Google+

Filippine, l’incredibile storia del carcere distrutto dal tifone e ricostruito dai detenuti

dicembre 28, 2013 Redazione

Tra prigionieri che hanno fatto ritorno al penitenziario raso al suolo, c’è anche un ergastolano 82enne che si proclama innocente. «Tre pasti decenti al giorno sono un privilegio in un paese povero come questo»

A quasi due mesi dal passaggio del tifone Haiyan, o Yolanda, che all’inizio dello scorso novembre ha devastato le Filippine lasciando dietro di sé 6 mila morti, quasi 2 mila dispersi e 27 mila feriti, emerge dalle rovine di Tacloban, la città colpita più duramente dal cataclisma, una storia che ha dell’incredibile. In un villaggio a una decina di chilometri da qui, infatti, tra i primi edifici ricostruiti risulta esserci il carcere. E a rimetterlo in piedi sono stati i proprio i suoi 583 “ospiti”.

L’ERGASTOLANO INNOCENTE. Come racconta Luigi Guelpa sul Giornale, due mesi fa quasi tutto nel villaggio di Leyte è stato raso al suolo dalla furia di Haiyan, compresa la prigione locale. Ma i detenuti, ritrovatisi all’improvviso in libertà, anziché darsi alla fuga approfittando della situazione, «dopo aver fatto visita ai parenti, e aver sepolto quelli deceduti, hanno fatto ritorno a Leyte» per ricostruire la loro “casa”. «Non c’era neppure più il portone», spiega l’82enne Alberto Encina, uno dei carcerati, citato dal quotidiano. «Ma come per incanto tutti assieme, compreso il direttore, siamo riusciti nello spazio di poche settimane a rimettere in piedi il penitenziario». La vicenda personale dell’ergastolano Encina per altro aggiunge dell’incredibile a questa storia già quasi marziana: «Sono innocente. L’ho spiegato fin dall’inizio. Non mi hanno voluto credere. Da queste parti permettersi un avvocato è un lusso per pochi. Quello che mi è stato assegnato si presentò in tribunale ubriaco».

«LA CELLA UN PRIVILEGIO». Comunque il fatto che questo anziano signore abbia scelto di finire di scontare un ergastolo, e per giunta immeritato (almeno a suo dire), anziché darsi alla fuga, ha una spiegazione. Ed è lo stesso Encina a darla: «Le Filippine sono un paese molto povero, per queste ragioni rimanere in una cella, potendo consumare tre pasti decenti al giorno, e usufruire di qualche attività ricreativa, diventa un privilegio per pochi eletti». Di qui la decisione dei detenuti di ricostruirsi la galera per poterci tornare dentro. Decisione che al direttore del carcere George Gaditano non risulta neanche tanto strana: «Non sono rimasto sorpreso più del dovuto. Le condizioni di accoglienza del nostro carcere sono del tutto umane».

PECCATO DOVERE USCIRE. Il detenuto 36enne Alphinor Serrano, finito dentro per vari furti di automobili, conferma: «Prima di entrare a Leyte non sapevo né leggere e neppure scrivere. Grazie ai libri della biblioteca oggi non sono più analfabeta, e neppure un ladro d’auto». Come gli altri prigionieri, anche Serrano sembra dispiaciuto di dover lasciare un giorno quel carcere appena ricostruito. Il Giornale riporta anche notizie della stampa locale secondo le quali «il 95 per cento della documentazione processuale dei detenuti è andata distrutta durante l’uragano e, senza uno straccio di prova scritta, chiunque di loro potrebbe chiedere in qualsiasi momento di abbandonare il penitenziario. I carcerati lo sanno bene, ma fanno finta di nulla».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana