Google+

Filippine. «Chi non rispondeva alle domande sul Corano veniva ucciso»

giugno 19, 2017 Leone Grotti

Le testimonianze dei cristiani di Marawi, che i musulmani hanno salvato dalla furia omicida dell’Isis. «Pensavo fosse la fine, ringrazio Dio per questi musulmani»

epa06012806 A handout photo made available by the Joint Coordinating, Monitoring, and Assistance Center (JCMAC) of the GPH-MILF Peace Corridor on 06 June 2017 shows damaged buildings in Marawi City, Mindanao Island, southern Philippines, 05 June 2017. According to media reports, at least 174 people have been killed in ongoing clashes between militants linked to the so-called Islamic State (IS or ISIS, ISIL) militant group and the Philippine Army in the southeastern city of Marawi. The clashes began on 23 May when a military operation failed to capture Isnilon Hapilon, the leader of the extremist group Abu Sayyaf who was being safeguarded by members of the Maute Group, both groups pledged alliance to IS. Philippine President Rodrigo Duterte declared martial law for the island of Mindanao on the same day that the conflict emerged.  EPA/GPH-MILF PEACE CORRIDOR HANDOUT  HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Tre cristiani sono stati nascosti dal datore di lavoro musulmano a Marawi, nelle Filippine, mentre i terroristi dello Stato islamico bussavano a tutte le porte per trovare i non musulmani e ucciderli sul posto. «Li sentivamo gridare “Allahu Akbar” e porre quesiti religiosi. Se qualcuno non rispondeva alle domande sui versetti del Corano, subito seguivano degli spari», ha dichiarato Ian Torres al New York Times.

CALIFFATO NELLE FILIPPINE. Il cristiano di 25 anni era impiegato come imbianchino per un musulmano insieme ad altri due cristiani, Nick Andilig, 26 anni, e Arman Langilan, 22 anni. Si trovavano al lavoro quando il 23 maggio i jihadisti di Maute, milizia locale affiliata all’Isis, hanno lanciato un attacco alla città di 200 mila abitanti dell’isola meridionale di Mindanao per conquistarla e farne la capitale dell’Isis nelle Filippine. Da allora l’esercito nazionale non è ancora riuscito a riprendere la città. Negli scontri tra i terroristi e i soldati sono già morte oltre 300 persone, tra le quali almeno 30 civili, mentre 180 mila residenti sono fuggiti. Molti abitanti però sono ancora intrappolati nei quartieri di Marawi sotto il controllo del Maute. I jihadisti, che hanno devastato e bruciato la cattedrale, hanno anche preso diversi ostaggi, tra cui un sacerdote e una decina di cristiani.

«LUI CI HA SALVATI». I cristiani sono stati nascosti dal musulmano in casa sua insieme a una donna incinta al settimo mese e al marito. «Quando i jihadisti hanno raggiunto la casa, il nostro datore di lavoro ha detto che non c’erano cristiani in casa. Se ne sono andati, passando all’abitazione dei vicini. Poi abbiamo subito sentito lo scoppio degli spari», racconta Andilig, che è riuscito a scappare dalla città insieme agli altri due cristiani. «Il principale se n’è andato prima di noi insieme ad altri uomini. Ha detto che sarebbe tornato per aiutarci ma non ci è riuscito. Lui ci ha salvati, è un buon musulmano».
Per quattro giorni i cristiani sono sopravvissuto grazie al cibo rimasto in casa, poi hanno deciso di scappare. «La donna incinta e il marito sono rimasti nella casa, per loro era troppo pericoloso. Abbiamo promesso che avremmo mandato qualcuno a prenderli. Abbiamo affidato le nostre vite a Dio e siamo fuggiti». Il 13 giugno i tre cristiani sono riusciti a raggiungere un check point dell’esercito e a salvarsi. L’esercito non è ancora riuscito a trovare i loro colleghi.

I CINQUE POLIZIOTTI. Questo non è l’unico esempio di cristiani salvati dai musulmani a Marawi. Il New York Times parla anche di cinque poliziotti musulmani che hanno nascosto cinque muratori cristiani per circa tre settimane. «Avremmo potuto scappare perché siamo musulmani», spiega uno di loro, Lumla Lidasan. «Ma il nostro dovere di poliziotti ci impone di proteggere la gente. Quindi abbiamo scelto di restare, altrimenti avrebbero giustiziato sul posto i civili cristiani». Grazie alle armi d’ordinanza, sono riusciti a proteggere la casa, poi sono fuggiti insieme ai civili mentre le pallottole sibilavano dovunque per aria attorno a loro. In due sono rimasti feriti, ma nessuno è morto. «Pensavo fosse la fine per noi», racconta Rodel Aleko, uno dei cristiani salvati e rimasto ferito ad una gamba. «Io ringrazio Dio per questi ufficiali. Inizia una seconda vita per noi».

Foto Ansa e Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana