul modello del Friuli Venezia Giulia». Non è un’idea secessionista e non è contro la Lega Nord.

Prosegue il dibattito sull’idea di macroregione. Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato un articolo di Oscar Giannino. Di seguito pubblichiamo un’agenzia Agi che riporta le dichiarazioni del presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni. 

(AGI) – Verona, 10 set. – L’autonomia del Friuli Venezia Giulia sarà il modello a cui il Pdl, basandosi sull’articolo 116 della Costituzione, si rifarà per il suo progetto di una “macroregione” del Nord. A rivelarlo il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, durante la conferenza stampa che il Popolo delle Libertà ha tenuto a Verona dopo la riunione degli esponenti di Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Emilia Romagna e Liguria.

MODELLO FVG. «Il nostro progetto è realizzabile immediatamente, a Costituzione invariata e non è un progetto secessionista», ha tenuto a precisare Formigoni. «Lo statuto del Friuli Venezia Giulia è uno statuto dal volto umano: la Regione ha poteri speciali che non sono caricati di privilegi», ha poi aggiunto Formigoni, spiegando che è proprio per questo che «per la nostra macroregione penso a quel modello». La proposta, ha illustrato più nel dettaglio, sarà portata avanti a livello istituzionale e anche per questo «non ci rivolgiamo alle altre regioni a statuto speciale» (escluso ovviamente il Fvg, rappresentato oggi dal governatore Renzo Tondo, ndr), mentre «ci rivolgiamo a Emilia Romagna e Liguria», che sono amministrate dal centro-sinistra. L’idea a cui sta lavorando il Pdl sarà ora al centro di due appuntamenti: «sabato prossimo ne parlerò con Luca Zaia e Roberto Cota alla festa della Lega a Brescia», ha continuato Formigoni, «mentre a fine mese avremo un incontro a porte chiuse con tutti i presidenti delle Regioni del Nord». «Federalismo e costi standard – ha concluso – sono stati completamente dimenticati dall’attuale governo. Il federalismo è invece il motore per il futuro, non per l’arretratezza».

NO ALLA SECESSIONE. Formigoni ha poi aggiunto come, nell’incontro di oggi, gli esponenti del Pdl presenti abbiano «condiviso fino in fondo l’idea di progettazione di una macroregione del Nord» che, a Costituzione invariata, «evidenzi l’esistenza in Europa di una regione, il Nord-Italia, che non ha nulla da invidiare alle altre regioni economiche, produttive, all’avanguardia, innovative e ricche d’Europa». «La nostra – ha spiegato – è una richiesta della possibilità di avere più autonomia, perché più autonomia per questa zona forte del Paese significa più sprint per tutto il Paese». «Non è un’ipotesi secessionista – ha tenuto a sottolineare è un’ipotesi di modernizzazione e riavvio. I nostri cittadini, le nostre famiglie, le nostre imprese, meritano un di più di autonomia. È evidente che questa è una proposta istituzionale, che proporrò ad altri governatori e agli altri partiti, in primis i nostri alleati della Lega». La proposta del Pdl, infatti, «non è contro il Carroccio», ma è piuttosto «l’idea di studiare assieme un progetto istituzionale», che può essere «a Costituzione vigente o più spinto, cambiando qualche articolo della Costituzione», per creare «un coordinamento che dia speranza di sviluppo ai nostri cittadini».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei says:

    e va bene facciamola. però formiga non permetta alla lega di mettere in costituzione anche la lingua del nord, il passaporto del nord e la razza del nord.

  2. Luca says:

    Dopo le buffonate, i diti medi, i lingotti d’oro, diamanti, le lauree comprate e addirittura le bandiere “padane” al Gp di Monza, anche la macroregione?

    Non sanno più che inventarsi questi quattro falliti.

  3. VALLY says:

    A me sembra una grande pensata. Nella desolazione che quotidianamente ci viene offerta dai media avere una visione sul futuro che si vorrebbe per il bene non solo del nord ma di tutta la nostra amata Italia non è da poco. E’ da persone intelligenti e responsabili altro che falliti.
    Forza Formigoni, Cota, Zaia, Tondo e Giannino. Non demordete. Quando la realtà si a dura, uniti si diventa più incidenti. Buon lavoro.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.