Google+

Filonenko spiega il titolo del Meeting. «Il nostro Dio è il Dio delle sorprese»

agosto 26, 2014 Leone Grotti

Il fisico nucleare, teologo ortodosso e filosofo ucraino Aleksandr Filonenko ha spiegato il titolo della XXXV edizione del Meeting partendo da don Giussani e il metropolita Antonio

filonenko-meeting.periferie

Rimini. «È la prima volta che un non cattolico presenta un titolo del Meeting». Lo ha fatto notare subito la presidentessa Emilia Guarnieri, introducendo il fisico nucleare per formazione, il teologo ortodosso per passione e il filosofo ucraino per professione Aleksandr Filonenko, incaricato di spiegare il titolo della XXXV edizione della manifestazione riminese: “Verso le periferie del mondo e dell’esistenza. Il destino non ha lasciato solo l’uomo”.

GIUSSANI, ANTONIO E MAIDAN. Nato nello stesso ospedale di Gorbaciov, cresciuto come un ragazzo sovietico modello seguendo tutte le fasi dell’educazione comunista e convertito in età adulta, il docente di Filosofia all’università nazionale di Char’kov  ha spiegato davanti a un auditorium gremito un titolo che riprende uno dei temi più caratteristici del pontificato di papa Francesco con ampi riferimenti a don Luigi Giussani, il metropolita Antonio di Surozh, fondatore della Chiesa ortodossa in Inghilterra, e la rivolta di piazza Maidan, che ha portato alla cacciata del presidente Yanukovich e innescato una crisi drammatica con la Russia che va avanti da quasi un anno.

filonenko-meeting-rimini1«CRISTO NELLE PERIFERIE». Per spazzare subito il campo da equivoci, Filonenko ha affermato che «la periferia non è mai solo un’indicazione geografica» ma «il luogo dove Cristo viene a incontrarci». Come diceva il metropolita Antonio: «Ci siamo trovati a essere senza patria, separati da ciò che amavamo, stranieri in terra straniera, ci rimaneva solo la miseria e all’improvviso abbiamo scoperto che avevamo Dio e che lui poteva entrare fin dentro l’abisso del nostro dolore. Nella profondità della nostra caduta abbiamo incontrato Cristo».
Il valore delle periferie, senza tanti giri di parole, sta tutto qui: «Cristo ci viene incontro tra le rovine», tra le macerie di un’esistenza sofferente. «È solo per questo che vale la pena di osservare le periferie e aspettarsi qualcosa di imprevisto. Perché, come diceva papa Francesco, il nostro Dio è il Dio delle sorprese».

MIRACOLI E CIRCOSTANZE. È proprio quando ci si ritrova dentro una periferia, «come noi in Ucraina questo inverno», continua Filonenko, che «l’uomo ha la possibilità di essere felice. Eppure tutti noi passiamo di fianco alla possibilità di essere felici senza accorgercene. Come è possibile?». Il docente di filosofia torna a pescare da don Giussani e dal metropolita Antonio: «Entrambi davano la stessa risposta: quando ci aspettiamo una risposta da Dio, perché sappiamo che Dio risponde sempre, attendiamo sempre un angelo», un miracolo, «e invece Dio ci manda delle circostanze». Ma noi «dividiamo queste circostanze in belle e brutte, importanti e insignificanti, centrali e periferiche, e così non ci rendiamo più disponibili alla risposta di Dio».

filonenko-meeting-rimini«IL PROTAGONISTA». Il vero «protagonista» delle periferie, afferma Filonenko, «è allora l’uomo aperto a questo invito. Un uomo con sette caratteristiche: colui che mendica, ringrazia, canta, testimonia, giudica, prova compassione e festeggia». «Il protagonista della storia è il mendicante», continua riprendendo don Giussani, «l’uomo della periferia è colui che chiede di essere vulnerabile» come Gesù, che «fu vulnerabile, fragile, disprezzato e così rivelò la grandezza dell’uomo».

IL CURATORE DI UN GIARDINO. Solo il mendicante scopre che «tutto quello che c’è e che noi chiamiamo nostro ci è dato in realtà da Dio. Da questo riconoscimento nasce un’immensa gratitudine e un ringraziamento costante» da cui, a cascata, discendono la capacità di cantare («in una società che non canta più»), testimoniare e infine di festeggiare. Il protagonista delle periferie, «che vive amando Dio e dell’amore di Dio», è in ultima istanza come il «curatore di un giardino che guarda i semi, che non ha seminato lui, e riconosce nel loro fiorire la grandezza di Dio. E curando il giardino, che è il mondo, rende il suo servizio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi